Ambiente e libertà di parola in Russia: il caso di Lukas Latz

La serie TV Chernobyl sta riportando alla memoria di tutti il disastro nella centrale nucleare dell'omonima città, nel lontano 1986. O forse così lontano non è, dal momento che ancora oggi industrie altamente inquinanti operano nel territorio della Russia, nonostante i residenti locali si organizzino in movimenti di protesta contro le decisioni dei magnati di costruire fabbriche con tecniche e materiali obsoleti. La decisione degli imprenditori ha il benestare non solo del governo, ma anche dei media, che non sono indipendenti, mentre la resistenza locale viene continuamente repressa, additata come "terroristi" e a volte persino impedita di manifestare. A farsi da portavoce di queste richieste rimaste in sordina è stato un giovane studente tedesco dell'Università di San Pietroburgo, Lukas Latz. Al momento però, Lukas si trova di nuovo in Germania, in seguito ad un'espulsione dall'Università ed una conseguente revoca del visto russo. Le ragioni, ma soprattutto la legalità con la quale è avvenuto il tutto, rimangono opinabili. Ho avuto la possibilità di conoscere Lukas personalmente durante il mio soggiorno a San Pietroburgo. In questa conversazione con lui, ho ricostruito i fatti che hanno portato alla sua espulsione, ma soprattutto abbiamo parlato delle battaglie dei cittadini di Krasnojarsk e Cheljabinsk da lui documentate da vicino, la causa – probabilmente – che ha scatenato le misure drastiche delle autorità nei suoi confronti.

Lukas stava lavorando con alcuni attivisti dei movimenti ambientalisti nelle regioni russe di Cheljabinsk e Krasnojarsk. Nel mese di giugno, è stato espulso dall'Università Statale di San Pietroburgo (SPbU), con l'accusa di aver violato la legge migratoria della Federazione, dal momento che era in Russia con il visto di istruzione e dunque non avrebbe potuto svolgere l'attività di giornalista.

Il 28 maggio, la polizia si è recata nel suo appartamento e ha iniziato a chiedere informazioni sulla sua attività di giornalista (ad esempio, se fosse anche lui un estremista). Lukas ha dovuto pagare due multe, per un totale di 2000 rubli, e compilare svariati documenti, per cui ha impiegato almeno due ore. La polizia non è sembrata soddisfatta del pagamento, e i due uomini in divisa hanno continuato a indagare sulle attività di Lukas come giornalista. Il giorno dopo, Lukas si è recato al dipartimento di Relazioni Internazionali della sua facoltà per chiedere informazioni. Gli è stato detto che, già da un mese, altri dipartimenti dell'Università hanno chiesto informazioni sulle sue attività. Lo stesso giorno, Lukas ha ricevuto una chiamata dal dipartimento di Polizia. È stato in grado di posticipare l'incontro alle 14:00 dopo svariate contrattazioni, perché la polizia aveva addirittura posto un ultimatum all'inizio (o all'ora proposta, o peggio per lui). Una volta recatosi all'ufficio di polizia, ha visto che c'era un rapporto su di lui sulla scrivania. Ci ha buttato un'occhiata: tra le righe che è riuscito a leggere, c'era scritto che aveva condotto delle attività contro l'FSB e che ha fatto uso dei media, col fine di giustificare le attività di alcuni estremisti. La polizia sosteneva di aver tradotto in russo un suo articolo per Jungle World – un giornale tedesco per cui Lukas scrive. In quell'occasione, gli sono state chieste spiegazioni riguardo alcune citazioni dell'articolo tradotte, ma senza che gli fosse fornita la fonte. In generale poi, la polizia non ha mai agito nei suoi confronti seguendo un percorso legale: per obbligare Lukas a recarsi presso la stazione di polizia, sarebbe stato necessario una povestka, ovvero un mandato, che non c'è mai stato.


