Krymskij most, un ponte che divide

Krymskij most, un ponte che divide

​Diciannove chilometri. Questa la larghezza dello stretto di Kerč', ovvero la distanza tra la Crimea e la regione di Krasnodar, fino al 2014 ultimo avamposto occidentale della Federazione russa sul Mar Nero.

Una distanza che è stata coperta dal ponte "Krymskij most", inaugurato il 15 maggio, con sei mesi di anticipo rispetto alle previsioni.

Non è un'opera come le altre.

Dal punto di vista ingegneristico, è stata un'impresa molto complessa. Basti pensare che il ponte, da oggi ufficialmente il più lungo d'Europa, è stato più volte progettato durante il XX secolo ma mai portato a termine, per difficoltà tecniche che né gli ideatori zaristi, né quelli sovietici sono riusciti a risolvere. Persino Speer, il famoso architetto di Hitler, dovette arrendersi prima di vedere il suo progetto completato (iniziato nei primi mesi del 1943, servì solo a favorire le operazioni di ritirata dopo Stalingrado, e i suoi resti furono infine distrutti dalla stessa Wehrmacht). Progetti di costruzione del ponte sono stati avanzati anche dopo l'indipendenza dell'Ucraina, ma gli accordi stipulati tra Janukovyč e Medvedev sono stati vanificati dai successivi e ben noti eventi occorsi in Crimea.

Eppure, proprio l'annessione della penisola alla Federazione russa ha accelerato la costruzione del ponte, tanto che i lavori sono cominciati già l'anno successivo, nel 2015. Il Krymskij most è stato infatti fortemente voluto da Putin, per svariate e importanti ragioni.

Prima di tutto quella logistica: dover attraversare le acque impetuose dello Stretto di Kerč', o peggio ancora il territorio ucraino, è stato fino ad oggi un ostacolo molto serio all'integrazione (specie economica) della Crimea con la Russia.

Correlata alla precedente, la ragione strategica. Pur in assenza di una concreta minaccia di intervento internazionale, la Crimea resta oggetto di una disputa irrisolta con l'Ucraina, oltre che di sanzioni ancora attuate dagli Stati Uniti e da molti Paesi europei. A fronte di qualsiasi eventualità, la possibilità di un rapido ed efficace rifornimento militare della penisola resta essenziale per Mosca, tanto più se il ponte serve pure a tagliare fuori dal Mar Nero importanti città portuali ucraine, come Berdiansk (e Mariupol', se dovesse tornare mai sotto la sovranità di Kiev al posto dell'attuale repubblica di Donetsk).

Infine, naturalmente, vi è la dimensione simbolica e politica. In Russia i ponti rivestono una tradizionale importanza per il potere, anche in virtù della loro utilità nel collegare regioni altrimenti separate. Non a caso Putin ha voluto presenziare all'inaugurazione del Krymskij most il 15 maggio, guidando personalmente un camion per tutti i diciannove chilometri del ponte. Il presidente russo ha voluto sfidare non solo l'Ucraina ma tutto l'Occidente, reo peraltro di aver sanzionato anche le imprese (prima fra tutte l'S.G.M. Group di Rotenberg, oligarca amico di Putin, in prima fila negli appalti) che hanno agevolato la costruzione dell'opera.

Putin ha guidato personalmente un camion per tutti i diciannove chilometri del ponte.

La valenza simbolica dell'evento si può leggere anche nella sua data. Inaugurando il ponte a cavallo tra la sua rielezione (già stabilita per l'anniversario dell'annessione della Crimea) e il fischio di inizio dei Mondiali di calcio, Putin ha voluto lanciare un messaggio al mondo: la Russia va dritta per la sua strada, benché quest'ultima sia stata costruita su acque turbolente; nessun timore di boicottaggi o di ulteriori sanzioni cambierà il corso delle cose. Naturalmente, va da sé che certe mosse non faciliteranno la ripresa del dialogo con l'Occidente.

L'Ucraina, come preannunciato, ha fortemente protestato contro la costruzione del ponte. Anche se c'è chi, provocatoriamente (o illusoriamente) crede che sia un'opera che potrebbe tornare utile in un futuribile ritorno della Crimea sotto l'autorità di Kiev, resta un fatto molto più immediato: l'apertura del Krymskij most potrebbe danneggiare fortemente l'attività commerciale e portuale del sud-est dell'Ucraina. E allontanare ancora una volta la pace dalla regione.

