Le spese militari di Mosca, tra ieri e oggi

Le spese militari di Mosca, tra ieri e oggi

Dopo la dissoluzione dell'Unione Sovietica e la scomparsa del mondo bipolare, la Federazione Russa sorta dalle sue ceneri nel 1991 non rappresenta altro che un pallido ricordo del suo predecessore. Il Paese appena nato entra in crisi immediata: il rublo è in caduta libera; la disoccupazione e la criminalità aumentano vertiginosamente; un intero sistema politico e sociale deve essere rielaborato.

Cosa resta della superpotenza sovietica e del suo peso geopolitico? Certamente poco, ma di grandissimo valore. Mosca riceve importanti eredità: il seggio permanente al Consiglio di Sicurezza ONU e, quindi, il potere di veto sulle risoluzioni; il possesso e la ricchezza delle estese riserve di fonti energetiche; un ampio arsenale atomico; il consistente export di armi, tecnologie militari e personale tecnico (benché ridotto rispetto al passato).

Guardando l'evoluzione russa dai terribili anni Novanta ad oggi, si può facilmente riconoscere come e dove il Cremlino abbia sfruttato ciascuno di questi strumenti, rimanendo dunque abbastanza ancorato al modello sovietico: in seno alle Nazioni Unite è palese l'azione diplomatica russa, soprattutto se guardiamo oggi alla Siria; la crescita economica dell'ultimo quindicennio si è basata in gran parte sui prezzi delle risorse energetiche e sugli ingenti ricavi ottenuti da queste (con tutti i pro e contro di questa strategia). Infine, la credibilità e l'autorevolezza di certe posizioni è sicuramente rafforzata dal potenziale tecnologico-militare. In cosa consiste oggi l'investimento militare russo e come è cambiato rispetto alla Guerra Fredda e alle prerogative del gigante sovietico?

Per l'URSS il supporto tecnologico-militare è stato fondamentale per garantire la stabilità e la protezione dei suoi alleati (su tutti quelli del Patto di Varsavia), per sondare possibili cooperazioni o qualsiasi tipo di opposizione agli interessi e all'influenza statunitense. Secondo SIPRI, tra il 1950 ed il 1991 Mosca esporta materiali bellici (molti dei quali tutt'oggi impiegati) in oltre 70 Paesi. È difficile quantificare l'esatto volume degli scambi, ma dall'andamento di questi si possono interpretare molti dei rapporti tra l'Unione Sovietica ed i suoi partner. Per restare ancorati al presente prendiamo in esame la Siria e cerchiamo così di capire meglio la storia delle relazioni tra Mosca e Damasco.

Dal 1970 al 1991, l'URSS esporta verso la Repubblica Araba Siriana un volume di tecnologie e strumenti militari secondo soltanto a quello diretto in India, una quantità impressionante se paragoniamo le dimensioni dei due Paesi. Ma il rapporto con Hafiz al-Assad è stato tutt'altro che costante. Il grafico ci mostra chiaramente gli alti e i bassi di questa partnership.

Ai picchi (oltre 3 miliardi) del biennio 1973-1974 (Guerra dello Yom Kippur e crisi petrolifera), segue un crollo verticale (455 milioni) nel 1976, anno dell'intervento siriano in Libano, molto criticato da Mosca. Hafiz al-Assad risponde con l'espulsione di metà dei consiglieri militari sovietici ospitati in Siria e richiedendo il ritiro della Marina sovietica dal porto mediterraneo di Tartus. I dissapori si placano gradualmente e gli affari riprendono a crescere (1,7 miliardi) dal 1980 con la firma del Trattato di amicizia e cooperazione ed ancora tra il 1982 ed il 1983, per sostenere la stabilità domestica del partner siriano, impegnato nella dura repressione (culminata ad Hama) della violenta ribellione guidata dalla Fratellanza musulmana. Da metà anni Ottanta notiamo un inarrestabile declino del volume delle vendite, dettato soprattutto dalla crisi del sistema sovietico e dal suo lento collasso; nel 1991 l'export è ridotto a soli 24 milioni.

