La Guerra d’Inverno e di continuazione. La resa dei conti finno-sovietica

La Guerra d’Inverno e di continuazione. La resa dei conti finno-sovietica

«I russi sono così tanti e la nostra nazione così piccola. Dove troveremo lo spazio per seppellirli tutti?».

Aneddoto finlandese in tempo di guerra

La grande guerra patriottica rappresenta, tutt'ora, per le popolazioni post-sovietiche una tragedia immane difficile da cancellare. 20 milioni di morti e enormi devastazioni furono il risultato di un conflitto disumano e totalizzante, una vera e propria mattanza ideologica e sociale. Se nomi quali Stalingrado, Leningrado o le grandi offensive Bagratione e Kursk risuonano tutt'ora nei manuali di storia e nei media, episodi marginali o misconosciuti fanno parte a pieno titolo dell'eroica resistenza russa e successiva sconfitta delle orde nazifasciste. Alla vigilia dell'operazione Barbarossa, Hitler e i suoi alleati dell'Europa orientale necessitavano disperatamente di supporto logistico e strategico al fine di stringere ulteriormente la tenaglia d'acciaio intorno a Mosca.

Occupati i paesi scandinavi (ai nazisti facevano gola le ricche risorse minerarie del Baltico e inoltre bisognava impedire agli alleati di installare insidiose teste di ponte) gli sforzi diplomatici tedeschi si concentrarono massicciamente nel convincere la Finlandia a cooperare nello sforzo bellico contro il bolscevismo. I nazisti ebbero gioco facile nel cooptare la leadership di Helsinki e nel persuadere la popolazione dell'inevitabilità di un attacco preventivo certamente vittorioso sfruttando le debolezze strutturali del gigante russo e l'effetto sorpresa. Soffiava forte nel Paese scandinavo il vento del revanscismo e il nazionalismo della giovane nazione anelava a conquiste territoriali e propositi di grandeur a scapito degli sterminati territori del vicino. La nazione finlandese si percepiva mutilata e dalle frontiere giungeva inascoltato il grido dei finlandesi in terra russa: i kareliani e gli ingri che, seppur finnici di ceppo, vivevano in territorio sovietico soffrendo le indicibili brutture centralizzanti dello stalinismo. Nel novembre del 1939, inesorabilmente, le dispute di confine mutarono in guerra aperta quando i bolscevichi, di fronte all'ostinato rifiuto finnico di cedere strategiche aree di confine ricche di risorse naturali, invasero in forze il vicino nordico alla ricerca di ulteriori conquiste e di una propagandata facile vittoria da offrire al panorama interazionale. La sproporzione di forza, umana e materiale, avvantaggiava terribilmente gli invasori ma la conoscenza del territorio e la risolutezza, nonché l'abilità militare e politica dello statista Carl Gustaf Emil Mannerheim (tutt'ora e con qualche riserva considerato eroe nazionale di Finlandia) permisero ai nordici di offrire una resistenza coriacea e imprevista. 

Carl Gustaf Emil Mannerheim

La comunità internazionale si schierò immediatamente dalla parte degli invasi (pesava la palese negazione del trattato di non aggressione finno-sovietico del 1932) ma pochi e residuali furono i sostegni materiali e esclusivamente simbolica, se non dannosa, fu la decisione di espellere l'Unione Sovietica dalla Società delle Nazioni. Un popolo di pochi milioni di individui osò sfidare il moloch sovietico e bloccò a più riprese le ondate sovietiche lungo il lago Ladoga e nell'estremo nord lappone. La carenza di equipaggiamenti invernali, l'impreparazione e la macchinosa catena di comando concessero all'esiguo esercito di Mannerheim di infliggere dolorosi lutti alle ambizioni di Stalin e gli evasivi battaglioni di truppe speciali di sciatori popolarono gli incubi degli spaesati fanti sovietici con la loro ubiquità. Controffensive vennero coraggiosamente messe in atto dal quartiere generale di Helsinki (la mortalmente efficace guerriglia finlandese verrà imitata dagli altrettanto famigerati partigiani sovietici nelle gelide pianure russe e ucraine durante l'invasione nazista) ma troppa era la sproporzione di forza e la tenacia di Stalin per poter consegnare ai finlandesi i frutti di una insperata vittoria e, sfumata la possibilità di massicci rinforzi occidentali, la semplice massa dell'esercito sovietico ebbe la meglio sulle provate difese finlandesi.