Il protagonista della vicenda, Lukas Latz

Lukas non è subito informato dell'espulsione dal Paese e dall'Università. La richiesta è arrivata solo due settimane dopo, il 14 giugno, tramite e-mail da una donna che lavorava nella presidenza dell'Università. Nell'e-mail, è stato riferito che veniva espulso dall'Università, a causa di una violazione della legge russa sull'immigrazione. Lukas si è recato nuovamente all'università per chiedere spiegazioni. Lì, il personale del dipartimento di Relazioni Internazionali, gli ha mostrato la citazione di diversi trattati, che dimostravano la violazione. In poche parole, il motivo principale era che "se gli studenti violano la legge, l'università ha il potere di espellerli".

Gli chiedo si fosse stato sorpreso al momento della comunicazione dell'espulsione. Mi ha risposto che sì, in un primo momento è stato sorpreso, anche se è sempre stato abbastanza consapevole dei rischi di essere espulso, a causa delle sue attività investigative su questioni delicate. È importante dire che Lukas non è stato l'unico che è stato espulso dalla Russia per ragioni simili. Infatti, mi ha portato l'esempio del professor francese Gilles Favarel-Garrigues, un ricercatore dell'Università francese Science Po, che ha condotto alcune indagini in Russia per quanto riguarda le attività illegali e il crimine.

Quando chiesi a Lukas quale fosse, a suo avviso, la principale preoccupazione dell'Università in relazione alla sua attività, mi ha risposto che non sapeva esattamente di cosa fossero più preoccupati. Inoltre, non è in grado di dire con precisione quanto le autorità siano vicine alle attività degli studenti. È noto tra gli studenti che i servizi segreti siano impiegati in SPbU, anche se è impossibile dimostrarlo. Lukas pensa che alcune persone dei servizi segreti, che lavorano nella Presidenza dell'Università, abbiano iniziato a seguire le sue attività da dentro l'Università. Un'altra possibilità è che le autorità statali abbiano iniziato a investigare sul suo operato a partire da alcuni eventi. Lukas si riferisce ad alcune udienze pubbliche, in cui ai partecipanti veniva chiesto di mostrare il loro documento d'identità all'ingresso. L'udienza riguardava alcuni antifascisti accusati di fondare un'organizzazione terroristica. Questi attivisti sono stati arrestati e torturati, accusati di terrorismo (per la presunta intenzione di nascondere le bombe in vista dei Mondiali di Calcio e delle elezioni presidenziali). Per saperne di più sul caso, clicca qui.

I casi su cui Lukas stava indagando erano particolarmente sensibili per il governo. Mi ha spiegato cosa sta succedendo a Cheljabinsk, uno dei casi su cui stava indagando, con l'aiuto di ambientalisti locali. Già in passato, l'oblast' era stato colpito da catastrofi ambientali a causa della mancanza di misure di sicurezza e di pratiche industriali altamente inquinanti. Tuttavia, alcune figure di spicco continuano queste pratiche, con la benedizione del governo centrale. L'oblast' di Cheljabinsk è governato da un oligarca, che ha deciso di costruire una struttura per arricchire il rame, che è abbastanza pericoloso per la salute dei residenti. 

L'Università Statale di San Pietroburgo

Ci sono molti altri casi come questo. A Cheljabinsk e Krasnojarsk, ci sono molti movimenti contro l'inquinamento atmosferico e l'uso di sostanze inquinanti, come il carbone. Lukas ha incontrato gli attivisti del movimento ambientalista di Krasnojarsk. Uno dei progetti degli attivisti, chiamato "Nebo community" - che significa "cielo" in russo - mira a costruire strutture per catturare i segnali dell'inquinamento atmosferico e contestare i dati ufficiali del governo. Sfortunatamente, a ONG come questa è sempre vietato ottenere una licenza per operare da parte del governo, perché sono percepite come un movimento politico anti-governativo. Il fatto è che il governo ostacola i raduni (recentemente, sono ammessi, ma non nei centri cittadini). Le richieste dei cittadini non vengono mai discusse dalle autorità, perché, dietro la costituzione di tali imprese inquinanti, avviene un ampio riciclaggio di denaro e ci sono grandi interessi in gioco. I media dipendono dal governo e quindi non supportano gli attivisti. Per questo motivo, le dichiarazioni ufficiali sul livello di inquinamento atmosferico sono false.