Da questo esempio possiamo dedurre come la produzione ed il commercio militare sovietico sia stato fortemente influenzato dagli eventi e dalle tensioni internazionali, tenendo sempre presente il contesto bipolare della Guerra Fredda. Possiamo dire lo stesso per la Russia di oggi?

La guerra è stata una costante nei difficili anni Novanta: Abcasia, Ossezia del Sud, Tajikistan e Cecenia sono gli scenari in cui Mosca deve intervenire nel suo periodo più complesso. Pur essendo impegnata su più fronti, anche la spesa militare accusa i colpi del disastro economico, scendendo fino a 14 miliardi $ nel 1998. Con il nuovo millennio (e con la seconda guerra in Cecenia) il Cremlino lentamente riprende ad investire negli armamenti, incrementando l'investimento in maniera lenta e regolare dal 2001, fino a superare il livello post-URSS dal 2009. Ma, come si può notare dal grafico sottostante, si assiste ad un aumento sostenuto del budget militare dal 2011. 


Pur colpita dalla crisi finanziaria globale e con la crescita rallentata, in Russia non conosce crisi il settore degli armamenti; nonostante la performance economica negativa, Mosca incrementa la spesa per la difesa ed il volume del commercio delle armi. Il ventaglio dei principali acquirenti di questo ambito è ancora particolarmente diversificato (ben 61 diversi Paesi hanno acquistato materiale di fattura russa) e l'instabilità crescente della regione mediorientale aumenta il livello di allerta del Cremlino. Il supporto materiale e poi l'intervento diretto in Siria fanno salire la spesa ad oltre 70 miliardi $ nel 2016, pari al 5,3% del PIL; nessuno tra i membri permanenti del Consiglio di Sicurezza ONU investe una percentuale simile (gli USA circa il 3%, la Cina l'1,9%). Stando a questi dati, quella russa sembrerebbe una vera e propria escalation, una corsa agli armamenti che non vede rivali nel mondo contemporaneo. Analizzando meglio (e considerando le differenti economie), vediamo che la realtà dei numeri è tutt'altra.

La spesa militare russa non è paragonabile, in volume, a quella statunitense (ben 606,2 miliardi $) e nemmeno a quella cinese. Mosca spende circa 9 volte meno rispetto a Washington, 1/3 rispetto a Pechino e poco più di Parigi e Londra. Nonostante ciò, l'apparato difensivo del Cremlino non ha una minor importanza e bisogna registrare un sostanziale equilibrio USA-Russia a livello di testate nucleari (circa 7.000 a testa). Che si voglia definire politica di potenza o di deterrenza, la Russia sfoggia senza timore le sue potenzialità e le sue capacità; le tecnologie militari sono di alto livello ed in continua innovazione; il cosiddetto OPK, Complesso militare-industriale (Оборонно-промышленный комплекс) rappresenta uno dei fiori all'occhiello dei traguardi dello sviluppo della Federazione. Pochi giorni dopo la liberazione di Palmira (27 marzo 2016), Vladimir Putin ed il ministro della Difesa Šojgu hanno incontrato i rappresentanti dell'OPK a Nižnyi Novgorod, complimentandosi per la qualità e l'efficienza delle armi che hanno consentito il raggiungimento di certi risultati delle operazioni anti-terroristiche in Siria (vengono contati più di 10.000 voli, oltre 30.000 bersagli colpiti, 115 lanci di missili da sottomarini, navi e velivoli).

Possiamo quindi riconoscere una certa affinità (esclusi i numeri) con l'epoca sovietica. Pur venendo meno le distanze ideologiche, la tensione nelle relazioni internazionali attuali risulta decisiva nella pianificazione militare della difesa e sicurezza russa. Da notare come, dal 2014, la Russia si sia concentrata ad apportare cambiamenti in quasi tutti i suoi principali documenti programmatici, come le dottrine della difesa e della strategia militare, della sicurezza marittima e dell'informazione. Spiegazioni più complete si possono trovare nei vari documenti de Il concetto di politica estera della Federazione Russa approvati negli anni, che aiutano a comprendere la percezione russa del mondo, dei suoi problemi e delle mosse previste per affrontarli.