Il maresciallo Mannerheim, preso atto della situazione, raccomandò al proprio governo di giungere a un cessate il fuoco prima del collasso definitivo del fronte. Il trattato di pace di Mosca che pose fine alle ostilità (temporaneamente) fu firmato il 12 marzo 1940 e le cessioni territoriali penalizzarono pesantemente l'economia e il tessuto sociale del paese invaso (il 12% dei finlandesi si scoprì da un giorno all'altro in territorio straniero) e avvicinò inesorabilmente il governo di Helsinki alla Germania nazista, ma rappresentò una vittoria di Pirro per l'Armata Rossa che espose le sue ataviche debolezze e si logorò inutilmente nonostante il pericolo di ulteriori e di più vasta scala conflitti. 

La guerra di continuazione non rappresentò nient'altro che la possibile resa dei conti da parte dei finlandesi e parimenti al conflitto precedente fu una guerra sanguinosa e brutale, la quale si trascinò per quattro inesorabili anni cagionando ulteriori lutti ai belligeranti. Parallelamente all'avanzare inesorabile della macchina da guerra nazista si mossero sul settore nord e lungo l'istmo di Ingria e Carelia le armate finlandesi in direzione di Leningrado, partecipando all'assedio dell'odierna San Pietroburgo, senza riuscire a sfondare e infliggere una batosta finale al dominio sovietico. Dopo un avanzata fulminea il conflitto si trasformò in una logorante guerra di posizione di fronte a cui, ancora una volta, le esigue compagini finlandesi non riuscirono a resistere. La controffensiva sovietica (facilitata dall'interrotto flusso di rinforzi e equipaggiamenti alleati) riconquistò palmo a palmo il territorio invaso precedentemente, scontrandosi nuovamente con una situazione climatica proibitiva e la combattività dei soldati dell'Asse.

Nell'ottica di una nefasta e possibile invasione totale del piccolo Paese scandinavo, al pari dei paesi Baltici ed est europei, il generale Mannerheim nuovamente consigliò al governo (presieduto dal carismatico Risto Ryti) di chiedere un armistizio che venne firmato il 19 settembre 1944, con un conseguente cambio di fronte. Le condizioni imposte alla Finlandia cagionarono ulteriori perdite di territorio (cessione di Petsamo e della penisola di Porkkala) ma permisero alla Finlandia di conservare un insperata piena sovranità. Ben più dura fu la richiesta di Mosca di scacciare manu militari le residue compagini naziste (all'incirca 200.000 uomini) complicata dalla già avviata campagna di smobilitazione e dagli scarsi rinforzi sovietici. I nazisti si ritrovarono a combattere, prevalentemente in Lapponia, gli ex alleati in una situazione paradossale in cui non poche furono le rappresaglie contro i civili e i prigionieri di guerra.

Se si considera la "guerra d'inverno", la guerra di continuazione e gli scontri finno nazisti in Lapponia come un singolo evento in un'unica cornice bellica, le perdite finlandesi ammontano a 100.000 (un numero impressionante per un paese con meno di 3 milioni di abitanti) e più del triplo ai sovietici, ma ha lasciato delle cicatrici difficili da ricucire nei rapporti fra i due Paesi nel corso dell'esperienza della guerra fredda e oggi. I governi che si succedettero avvertirono il peso della minaccia sovietica e pur non schierandosi mai apertamente nei confronti di Mosca, portarono avanti una linea politica pragmatica e di bilanciamento verso la Nato e l'Unione Sovietica. Dispute di confine, pesanti influenze elettorali e pervasività (seppur ridotta a livello meramente accademico) della questione careliana e dei territori ceduti portarono i due Paesi a ripetuti scontri diplomatici che fortunatamente non esplosero in una nuova e più devastante guerra.

Ma più che la Storia è la Geopolitica che condiziona la prosperità e la sicurezza di uno stato e i 1340 km di confine fra le due Nazioni rappresentano tutt'ora un importante fonte di preoccupazione per Helsinki in vista della nuova assertività e protagonismo russo sulla scena internazionale. Frequenti gli atti di spionaggio economici e militari (ripetutamente colpite le relazioni con l'Unione Europea) denunciati vivamente dal Supo (servizi segreti) e non si contano le violazioni degli spazi aerei e navali da parte di audaci caccia russi e sottomarini di nuova generazione. Lo stesso esercito finlandese, pressato dalle contingenze internazionali, ha recentemente iniziato un processo graduale e ambizioso di riammodernamento in luce di possibili collaborazioni con le nuovissime divisioni Nato schierate in Polonia e nei Baltici. Ulteriore elemento di disturbo è il rafforzamento dei sistemi missilistici e convenzionali dell'exclave russa di Kaliningrad, ennesima spina nel fianco nel cuore dell'Europa dell'Est più vulnerabile a un possibile attacco del Cremlino. Se difficilmente gli eserciti di Helsinki e Mosca si sconteranno ancora fra la Lapponia e la Carelia, nuove tensioni e l'inasprirsi delle relazioni multilaterali fra UE e Russia destabilizzeranno ulteriormente il fronte Nord, aumentando il nervosismo del governo finlandese presieduto dall'imprenditore Juha Sipila.

