Nasce Russia 2018

Nasce Russia 2018

Siamo alle prime battute di un anno che si rivelerà cruciale per la Russia, per via di una combinazione di eventi che difficilmente si replicherà nel futuro prossimo.

Primo fra tutti, anche cronologicamente, l'appuntamento elettorale più atteso. ​Le presidenziali del 18 marzo stabiliranno infatti se (e soprattutto quanto) Putin sia ancora in grado di rappresentare le istanze del popolo russo, dopo anni di recessione, sanzioni e crisi internazionali. Una scommessa che sembra già vinta, dati i sondaggi, ma che tuttavia presenta ancora delle incognite e potrebbe portare a dei risvolti inediti, sia sul piano interno che su quello internazionale.

Seguiranno, a meno di tre mesi di distanza, i ​mondiali di calcio, l'evento più importante in ambito sportivo, nonché il culmine della strategia di immagine attuata da anni dalla presidenza Putin. Una vetrina irripetibile che inaugurerà il probabile quarto mandato dell'inquilino del Cremlino, e che mostrerà al globo (e soprattutto all'Europa) un altro volto della Russia, più aperto e accattivante.

Il 2018 sarà anche un anno decisivo per la politica internazionale. L'ascesa di nuovi leader (Trump e Macron su tutti), combinata con la persistenza delle maggiori crisi irrisolte (Corea, Siria e Ucraina), deve ancora produrre i suoi effetti più dirompenti. Mosca gioca un ruolo chiave in pressoché tutte le arene più calde e sicuramente continuerà a dare il suo apporto strategico, costruttivo o meno, nei teatri più rilevanti in ambito globale.

Seguendo principalmente questi tre fili conduttori, vogliamo raccontare al pubblico italiano cosa sarà il ​​2018 ​per la Russia. Vogliamo evitare le banalizzazioni, le tifoserie e gli stereotipi che sono sempre dietro l'angolo, quando si tratta di questi temi. Vogliamo mostrare i tanti volti della Russia, dalle opinioni della società civile ai meandri della politica, dai preparativi delle grandi città fino alle voci delle periferie della Federazione, che si sentiranno appena sfiorate da certi eventi (o forse no). E intendiamo rivolgerci più o meno a tutti, dai curiosi agli appassionati del Russkiy mir, fino agli spettatori dei mondiali di calcio che vorrebbero sapere di più del Paese ospitante.

Chi siamo? Un team eterogeneo di giovani ricercatori, studenti e studiosi del mondo russo e delle relazioni internazionali, provenienti da ogni parte d'Italia (e non solo), autofinanziati e motivati dalla passione per la geopolitica e l'analisi. Siamo aperti alle collaborazioni, valuteremo eventuali candidature di chiunque si senta in grado di fornire un contributo al progetto (è richiesta almeno un'esperienza minima in blog, scrittura e ricerca sulla Russia).

Per candidature o per altre informazioni, contattateci all'indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Il team di Russia 2018

​Regole di condotta e politiche editoriali
 

Comments (0)

There are no comments posted here yet

Leave your comments

  1. Posting comment as a guest. Sign up or login to your account.
Attachments (0 / 3)
Share Your Location

Iscriviti alla nostra Newsletter

Tag Cloud

Mar Baltico estremismo Idlib Stalin stalinismo Occidente Levada politiche energetiche El'cin Vostok18 Demografia Società spese militari religione Ucraina Sicurezza Afghanistan Maxim Surajkin opposizione politica Paesi Baltici Russia Pietro il Grande Protocollo di Minsk Arkadij Babcenko Grande Gioco Transnistria ingerenze russe trattato di pace troll Jabloko Italia Sergej Baburin Patriarca Kirill G7 dazi americani Krasnodar propaganda criptovalute 1941 Cherchesov Naval'nyj Calcio Nigeria Zurabishvili DNS elezioni presidenzali Austria LDPR geopolitica Giovani Asia Centrale lingua OPK Unione Europea energia Business Russia Caucaso opposizioni Svezia Reagan Pavel Grudinin liberalismo Balcani Casa Bianca Nikita Chruščëv Boris Titov Lavrov Arabia Saudita Kortezh Akinfeev Regime Change Riforme Cernenko Franco spie Romanov Armenia Usa boicottaggio Uzbekistan Gibilterra Guerra fredda Salman antiterrorismo Panslavismo spesa militare Macron export armi Partito Comunista influenza UE comunismo Federazione Russa caso Skripal zar K-19 Storia migranti Russia Unita Cronache di viaggio TAP San Pietroburgo bitcoin internet Trump russofobia Sanzioni Pensioni inchiesta Midterm candidati sondaggi elettorali elezioni presidenziali Corea del Sud Turchia Kerč’ Sputnik Sorge Oriente Bielorussia FSB Ksenija Sobčak Theresa May Difesa Nagorno-Karabakh Sondaggi opinione pubblica Vladimir Putini Diritti umani Mare del Nord Medio Oriente Battaglie storiche Grigorij Javlinskij Vedemosti SCO rete Kazakistan Europa Brest-Litovsk INF SGC Turkmenistan gas esercito Rosneft tossicodipendenza Michele I proteste in Russia soft power Helsinki Crimea G8 Astana Minchenko Group Consulting Saakashvili ISP Putin Germania WC2018 imperialismo Aleksej Naval'nyj Trident Juncture 2018 Stati Uniti reportage WCIOM Iran Kiev Donbass Nato Gazprom Eltsin Chiesa ortodossa PCFR Libia SergeJ Skripal Kuznetsov via della seta età dei torbidi Mondiali Caspio Economia Moldavia Mediterraneo Cremlino Gas naturale ISIS Dmitrij Medvedev FIFA rivoluzione di velluto eroina Merkel corruzione Gorbačëv ortodossia Pashinyan Gennadij Zjuganov nazionalismo Georgia Assad Russiagate RussiaToday Siria Venezuela Vladimir Žirinovskij Peredača green energy Soft power Armi politica estera Proteste Cecenia Unione sovietica nucleare Costituzione Russa Skripal elezioni Runet Olocausto gasdotto anti-liberalismo Asia Lettonia Azerbaijan governo russo Diplomazia scenari politici rivoluzioni colorate URSS nord stream Spagna minoranza Smolensk Disarmo nazismo Cina Egitto Israele Partito del Progresso PCUS PIL Prigožin Poltava HIV Cripto Valley Mondiali 2018 Unione terrorismo Sobčak TANAP Anatolij Sobčak Finlandia Krymskij most estrema destra monarchia Kirghizistan Eco Internazionale Mosca Chiesa Ortodossa Russa Welfare Tajikistan Azerbaigian Vladimir Putin