Mattia Baldoni


L'Occidente, la Russia e la "pistola fumante"
Russia vs NATO, le forze in campo

Related Posts

 

Comments (0)

There are no comments posted here yet

Leave your comments

  1. Posting comment as a guest. Sign up or login to your account.
Attachments (0 / 3)
Share Your Location

Iscriviti alla nostra Newsletter

Tag Cloud

RussiaToday dazi americani ortodossia Midterm Lettonia Eco Internazionale Nigeria liberalismo Smolensk opposizioni eroina boicottaggio Lavrov Sorge Kerč’ internet Cripto Valley Vladimir Žirinovskij Turchia opposizione politica caso Skripal Venezuela terrorismo geopolitica nazismo San Pietroburgo Riforme spesa militare inchiesta Italia soft power Cherchesov Cecenia Sputnik Mondiali Paesi Baltici Cina Astana corruzione Akinfeev Nato Skripal Idlib Sanzioni russofobia Saakashvili Krymskij most Sicurezza Russiagate Nagorno-Karabakh Società Kazakistan Macron politica estera Pietro il Grande Transnistria Grigorij Javlinskij Aleksej Naval'nyj Battaglie storiche influenza Armenia Trident Juncture 2018 Ksenija Sobčak elezioni presidenziali Partito del Progresso Kortezh Balcani Kuznetsov Business Russia Stalin 1941 Caucaso TANAP Russia Vladimir Putin Costituzione Russa Eltsin El'cin Merkel Diplomazia export armi Soft power anti-liberalismo Chiesa Ortodossa Russa monarchia Casa Bianca Azerbaigian G7 nucleare FSB Giovani Minchenko Group Consulting Finlandia Donbass Cernenko rete Brest-Litovsk energia Unione sovietica Trump proteste in Russia Sergej Baburin Michele I candidati Kirghizistan Boris Titov gasdotto Jabloko imperialismo Corea del Sud Egitto Levada OPK Difesa PIL Helsinki Peredača troll Moldavia via della seta Prigožin WC2018 Grande Gioco Demografia Sobčak spese militari LDPR Arkadij Babcenko Arabia Saudita WCIOM Naval'nyj Diritti umani Nikita Chruščëv tossicodipendenza Germania Ucraina Caspio Stati Uniti Mar Baltico Salman Mondiali 2018 Mosca Libia Chiesa ortodossa Patriarca Kirill Kiev ingerenze russe Oriente Proteste antiterrorismo Sondaggi SGC opinione pubblica Poltava Gorbačëv Gas naturale Economia Pashinyan Mediterraneo Israele Iran Bielorussia Mare del Nord elezioni Panslavismo Armi Uzbekistan Franco Vladimir Putini Unione Russia Unita reportage estremismo sondaggi elettorali Usa età dei torbidi nazionalismo Afghanistan INF Occidente Reagan Romanov bitcoin Storia PCUS PCFR Regime Change Calcio estrema destra ISP Putin Disarmo rivoluzione di velluto minoranza Pavel Grudinin Anatolij Sobčak UE Turkmenistan comunismo Spagna Guerra fredda elezioni presidenzali K-19 Austria FIFA nord stream stalinismo Partito Comunista Asia Centrale Medio Oriente ISIS politiche energetiche propaganda SergeJ Skripal Georgia Asia scenari politici Theresa May Dmitrij Medvedev G8 rivoluzioni colorate trattato di pace Gennadij Zjuganov Assad HIV Pensioni URSS Siria Cremlino migranti Vostok18 Olocausto religione Protocollo di Minsk Zurabishvili zar DNS Maxim Surajkin Unione Europea Crimea Runet Gazprom green energy TAP governo russo Gibilterra Vedemosti Tajikistan criptovalute Svezia gas Federazione Russa Rosneft spie Krasnodar Cronache di viaggio SCO Azerbaijan Europa