Attacco al Politecnico di Kerč’

Attacco al Politecnico di Kerč’

Oggi Il Politecnico di Kerč', in Crimea, è stato teatro di una terribile esplosione che ha coinvolto diverse persone.

I morti accertati al momento sono 18 (ma alcuni media sostengono 19) di cui quasi tutti studenti dai 15 ai 17 anni, mentre non è ancora noto il numero dei feriti. Secondo l'agenzia stampa Tass, l'esplosione sarebbe avvenuta all'ora di pranzo nella mensa della scuola, causata da un ordigno composto da schegge metalliche. Dalla ricostruzione dei fatti emerge che prima della deflagrazione si sono registrati degli spari da arma da fuoco nei corridoi della scuola, tuttavia non è ancora chiara la dinamica dell'accaduto.Alcuni testimoni, hanno dichiarato da subito di aver avvistato un uomo che indossava un paio di jeans e una giacca verde, aggirarsi nei corridoi del primo piano.

La presenza dell'ordigno, invece, è stata confermata dal National Antiterrorist Committee (NAC). Andrei Przhezdomsky, portavoce ufficiale del NAC, sul canale televisivo Russia24 (VGTRK), ha dichiarato "La direzione dei vertici del quartier generale operativo (NAK), forze e mezzi dell'FSB, agenzie per gli affari interni e il Ministero delle Emergenze, lavorano per gestire l'emergenza". Inoltre ha aggiunto che il territorio è stato isolato e che tutte le forze stanno lavorando per chiarire le cause dell'accaduto e accertarsi sull'eventuale rischio, o meno, di ulteriori esplosioni.

"La direzione dei vertici del quartier generale operativo (NAK), forze e mezzi dell'FSB, agenzie per gli affari interni e il Ministero delle Emergenze, lavorano per gestire l'emergenza"

Andrei Przhezdomsky

​Ecco un video che riprende i primi momenti della tragedia.

Sergej Alksënov, Capo della Repubblica di Crimea dal 2014, ha reso noto, successivamente, che l'autore dell'esplosione è uno studente del quarto anno di 18 anni, di nome Vladislav Roslyakov, che si sarebbe suicidato dopo l'attacco " Il sospetto assalitore si è sparato. Era al quarto anno dell'istituto professionale di Kerch. Il suo corpo è stato trovato in biblioteca al secondo piano".

Ovviamente non sono mancate le reazioni da parte delle istituzioni russe.Vladimir Putin ha immediatamente manifestato la sua solidarietà alle famiglie delle vittime e ha annunciato di aver incaricato il Ministero della Sanità e il Ministero delle Situazioni di Emergenza di fornire tutto il sostegno necessario. Allo stesso tempo, il primo ministro Dmitrij Medvedev ha incaricato il Ministro della Pubblica Istruzione, Olga Vasilyeva, di recarsi in Crimea per verificare la situazione e organizzare le operazioni di assistenza.

Inoltre il portavoce del Presidente russo, Dmitrij Peskov, aveva inizialmente dichiarato che era stata presa in considerazione la possibilità che l'esplosione fosse il frutto di un attentato terroristico, ipotesi poco dopo smentita dalle autorità investigative che hanno riclassificato il caso come "omicidio".

Nonostante siano ancora in corso gli accertamenti sulla natura dell'attacco, al momento trova maggiore sostegno la tesi dell'azione solitaria. Risulta, tuttavia, di facile comprensione il motivo per cui sia rimbalzata subito l'ipotesi di terrorismo. Ricordiamo infatti che la penisola, annessa alla Russia nel 2014, è stata, e continua ad essere, terreno di forti criticità geopolitiche. Inoltre, la città di Kerč', che è situata tra il Mar d'Azov e il Mar Nero, ha una funzione altamente strategica nella politica di annessione russa. Non a caso il 15 Maggio, il Presidente Vladimir Putin aveva inaugurato il ponte, lungo 19 km che, estendendosi dalla Crimea alla Russia continentale, ha assunto una funzione che potremmo considerare prevalentemente politica: l'affermazione materiale dell'integrazione politica della Crimea alla Russia.

Restiamo in attesa di ulteriori aggiornamenti.

