Russia, fede e Vicino Oriente: the orthodox man's burden

Un paio di mesi fa ho avuto l'occasione di assistere ad una conferenza al centro culturale russo di Beirut. Titolo dell'incontro è "L'Impero russo e il Vicino Oriente tra diciannovesimo e ventesimo secolo", convitato di pietra l'ortodossia. Biografo di Nicola II ed esperto di monarchia russa, il relatore traccia la parabola dei rapporti dell'impero zarista con il Vicino Oriente, identificando nella religione una delle direttrici dell'influenza di Mosca nella regione. Benché oggetto della trattazione sia un'epoca conclusasi con la "rivoluzione" dell'ottobre 1917, il parallelo con l'attualità non sfugge a nessuno. Tantomeno al compiaciuto monaco seduto in prima fila.

Tra Russia e Vicino Oriente il legame fondato sulla comune religione è di lunga data, affondando le proprie radici nella narrazione secondo la quale l'impero degli zar si configuri come erede dell'illustre predecessore bizantino e di Costantinopoli. "Terza Roma" secondo Filofej, Mosca ha raccolto il testimone di potenza ortodossa e protettrice dei compagni nella fede in tutto il mondo. Al di fuori della Russia, i cristiani ortodossi si concentrano nei Balcani, nel Caucaso e nel Vicino Oriente. Quest'ultima area finì progressivamente sotto il controllo turco a partire dal quindicesimo secolo. Una conquista che costituì il pretesto per una contrapposizione ideologica – con immancabili risvolti e interessi geopolitici – tra l'Islam ottomano e la minoranza ortodossa sparsa tra Turchia sud-orientale e Levante.

Benché meno intense rispetto a quelle con i confratelli balcanici e caucasici, le relazioni tra Mosca e chiesa ortodossa d'Oriente sono solide e di lunga data. Già nel sedicesimo secolo, si registrano donazioni da parte di Ivan il Terribile verso gli ortodossi levantini. Circa cent'anni dopo, la permanenza di due anni a Mosca da parte del patriarca di Antiochia Macario gettò le basi per una cooperazione che vide la chiesa ortodossa orientale gradualmente diventare una sorta di quinta colonna della Russia nella regione, ben al di là delle mere questioni rituali. Malgrado un temporaneo appannamento dei rapporti bilaterali in corrispondenza del regno dell'occidentofilo Pietro il Grande a cavallo tra Seicento e Settecento, nuovo slancio viene dal Trattato di Küçük Kaynarca nel 1774 a termine della quinta guerra russo-turca. Tra i vantaggi accordati allo zar vincitore, il permesso di far navigare i cristiani ortodossi con la bandiera della Russia e la costruzione di una chiesa russa ortodossa a Istanbul (che non fu mai costruita). Condizioni che Mosca interpretò come un'investitura a protettrice dell'ortodossia orientale cui ricorse sia quando corse in aiuto dell'ortodossa Grecia nella sua lotta per la liberazione dal giogo ottoman-maomettano (1821-1830) che nella guerra di Crimea (1853-1856). Quest'ultima vide in un affronto a carattere appunto religioso il casus belli formale: l'affidamento delle chiavi della chiesa della Natività di Betlemme da parte del sultano ottomano ai cattolici e non agli ortodossi. 

Nel 1882, nuovo impulso all'interesse e alla presenza russi nel Levante fu dato dalla fondazione della Società imperiale ortodossa palestinese per volere dello zar Alessandro III. Finanziata dalla casse imperiali e tuttora attiva, si occupa della promozione di pellegrinaggi in Terra Santa, di studi sulla Palestina e di cooperazione con le genti del Vicino Oriente. Evocativo il motto in esergo al sito internet dell'istituto: "Per il bene di Sion non tacerò, né resterò inerte per Gerusalemme". Malgrado l'ateismo di Stato, neppure l'epoca sovietica pose fine alla liaison tra Cremlino e ortodossia d'oriente, accentuandone ovviamente il carattere di elemento di penetrazione geopolitica rispetto a quello della pura religiosità.

Oggigiorno, l'ortodossia levantina è rappresentata da due patriarcati. Quello di Antiochia è competente per Siria, Libano, Iraq e Turchia orientale. Conta all'incirca un milione di adepti, di cui la metà in Siria e 300 mila nel paese dei Cedri, oltre ad una consistente diaspora sparsa per il mondo. Lingua rituale e quasi totalità di clero e fedeli sono etnicamente arabi. Più ridotto il patriarcato gerosolimitano, esteso su Giordania, Israele e Territori Occupati con un totale di circa 200 mila fedeli prevalentemente arabi (mentre i vertici sono perlopiù etnicamente greci). Tra Antiochia e Gerusalemme non corre esattamente buon sangue, impegnate nel contendersi sia i danari provenienti dai fratelli moscoviti che l'influenza nella regione. 

