Quando spegnere gli incendi (non) è conveniente economicamente

Per costruire un impero l'uomo impiega cent'anni; per distruggerlo gli basta un giorno.

(Proverbio cinese) 

A quasi tre mesi dal divampare dell'incendio in Siberia, la situazione è ormai sotto controllo. Milioni di ettari di foresta sono ormai andati in fiamme, mentre il governo russo ha arrancato nello spegnimento e le indagini circa i responsabili sono ancora in alto mare.  

L'incendio: le cause

Partiamo con ordine. Il primo fattore che è saltato all'occhio è stato il ritardo nell'intervento da parte di Mosca. Come mai? La maggior parte delle fiamme divampa nelle cosiddette "zone di controllo", di cui alla legge del 2015 sulla selezione delle zone di controllo, approvata dal Ministero dell'ambiente russo. Questa legge prevede che l'amministrazione locale possa decidere di non spegnere l'incendio qualora questo non sia di minaccia per le grandi città e nel caso in cui il costo dei lavori di spegnimento sia economicamente più gravoso rispetto ai danni derivanti dalle fiamme.

Gli ambientalisti avevano fin da subito mostrato perplessità riguardo a questa nuova legge: secondo loro, infatti, non avrebbe fatto altro se non intensificare la stagione annuale degli incendi in Siberia, immettendo un quantitativo maggiore di gas a effetto serra nell'aria. Così come si è verificato quest'estate.

Una legge, questa, che può apparire di poca lungimiranza, soprattutto se legata a quelli che sembrano emergere dalle prime indagini come i colpevoli: i contrabbandieri di legname. Sembrerebbe infatti che si sia creata una vera e propria "mafia del legname", intenta a disboscare abusivamente ettari di foresta. Il legname verrebbe poi tagliato in segherie abusive ed esportato illegalmente in Cina, mentre le prove verrebbero cancellate innescando incendi che non verranno mai spenti con un intervento umano.

Il Primo Ministro russo Dmitrij Medvedev ha ordinato al governo di esaminare questa normativa quando il Parlamento si riunirà il mese prossimo. Un cambiamento nella legislazione porterebbe sicuramente a dei benefici a favore della lotta contro il cambiamento climatico.

Il Ministero delle Emergenze russo presenta invece una causa aggravante: l'aumento smisurato delle fiamme sembrerebbe dovuto ad un lungo periodo di clima asciutto anticiclonico, che ha prosciugato terre normalmente ricche d'acqua, rendendole così infiammabili (si vede per esempio il caso dei depositi naturali di torba), insieme all'assenza di misure attive per estinguere i focolai nei territori isolati, seguendo il dettame della legge di cui sopra. Tra le cause vengono anche citati eventi naturali, come i fulmini. 

Incendio boschivo nell'estremo oriente della Russia.

I soccorsi e le loro criticità

Secondo quanto riportato dal servizio antincendio della Federazione Russa, ad oggi sarebbero stati estinti 31 incendi in un'area di più di 200 ettari. Quelli attivi sono però ancora troppi: 174, per la precisione. Per cercare di spegnere le fiamme sono stati coinvolti 3326 persone e 428 pezzi di equipaggiamento, insieme a una novantina di velivoli per il monitoraggio aereo e per lo spegnimento. È stato inoltre introdotto uno speciale regime antincendio in 42 enti territoriali della Federazione.

L'inquinamento provocato dagli incendi è tale che persino Donald Trump si è interessato alla situazione. L'Ufficio Stampa del Cremlino ha infatti riportato di una telefonata tra i due presidenti nella quale da Washington sarebbe stato proposto un aiuto per contrastare l'incendio. Intanto, visto che le fiamme continuano ad ardere, c'è addirittura chi ipotizza di creare artificialmente le precipitazioni atmosferiche.

Da Greenpeace, infine, arrivano messaggi disarmanti: secondo l'ONG, l'incendio verrà domato soltanto con l'inizio delle piogge. 

Le terribili conseguenze sul clima

L'impasse del governo russo nel risolvere la gravosa situazione ha forti ripercussioni sulle città vicine all'incendio. Diversi centri abitati si trovano ormai sotto cappe di fumo irrespirabile, con gli abitanti che fuggono dalle proprie case.

Senza contare, ça va sans dire, la morte di tantissimi animali selvatici, bruciati vivi nel tentativo di mettersi in salvo dalle fiamme.

L'European Space Agency (ESA) ha documentato la catastrofe causata dalle fiamme grazie alle immagini catturate dai satelliti Copernicus-Sentinel 3: I roghi stavano immettendo, al momento delle foto (così come tuttora), grandi quantità di CO2 in atmosfera oltre che particolato, causando gravosi problemi nelle zone di Tomsk, Kemerovo, Altaj e Novosibirsk.

Una curiosità: il Finnish Meteorological Institute ha calcolato che la nuvola di fumo derivante dall'incendio in Siberia ricopre un'area più vasta rispetto alla superficie dell'Unione europea intera (si parla di 7 mln di km2, contro i 4,5 mln dell'Ue).

La situazione della Siberia è sicuramente gravissima per diversi motivi. Non soltanto perché si va ad unire agli incendi in Groenlandia, Alaska e Canada (per citare solo gli incendi nell'emisfero nord), con la distruzione di interi ecosistemi naturali, ma anche perché funge da indicatore delle tangibili conseguenze del cambiamento climatico. Soltanto in Siberia, infatti, nelle zone dei focolari sono state registrate temperature di 10° superiori alla media. 

Fuoco e fiamme incombono sulla Federazione russa.