Aleksej Naval'nyj, la versione di una sua sostenit...
Escalation e ritorno, Mosca e Tel Aviv sulle monta...

Related Posts

 

Comments (0)

There are no comments posted here yet

Leave your comments

  1. Posting comment as a guest. Sign up or login to your account.
Attachments (0 / 3)
Share Your Location

Iscriviti alla nostra Newsletter

Tag Cloud

Eco Internazionale Gibilterra anti-liberalismo russkaja ulica TAP Rosneft esercito estrema destra Svezia Panslavismo K-19 San Pietroburgo Politica Olocausto Kerč’ candidati Cremlino Grigorij Javlinskij Caspio Nato monarchia Mosca INF nucleare SGC Romanov Costituzione Russa Russkij Mir Iran Krymskij most gay boicottaggio Georgia Mondiali 2018 Paesi Baltici dazi americani Stalin Trident Juncture 2018 Akinfeev Corea del Sud Midterm diritti Pietro il Grande Oriente lingua Unione elezioni presidenzali Boris Titov nazismo Grande Gioco Cherchesov Helsinki Partito del Progresso Israele Finlandia scenari politici minoranza Gennadij Zjuganov propaganda G7 WCIOM Kiev Bielorussia Chiesa ortodossa Venezuela Giovani Cernenko Diritti umani Krasnodar Poltava LGBT Armenia Sputnik elezioni Levada Peredača sondaggi elettorali Reagan Cronache di viaggio Crimea Economia Regime Change criptovalute S-400 Salman Africa opposizioni Kortezh troll opposizione politica Vladimir Putini Smolensk liberalismo religione opinione pubblica Power of Siberia Asia Centrale ingerenze russe Saakashvili Kirghizistan Unione Europea Azerbaijan proteste in Russia Assad Kazakistan PCFR Gorbačëv Eltsin Caucaso Vostok18 Merkel zar Azerbaigian ISP Vedemosti Guerra fredda Sorge Sicurezza Mare del Nord soft power bitcoin Cripto Valley politica estera Pensioni comunismo caso Skripal rivoluzioni colorate energia Aleksej Naval'nyj Partito Comunista Welfare Transnistria nord stream SCO Cina SergeJ Skripal Italia ISIS UE Europa Skripal Idlib export armi PCUS URSS Moldavia Federazione Russa FSB Società spesa militare Mar Baltico Arabia Saudita Austria Germania eroina Trump Brest-Litovsk Prigožin Runet RussiaToday ortodossia Battaglie storiche Macron Russia Unita gasdotto Business Russia elezioni presidenziali Egitto LDPR Vladimir Žirinovskij Jabloko Naval'nyj Medio Oriente Mediterraneo internet Dmitrij Medvedev Astana Michele I WC2018 Demografia reportage OPK Theresa May Balcani HIV geopolitica Nikita Chruščëv Patriarca Kirill russofobia stalinismo Disarmo Gazprom Minchenko Group Consulting scramble for Africa Spagna Mondiali Gas naturale Siria DNS Turchia PIL rivoluzione di velluto Sobčak Unione sovietica rete Stati Uniti spese militari Casa Bianca Lettonia Usa migranti Franco Ucraina Vladimir Putin Diplomazia imperialismo Anatolij Sobčak trattato di pace Arkadij Babcenko governo russo spie Putin Kuznetsov Storia Pashinyan Tajikistan El'cin Libia Occidente Maxim Surajkin inchiesta Russia Ksenija Sobčak Armi settore estrattivo gas via della seta nazionalismo Turkmenistan Asia 1941 Protocollo di Minsk Cecenia influenza Donbass Zurabishvili Pavel Grudinin estremismo corruzione età dei torbidi Lavrov Nagorno-Karabakh Chiesa Ortodossa Russa Soft power Sergej Baburin tossicodipendenza Afghanistan Riforme TANAP Sondaggi Sanzioni Russiagate FIFA antiterrorismo Uzbekistan Calcio Proteste Difesa politiche energetiche green energy G8 Nigeria terrorismo