Elezioni europee: Mosca vista da Berlino

Elezioni europee: Mosca vista da Berlino
Il 26 Maggio la Germania chiamerà alle urne 60 milioni di elettori per quella che sarà la nona tornata elettorale europea dal 1979. L'esito delle elezioni tedesche avrà un peso particolare sul futuro assetto delle istituzioni comunitarie, sia per ragioni strutturali che politiche. Il primo aspe...
Continue reading
  63 Hits
  0 Comments

Gli ebrei russi e le elezioni in Israele

Gli ebrei russi e le elezioni in Israele
Le elezioni del 9 aprile in Israele non saranno decisive solamente per comprendere quale forma prenderà la politica estera ed interna israeliana nei prossimi anni, o se Netanyahu riuscirà a consolidare la sua posizione al vertice proseguendo politiche controverse e di forte opposizione alla pac...
Continue reading
  274 Hits
  0 Comments

Ucraina: terra di aspettative europee

Ucraina: terra di aspettative europee
Il 2019 è e sarà un anno cruciale per l'Ucraina, con le elezioni presidenziali del 31 marzo ormai alle porte. Infatti, tra una stabilità economica in via di ritrovamento e le numerose riforme che Porošenko sta cercando di portare avanti (tra cui spicca sicuramente quella inerente all'anti corruzione...
Continue reading
  126 Hits
  0 Comments

Ucraina 2019 - Tutti contro tutti

Ucraina 2019 - Tutti contro tutti
Il prossimo 31 Marzo quasi 35 milioni di elettori saranno chiamati ad eleggere il nuovo Presidente dell'Ucraina. In realtà, il 12% degli aventi diritto non potrà recarsi alle urne in seguito all'annessione russa della Crimea,  avvenuta nel Maggio del 2014. Questo appuntamento elettorale de...
Continue reading
  232 Hits
  0 Comments

Dove andrà la Moldavia?

Dove andrà la Moldavia?
Domenica 24 febbraio si è votato in Moldavia per rinnovare il Parlamento di Chisinau. Un'elezione particolarmente rilevante per il destino della piccola repubblica, che avrebbe dovuto definire il percorso futuro del Paese. Avrebbe, perché in realtà i risultati non hanno mosso sensibilmente l'ago del...
Continue reading
  270 Hits
  0 Comments

Armenia: il dopo voto e le difficili sfide del governo Pashinyan

Armenia: il dopo voto e le difficili sfide del governo Pashinyan
​ Nel precedente articolo sull'Armenia avevamo lasciato il Paese alle prese con l'appuntamento elettorale previsto per il 9 di dicembre. Dopo il successo della rivoluzione di velluto, che in modo assolutamente pacifico ha destituito il governo sempre più autoritario di Serž Sargsyan, è andata a cons...
Continue reading
  223 Hits
  0 Comments

Armenia: dove eravamo rimasti?

Armenia: dove eravamo rimasti?
​Schiacciata fra due potenze visceralmente ostili (Turchia e Azerbaijan), benedetta da un territorio talmente bello da sembrare dipinto, e oppressa dal peso della tragica storia, l'Armenia è uno dei Paesi più affascinanti nel contesto euroasiatico. Piccola nazione di poco più di 3 milioni ...
Continue reading
  443 Hits
  0 Comments

Mare di Azov: guerra e campagna elettorale

Mare di Azov: guerra e campagna elettorale
​ Nel pomeriggio del 25 novembre tre battelli militari ucraini sono stati catturati dai servizi di sicurezza russi nei pressi dello stretto di Kerč'. La cattura è avvenuta ad opera delle forze messe a protezione del nuovo ponte che collega la Crimea alla Russia, che hanno speronato un'imbarcazione u...
Continue reading
  448 Hits
  0 Comments

Un rivale per Russia Unita?

Un rivale per Russia Unita?
​ Le ultime settimane stanno mettendo a dura prova la solida relazione tra Putin e i russi. Dopo il weekend caldo di proteste di inizio settembre, a causa della tanto discussa riforma delle pensioni, la crisi politica, più che rientrare, sembra trovare conferma nell'esito delle tornate elettorali ch...
Continue reading
  440 Hits
  0 Comments

Aleksej Naval'nyj, la versione di una sua sostenitrice

Aleksej Naval'nyj, la versione di una sua sostenitrice
Il nostro coordinatore Pietro Figuera ha intervistato Elena , una giovane sostenitrice di Naval'nyj che ha accettato di mostrarci il suo punto di vista. Ciao Elena, grazie per aver accettato questa intervista. Da attivista "navalniana", rappresenti certamente un punto di vista interessante sull'attu...
Continue reading
  497 Hits
  0 Comments