Nella Russia delle sanzioni, è vietato rispettare ...
Campi gravitazionali: l’attrazione e le distanze t...

Related Posts

 

Comments (0)

There are no comments posted here yet

Leave your comments

  1. Posting comment as a guest. Sign up or login to your account.
Attachments (0 / 3)
Share Your Location

Iscriviti alla nostra Newsletter

Tag Cloud

WC2018 Israele Africa Cecenia Macron Russiagate Giovani Krasnodar spesa militare Panslavismo Mare del Nord Asia Centrale K-19 estremismo spese militari rete Libia Economia Trump bitcoin Spagna Patriarca Kirill Mosca Gas naturale Protocollo di Minsk Eltsin PIL Iran Merkel San Pietroburgo Gorbačëv Gennadij Zjuganov Kazakistan Gibilterra SergeJ Skripal Kuznetsov Vladimir Putini Sputnik gay Disarmo Grande Gioco sondaggi elettorali russofobia Minchenko Group Consulting 1941 Storia DNS Balcani Nato Unione Europea inchiesta Transnistria Smolensk antiterrorismo Caspio Boris Titov S-400 Sergej Baburin Saakashvili comunismo Arabia Saudita Grigorij Javlinskij Armi politiche energetiche Egitto Partito Comunista Runet geopolitica Nigeria OPK reportage energia Sicurezza Dmitrij Medvedev nord stream Occidente scenari politici G7 Ucraina RussiaToday Diplomazia Venezuela Stalin Europa Naval'nyj esercito Vladimir Žirinovskij Kiev Moldavia WCIOM Russia Asia Uzbekistan influenza Sanzioni Regime Change Finlandia Tajikistan Mediterraneo Arkadij Babcenko gasdotto INF Calcio elezioni Siria Pavel Grudinin Unione sovietica Cherchesov Idlib export armi Trident Juncture 2018 Partito del Progresso Jabloko Lavrov Battaglie storiche caso Skripal nazionalismo troll Vostok18 nucleare Casa Bianca Caucaso via della seta gas Astana Austria Assad Romanov Brest-Litovsk Società opinione pubblica liberalismo Turkmenistan soft power Anatolij Sobčak Difesa Chiesa ortodossa governo russo Pashinyan Kortezh Vladimir Putin russkaja ulica Cina Mondiali religione Business Russia Sobčak propaganda Italia Sondaggi LGBT Midterm Skripal Reagan Bielorussia Olocausto Peredača zar Rosneft Michele I Zurabishvili Politica Nikita Chruščëv proteste in Russia settore estrattivo Medio Oriente Cernenko Afghanistan Svezia Corea del Sud Gazprom elezioni presidenziali Nagorno-Karabakh Guerra fredda UE Prigožin Salman ISIS boicottaggio Armenia Mar Baltico trattato di pace LDPR Cremlino SGC tossicodipendenza Donbass ISP Pietro il Grande scramble for Africa rivoluzioni colorate Akinfeev internet Diritti umani Russia Unita PCFR anti-liberalismo Chiesa Ortodossa Russa Power of Siberia Mondiali 2018 URSS opposizione politica migranti Vedemosti TAP Putin Oriente Federazione Russa rivoluzione di velluto Germania SCO eroina età dei torbidi Kirghizistan Ksenija Sobčak Soft power Welfare Costituzione Russa Lettonia estrema destra Franco elezioni presidenzali Turchia diritti Crimea Proteste opposizioni lingua dazi americani Aleksej Naval'nyj ortodossia Unione Cronache di viaggio TANAP Usa criptovalute Demografia corruzione terrorismo stalinismo Maxim Surajkin G8 Pensioni monarchia El'cin imperialismo Krymskij most candidati Sorge FSB Russkij Mir Theresa May Cripto Valley Stati Uniti Poltava HIV Eco Internazionale Azerbaigian spie politica estera minoranza Kerč’ Azerbaijan ingerenze russe Georgia FIFA Levada Riforme PCUS Paesi Baltici Helsinki green energy nazismo