La mancanza di tempestività negli interventi porterà, secondo alcuni esperti, a conseguenze sul clima non soltanto per la Russia, ma ovviamente per tutto il pianeta. Il cambiamento climatico, in questo senso, si pone come concausa e allo stesso tempo effetto dei roghi. Da un lato, infatti, le temperature insolitamente alte facilitano il divampare delle fiamme. Dall'altro, tuttavia, incendidi tali dimensioni immettono nell'aria quantità enormi di CO2 e di black carbon, particelle nere che possono andare a depositarsi sui ghiacciai riducendo l'albedo (potere riflettente), così da facilitare l'assorbimento di calore e il loro conseguente scioglimento.  

"I veleni abbracceranno la Terra come un focoso amante. E nel mortale  abbraccio, i cieli avranno l'alito della morte e le fonti non daranno più che acque amare e molte di queste acque saranno più tossiche del sangue marcio del serpente. Gli uomini moriranno di acqua e di aria, ma si dirà che sono morti di cuore e di reni."

Rasputin 

I risultati dell'election day in Russia
Iran e Tagikistan - Ideologia pragmatica

Related Posts

 

Comments (0)

There are no comments posted here yet

Leave your comments

  1. Posting comment as a guest. Sign up or login to your account.
Attachments (0 / 3)
Share Your Location

Iscriviti alla nostra Newsletter

Tag Cloud

partiti tradizioni politiche energetiche Sobčak Occidente stalinismo Krymskij most Islam climate change Armenia Mosca Runet Markiv Rosatom Unione Demografia Armi Romanov Gazprom Ecologia Kirghizistan antiterrorismo Russkij Mir Boris Titov LGBT Estonia Kazakistan PIL Cecenia #obor Università Stalin Austria russkaja ulica Gorbačëv settore estrattivo Putin Partito del Progresso 1941 Georgia Ara Federazione Russa Asia Salman spie PCUS Assad Grigorij Javlinskij autocefalia Pensioni Battaglie storiche Kerč’ ISIS opposizione politica Lettonia LIbano Skripal Lituania Cronache di viaggio Saakashvili Baku G7 LDPR Mare del Nord Crimea lingua Conte Uzbekistan ISP Unione sovietica Guerra Vaticano Rosneft Azerbaigian Asia centrale Jabloko #cina Mediterraneo Papa Francesco anti-liberalismo Balcani Costituzione Russa minoranza Passaporto Tajikistan Power of Siberia Maxim Surajkin Calcio Pavel Grudinin boicottaggio criptovalute Brest-Litovsk Partito Comunista Mar Baltico Lavrov via della seta Montenegro Minchenko Group Consulting Gibilterra Chiesa ortodossa Nato opinione pubblica Tagikistan Artico gay monarchia Corea ortodossia Poltava Relazioni internazionali politica estera eroina HIV elezioni presidenziali Transnistria Guerra fredda Francia Macron Vladimir Putini Vedemosti Kiev ingerenze russe spesa militare scramble for Africa Ricostruzione Anatolij Sobčak Caspio gas UE Riforme Aleksej Naval'nyj Abcasia Ungheria Curili cultura influenza elezioni presidenzali Sputnik Midterm Peredača Ucraina Ossezia del Sud Corea del Sud nucleare Gennadij Zjuganov Italia dazi americani rivoluzioni colorate incendio Olocausto Arkadij Babcenko Eltsin opposizioni Roma PCFR liberalismo TAP zar trattato di pace Asia Centrale Regime Change Panslavismo Nikita Chruščëv #asiacentrale FIFA diritti Difesa bitcoin Marina SergeJ Skripal rivoluzione di velluto El'cin SGC rete Dmitrij Medvedev età dei torbidi Turkmenistan Giovani Turchia Disarmo green energy Akinfeev Africa Egitto Kyrgyzstan energia Giappone #sanzioni Eco Internazionale Cittadinanza Vladimir Putin esercito nord stream Trump Cherchesov Casa Bianca scenari politici Rocchelli estrema destra URSS Libia Europa nazismo Cremlino Zelenskij Cipro Sorge Siria Economia Serbia Nagorno-Karabakh Poroshenko Welfare tossicodipendenza Vladimir Žirinovskij Diritti umani Soft power Reagan terrorismo Caucaso WCIOM Sondaggi DNS #economia Giornalismo Russiagate Flame Towers Protocollo di Minsk Russia Unita Naval'nyj Azerbaijan K-19 Smolensk Pietro il Grande Medio Oriente proteste in Russia FSB nazionalismo inchiesta Russia San Pietroburgo Israele Pubblicazioni Grande Gioco WC2018 migranti Oriente Diplomazia Usa reportage Democrazia Kuznetsov russofobia società Cina Parigi Patriarca Kirill Macedonia candidati Pashinyan Sergej Baburin Michele I crisi Afghanistan Levada Iran S-400 Svezia Bielorussia Siberia Paesi Baltici Golunov export armi Baltico Helsinki #silkbeltroad Chiesa Ortodossa Russa INF Astana Cernenko religione soft power Unione Europea Ambiente Business Russia Franco RussiaToday Arabia Saudita Theresa May Aral Idlib OPK internet Cripto Valley imperialismo Merkel Zurabishvili gasdotto #commercio cooperazione Ksenija Sobčak Storia inquinamento Donbass Ilham Aliyev migrazioni sondaggi elettorali incidente Sicurezza Sanzioni Clima propaganda Kim Mondiali 2018 Nigeria Spagna troll geopolitica Mondiali TANAP elezioni Mare Stati Uniti Beirut Germania Prigožin Gas naturale Politica comunismo governo russo lago Bajkal Finlandia G8 corruzione caso Skripal Krasnodar SCO estremismo Società Venezuela Kortezh Moldavia Proteste Trident Juncture 2018 Vostok18 #russia spese militari