Lukas mi ha spiegato che è impossibile, per i locali, far valere i loro diritti nella gorodskaja Duma (il parlamento regionale), a causa di un meccanismo elettivo perverso, basato su un'elezione indiretta. I cittadini non possono scegliere quali munizipal'nye deputaty (rappresentanti delle municipalità) mandare alla gorodskaja duma. I cittadini eleggono i rappresentanti locali, che a loro volta eleggono un rappresentante per la Duma regionale. Per questo motivo, Russia Unita, il partito di Putin, ha più probabilità di vincere rispetto ad altri partiti in alcuni distretti. Di solito, è difficile per i candidati dell'opposizione ricevere abbastanza voti per andare alla Duma regionale. In altre parole, anche se un rappresentante dell'opposizione ottiene alcuni voti nel distretto locale (20 percento), non è affatto detto che lui possa rappresentare l'opposizione nella Duma regionale. Lukas ha anche approfondito tale problema in suo articolo, pubblicato su Wordpress.

Quando ho chiesto a Lukas, se avesse l'intenzione un giorno di tornare in Russia, mi ha detto che per il momento su di lui pende un divieto di viaggiare nella Federazione, di cui nemmeno conosce la durata. Tuttavia, se avesse la possibilità un giorno, tornerebbe.

Come molti altri studenti (o ex studenti) dell'SPBU, ho scritto questa email alla presidenza dell'SPBU, chiedendo i motivi dell'espulsione di Lukas. 

Cara Natalia Gennadievna,

Ho appreso dai media che lo studente di scambio tedesco Lukas Latz è stato espulso dall'Università Statale di San Pietroburgo. Avete firmato un ordine per la sua espulsione. Ma, come riportato da Lucas Latz, non gli avete spiegato i motivi della stessa e vi siete rifiutati di parlare con lui. Questo comportamento mi ha infastidito in quanto, come affermato da Lukas nei media, era all'università statale di San Pietroburgo e stava solo facendo ricerche per il lavoro con il suo professore. Dal mio punto di vista, l'espulsione di Lukas viola il principio di libertà di ricerca. Vi chiedo di rivedere la vostra decisione o almeno, di spiegare il perché di tale decisione. Vi sarei molto grata per la risposta.

Rispettosamente

Claudia Ditel

Qui di seguito la risposta dell'Università:

Cara Claudia!

Grazie per l'attenzione rivolta all'Università statale di San Pietroburgo. Mi dispiace che le informazioni inesatte presentate nei media e nei social network siano state in grado di influenzare la sua posizione sulla questione sollevata nella sua lettera del 19 giugno 2019 (iscrizione Università statale di San Pietroburgo n. 01-20-Kol -2163 di 19 giugno 2019).

Lo studente del programma educativo della laurea nel campo della "Linguistica" (e non del "Giornalismo") Lukas Latz è stato espulso dalla SPSU dall'ordinanza n. 7192/3 dal 13.06.2019 in conformità con i paragrafi. "G" p. 51 della Carta dell'Università statale di San Pietroburgo e del Protocollo sullo scambio di studenti tra l'Università statale di San Pietroburgo e la Libera Università di Berlino del 20/11/2018, sulla base dei quali ha studiato all'Università Statale di San Pietroburgo.