Gli sfidanti

Quando si parla di elezioni presidenziali in Russia, non è facile andare al di là della figura di Putin, l'uomo che ha guidato il Paese per un ventennio quasi ininterrotto, e che anche in questa tornata si presenta come favorito. Non è facile sia perché la prevedibilità dei risultati ha progressivam...
https://www.russiain2018.com/index.php/entry/16-gli-sfidanti
Sovietistan: un viaggio in Asia centrale
Centro Asia: un cammino accidentato in un contesto...

Related Posts

 

Comments (0)

There are no comments posted here yet

Leave your comments

  1. Posting comment as a guest. Sign up or login to your account.
Attachments (0 / 3)
Share Your Location

Iscriviti alla nostra Newsletter

Tag Cloud

Islam Nagorno-Karabakh Unione Prigožin opposizioni Grande Gioco geopolitica esercito Occidente Russia Unita Caucaso età dei torbidi Lettonia Vladimir Putini Svezia Eltsin 1941 Baku Boris Titov lingua Austria PIL Tajikistan ISP Federazione Russa via della seta scramble for Africa Kirghizistan Aleksej Naval'nyj russofobia Reagan Minchenko Group Consulting Protocollo di Minsk Venezuela Pubblicazioni Italia Calcio Difesa San Pietroburgo El'cin Armenia comunismo Astana estremismo Bielorussia nazionalismo stalinismo Unione Europea Azerbaigian Siria Diplomazia Eco Internazionale Olocausto gasdotto Idlib Transnistria gas elezioni Pashinyan Diritti umani Trump anti-liberalismo SGC Saakashvili Cecenia Vostok18 elezioni presidenzali Armi tossicodipendenza Regime Change settore estrattivo TANAP antiterrorismo Egitto rivoluzione di velluto Jabloko G8 Cronache di viaggio Pensioni Afghanistan imperialismo Germania Michele I Mediterraneo Proteste FIFA LDPR Uzbekistan eroina Oriente WCIOM influenza Cripto Valley S-400 Sobčak Gazprom propaganda Vladimir Žirinovskij ortodossia Donbass FSB Russiagate partiti Levada Peredača LGBT Zelenskij Panslavismo reportage TAP Israele liberalismo URSS Patriarca Kirill nucleare soft power Krymskij most Nikita Chruščëv sondaggi elettorali Kortezh Casa Bianca Libia Ilham Aliyev Russkij Mir Sergej Baburin Sanzioni terrorismo energia estrema destra Balcani Midterm Maxim Surajkin bitcoin criptovalute Mar Baltico HIV Romanov spie Business Russia Sorge PCUS Iran Welfare Chiesa Ortodossa Russa Costituzione Russa Stalin ingerenze russe INF Passaporto Chiesa ortodossa Arkadij Babcenko Sputnik Ucraina Krasnodar minoranza Russia K-19 Kuznetsov Gorbačëv Pavel Grudinin Politica export armi gay spesa militare Turchia Ksenija Sobčak Unione sovietica Cremlino Democrazia candidati nazismo trattato di pace elezioni presidenziali Cherchesov RussiaToday Smolensk migranti Spagna Theresa May inchiesta Asia Centrale Rosneft Corea del Sud Disarmo Finlandia PCFR Battaglie storiche Moldavia Caspio nord stream Riforme Società Tagikistan Demografia Partito Comunista Gibilterra monarchia Gas naturale Dmitrij Medvedev boicottaggio Medio Oriente caso Skripal Nigeria OPK Relazioni internazionali Guerra fredda Putin WC2018 Merkel Mare del Nord Crimea rivoluzioni colorate diritti Ungheria Soft power Francia Gennadij Zjuganov G7 Trident Juncture 2018 Mondiali 2018 Kazakistan Brest-Litovsk Akinfeev Stati Uniti Sondaggi Macron Turkmenistan DNS opinione pubblica Corea russkaja ulica Europa Nato Cittadinanza dazi americani Kiev politica estera internet Runet politiche energetiche Mosca Usa Helsinki Skripal scenari politici Cina Assad spese militari Zurabishvili governo russo Georgia Azerbaijan Naval'nyj Poroshenko SCO Vladimir Putin Storia Kerč’ rete Paesi Baltici SergeJ Skripal Pietro il Grande ISIS corruzione Cernenko Giovani Partito del Progresso religione Poltava Kim Asia Salman Grigorij Javlinskij troll opposizione politica Africa green energy Lavrov Flame Towers proteste in Russia Economia Mondiali UE Sicurezza Anatolij Sobčak Vedemosti zar Arabia Saudita Power of Siberia Franco