Il comunismo dopo il comunismo: nella galassia della sinistra radicale russa

Il comunismo dopo il comunismo: nella galassia della sinistra radicale russa
Se non proprio un terremoto, è stato uno scossone. Il riferimento è alla fresca tornata elettorale del 9 settembre, che ha chiamato al voto i cittadini per il rinnovo degli enti locali in 80 distretti su 85. Russia unita, il partito fedele a Putin, soffre quasi ovunque con l'unica notevole eccezione...
Continue reading
  554 Hits
  0 Comments

Visti dal Cremlino

Visti dal Cremlino
Come ha reagito la Russia ai cambiamenti di Palazzo Chigi ​ Eccoci alla seconda puntata della rubrica Peredača a cura della nostra Claudia Ditel. L'amicizia con Putin che spaventa Bruxelles ​Dopo 87 giorni di consultazioni, in Italia la nuova squadra di governo si presenta al completo il 2 giugno, g...
Continue reading
  488 Hits
  0 Comments

Iscriviti alla nostra Newsletter

Tag Cloud

candidati Reagan Boris Titov esercito settore estrattivo nord stream Astana Protocollo di Minsk rivoluzioni colorate Asia Unione sovietica Assad DNS Levada Trident Juncture 2018 Partito del Progresso zar Sondaggi Baku lingua Kerč’ Corea Usa Minchenko Group Consulting Romanov Ucraina Theresa May opposizione politica Israele reportage Eco Internazionale Cherchesov Economia Diritti umani Sanzioni RussiaToday Skripal El'cin corruzione età dei torbidi Azerbaijan Mondiali Pubblicazioni Relazioni internazionali politica estera Arkadij Babcenko Federazione Russa soft power Smolensk Politica 1941 Zelenskij FIFA politiche energetiche minoranza Eltsin Mar Baltico LGBT Georgia Mediterraneo liberalismo Caucaso Lettonia Lavrov Russkij Mir Demografia gay Akinfeev Sputnik Europa Austria Storia via della seta SergeJ Skripal Nikita Chruščëv opposizioni TAP Venezuela ISP Vladimir Putin diritti Sergej Baburin Kim stalinismo Gennadij Zjuganov gas Runet Transnistria Italia Dmitrij Medvedev OPK boicottaggio Vladimir Žirinovskij Brest-Litovsk russkaja ulica WC2018 antiterrorismo Armenia Passaporto caso Skripal Siria Cremlino Gas naturale Rosneft Mondiali 2018 Tajikistan tossicodipendenza Gorbačëv Armi S-400 Saakashvili scramble for Africa INF sondaggi elettorali spesa militare UE Mare del Nord Business Russia SGC Putin monarchia Cripto Valley Russia Unita nazionalismo Anatolij Sobčak Ilham Aliyev green energy Battaglie storiche Welfare rete Partito Comunista Bielorussia Kirghizistan criptovalute Unione PIL religione Poroshenko Salman Kortezh Arabia Saudita rivoluzione di velluto nazismo Società Nigeria San Pietroburgo TANAP FSB Medio Oriente anti-liberalismo Midterm Merkel comunismo imperialismo Prigožin Regime Change Afghanistan Pensioni influenza Uzbekistan Maxim Surajkin propaganda Russia Pietro il Grande Cittadinanza Francia Krymskij most Balcani energia governo russo Oriente Difesa Grande Gioco geopolitica Idlib Stalin Moldavia Sicurezza troll scenari politici Mosca Patriarca Kirill export armi russofobia gasdotto Jabloko Aleksej Naval'nyj Panslavismo Calcio Vedemosti Olocausto Kazakistan Paesi Baltici Democrazia Macron ingerenze russe Donbass Vostok18 Occidente dazi americani Vladimir Putini Cronache di viaggio Zurabishvili terrorismo Ksenija Sobčak Crimea Franco Svezia K-19 opinione pubblica elezioni presidenzali bitcoin partiti Ungheria Spagna Poltava ortodossia G8 Libia Grigorij Javlinskij Disarmo Casa Bianca elezioni presidenziali estrema destra SCO Pashinyan PCUS Stati Uniti Costituzione Russa Caspio Finlandia Asia Centrale Pavel Grudinin Sorge Cernenko estremismo Turchia Power of Siberia G7 Proteste internet Peredača Chiesa Ortodossa Russa Diplomazia inchiesta proteste in Russia eroina Egitto Trump Giovani Chiesa ortodossa Cecenia Turkmenistan LDPR PCFR elezioni Sobčak Azerbaigian Corea del Sud ISIS Krasnodar Flame Towers Helsinki migranti Gibilterra Gazprom Kuznetsov nucleare Africa Guerra fredda Iran HIV spie spese militari Soft power Russiagate Kiev Cina Unione Europea Germania Nagorno-Karabakh trattato di pace Naval'nyj WCIOM Riforme Michele I URSS Nato