In conformità con i paragrafi. "A" p. 89 della Carta dell'Università statale di San Pietroburgo, "gli studenti sono tenuti a conformarsi ai requisiti della legislazione della Federazione Russa, della presente Carta, delle norme interne degli studenti, delle regole per vivere nei dormitori e di altre normative locali della St . Università di Pietroburgo N 594). "

Pp "G" del par. 51 della Carta afferma che uno studente è soggetto all'espulsione dall'Università di San Pietroburgo "per inadempienza o violazione di questa Carta, regole interne per gli studenti, regole per vivere in dormitori, altre normative locali dell'Università di San Pietroburgo sull'organizzazione e attività educative; (paragrafi "g" in rosso. Decreto del governo della Federazione Russa del 16 giugno 2015 N 594) ".

In conformità al paragrafo 2.8 del Protocollo di trasferimento degli studenti di scambio tra la St. Petersburg State University e la Libera Università di Berlino, gli studenti di scambio sono tenuti a seguire le regole dell'università ospitante e le leggi del paese ospitante. Qualsiasi violazione di queste regole o leggi può essere motivo di espulsione anticipata dall'università ospitante. Lo studente Lukas Latz è stato portato due volte alla responsabilità amministrativa con la decisione della direzione UVM del MOI della Russia per la città di San Pietroburgo e la regione di Leningrado (verbale n. 1298 del 28 maggio 201 e n. 1299).

Questa situazione, sfortunatamente, non è eccezionale. Nel 2018, in relazione al rispetto da parte di studenti stranieri verso la responsabilità amministrativa per la violazione delle leggi sull'immigrazione, sono stati espulsi due studenti cinesi. Per la fornitura di documenti medici falsi nel 2018, 7 persone sono state espulse - cittadini di Iran, Uzbekistan, Lituania, Turchia, Siria, Cina e nel 2019 - 2 persone (cittadini di Kazakistan e Ucraina). Il rispetto dei requisiti delle leggi federali e degli atti locali dell'università è obbligatorio per tutti gli studenti e il personale. Nel 2019, tre studenti russi sono stati espulsi per tali violazioni.

A questo proposito, non vi è motivo di parlare della violazione della libertà di scienza e della libertà di parola all'Università di San Pietroburgo. Stiamo parlando esclusivamente dell'osservanza della legislazione russa e delle misure adottate in caso di sua violazione.

Ciò che mi sento di aggiungere in merito, è che, nonostante la minuziosità con cui mi sono state fornite una serie di regolamenti esistenti che dimostrano la violazione, non mi è del tutto chiaro per quale motivo il personale di polizia sia, con determinate domande, entrato nel merito della questione.

Ciò che emerge dall'ostinazione di Lukas di andare avanti nelle sue indagini, consapevole dei rischi che correva, è che qualcosa forse sta davvero cambiando in Russia. Dopo i recenti avvenimenti di Ekaterinburg, in cui l'opposizione civile si è imposta contro la decisione di un magnate di costruire una cattedrale in uno spazio verde, il governo è dovuto scendere a compromessi. Certo, gli interessi legati ad una costruzione di una fabbrica sono maggiori e più ramificati di quelli dietro ad una Chiesa, ma una cosa è certa: la società civile russa non è più immobile, passiva o anemica. È una forza crescente, che lotta per riappropriarsi dei suoi spazi. Che l'esperienza di Lukas possa essere un invito e un incentivo per tutti a seguire quello che sta succedendo a denunciare insieme soprusi del genere. 

Russia e Giappone: importanza, alternative e diffi...
Zelenskij dopo le elezioni: le sfide che lo attend...

Related Posts

 

Comments (0)

There are no comments posted here yet

Leave your comments

  1. Posting comment as a guest. Sign up or login to your account.
Attachments (0 / 3)
Share Your Location

Iscriviti alla nostra Newsletter

Tag Cloud

settore estrattivo FSB reportage Israele Eco Internazionale Guerra fredda governo russo Sputnik Grigorij Javlinskij crisi boicottaggio influenza tradizioni HIV Curili Mare del Nord Artico Macron Theresa May Kyrgyzstan Azerbaijan zar Finlandia Grande Gioco ISP Tagikistan Regime Change stalinismo Kuznetsov estrema destra proteste in Russia Islam Diplomazia via della seta Crimea export armi Boris Titov Abcasia #commercio Azerbaigian Politica Skripal Partito del Progresso gay Ossezia del Sud Vladimir Žirinovskij Università Venezuela Federazione Russa Sorge Gazprom inchiesta Disarmo Bielorussia terrorismo Prigožin Russkij Mir Asia politica estera Transnistria criptovalute liberalismo troll Mare San Pietroburgo Ungheria monarchia dazi americani Trident Juncture 2018 Storia ingerenze russe politiche energetiche internet #cina #obor candidati PCUS Idlib S-400 Baku rete Smolensk Pashinyan Caucaso Armenia Vostok18 lingua Siria Roma Franco Cina Flame Towers Africa Assad società spese militari Vaticano Sobčak Nikita Chruščëv Iran lago Bajkal Welfare K-19 Midterm anti-liberalismo Gorbačëv Romanov Caspio diritti Astana FIFA Kim rivoluzioni colorate soft power Brest-Litovsk Markiv Asia Centrale Mondiali Patriarca Kirill Gas naturale Russiagate Vladimir Putini Passaporto Runet Arkadij Babcenko Olocausto Cripto Valley elezioni presidenziali Rocchelli ortodossia Diritti umani Dmitrij Medvedev Economia Afghanistan spesa militare Relazioni internazionali età dei torbidi Casa Bianca Mar Baltico WCIOM SCO Gennadij Zjuganov Russia Unita DNS green energy Proteste Svezia INF Mosca Giovani PCFR Lituania Calcio Papa Francesco 1941 Naval'nyj imperialismo Egitto Ksenija Sobčak Pensioni #economia Germania trattato di pace Stalin Kazakistan Cherchesov russofobia Kirghizistan Turkmenistan Nagorno-Karabakh Pavel Grudinin esercito corruzione Giornalismo Tajikistan Poroshenko Ecologia Kerč’ Lettonia Reagan Anatolij Sobčak El'cin Europa Pietro il Grande Levada Ilham Aliyev nazionalismo Libia Saakashvili Cittadinanza opposizioni UE Georgia Donbass Business Russia Uzbekistan Power of Siberia PIL Società Vladimir Putin Maxim Surajkin Cernenko Pubblicazioni russkaja ulica TANAP Sergej Baburin comunismo religione Italia Medio Oriente G7 Unione sovietica Austria ISIS Golunov Zelenskij Montenegro Rosatom tossicodipendenza #russia Ambiente OPK Aleksej Naval'nyj Oriente TAP Kortezh migranti Riforme Unione Balcani Sicurezza Russia Zurabishvili bitcoin Difesa Cecenia Mondiali 2018 opposizione politica estremismo opinione pubblica Serbia eroina nord stream Putin Cronache di viaggio Turchia Ricostruzione Stati Uniti Paesi Baltici minoranza Corea del Sud Eltsin Siberia #asiacentrale Democrazia SGC Unione Europea gas autocefalia Francia scramble for Africa Partito Comunista elezioni presidenzali Cremlino LGBT nazismo Spagna Salman Mediterraneo antiterrorismo RussiaToday Lavrov Krasnodar cultura Baltico Conte Costituzione Russa gasdotto Sondaggi Nato Guerra Battaglie storiche URSS sondaggi elettorali spie G8 Ucraina Merkel #sanzioni elezioni Sanzioni Arabia Saudita Demografia Poltava #silkbeltroad scenari politici Cipro Nigeria Kiev Helsinki Chiesa Ortodossa Russa caso Skripal Chiesa ortodossa Soft power Peredača Jabloko Macedonia Panslavismo WC2018 rivoluzione di velluto Occidente Marina nucleare Asia centrale Usa geopolitica Protocollo di Minsk Estonia Armi Krymskij most partiti Moldavia Akinfeev Vedemosti LDPR SergeJ Skripal Michele I Trump Minchenko Group Consulting propaganda Gibilterra Corea Ara Rosneft energia Giappone