Se si pensa alla triangolazione Russia – ortodossia – Vicino Oriente oggi, il pensiero non può che correre alla Siria. La "sponda ortodossa" nel dossier siriano è importante per varie ragioni. Innanzitutto, è un modo per rinsaldare un'alleanza "trascendente" - e quindi atemporale – a fronte di quella "immanente" con Bashar al Asad. Benché la vittoria di Damasco sul terreno sia ormai incontrovertibile, l'asse Mosca – Damasco è suscettibile di mutamenti e tradimenti come ogni creazione umana. Come la storia ha invece dimostrato, il legame tra Cremlino e ortodossia d'Oriente si è rivelato resiliente a fronte di cambi di sovrani e governi, incluso il settantennio sovietico di ateismo istituzionalizzato. Per di più, non ci si trova di fronte ad un aut aut, bensì a due alleanze che concorrono nella stessa direzione, con il regime di Asad – espressione esso stesso di una minoranza (quella sciita alauita) – visto come nume tutelare da una parte consistente delle minoranze siriane (inclusa l'ortodossa) alle prese con una stragrande maggioranza sunnita nel Paese. 

Kirill, metropolita di Mosca

Intervenendo nel ginepraio siriano, Mosca ha ribadito l'immagine di sé come paladina dell'ortodossia, brandendo la spada da potenza cristiana per combattere in una novella "guerra santa". Proprio l'espressione di "guerra santa" è stata utilizzata dal metropolita di Mosca Kirill, nel quale il Cremlino ha trovato un fedele sostenitore. Forte dell'espansione dello Stato Islamico negli scorsi anni, la Chiesa ortodossa russa ha ribadito più volte la necessità di difendere i cristiani dalla persecuzione in occasione di momenti pregni di simbolismo. Basti pensare allo storico incontro tra Kirill e papa Francesco a Cuba nel 2016, durante il quale la comunione d'intenti nella difesa dei fratelli cristiani ha ecumenicamente travalicato la frattura cristiano – ortodossa. Di ancora maggiore (inquietante, nda) eloquenza, la benedizione impartita sempre da un vescovo russo ai caccia pronti a partire per la prima missione russa nei cieli di Siria nell'ottobre 2015.

Il fine precipuo dell'impaludamento ortodosso di cui è stato avvolto l'intervento russo, tuttavia, è il tentativo di giustificare ai cittadini stessi della Federazione l'impiego di risorse umane e finanziarie in una guerra che a un certo momento pareva destinata a tramutarsi in un secondo Afghanistan. La retorica panortodossa, tuttavia, non sembra avere grande presa. Come le manifestazioni di protesta contro la cessione della cattedrale di Sant'Isacco alla Chiesa russa a San Pietroburgo o il progetto di costruzione di un'enorme basilica in una piazza centrale di Ekaterinburg hanno reso evidente, una parte significativa di russi diffida chiaramente del connubio d'interessi secolari tra Stato e Chiesa. Un sondaggio condotto dal centro studi Levada ha infatti attestato che il 55% dei russi ritiene che Mosca debba porre fine alla propria campagna siriana. Una posizione che, tra parentesi, non è molto diversa da quella del Cremlino, il quale però è ancora in attesa di raccogliere i dividendi del proprio intervento a fianco di Asad e continua a battere il ferro finché è caldo.

L'uso russo dello smart power riecheggia reminiscenze manzoniane dell' «una d'arme, di lingua, d'altare, di memorie, di sangue e di cor». L'evocazione di una comunione ortodossa difesa con le armi si aggiunge a una politica linguistica che vede la proposta di introduzione del russo come materia obbligatoria nelle scuole siriane all'ecclettismo linguistico che vede la lingua di Puškin aggiungersi al persiano dell'alleata Teheran tra gli idiomi studiati in alcuni istituti nelle aree a predominanza Hezbollah.

Quanto all'opinione dei diretti interessati, I giudizi variano. Si va dal sostegno dell'arcivescovo di Aleppo alla condanna del metropolita di Beirut, il quale ha denunciato l'ipocrisia di Putin nel condannare l'invasione statunitense dell'Iraq nel 2003 e nel successivamente utilizzare il discorso della guerra santa per i propri interessi in Siria. Quanto ai convenuti alla conferenza di cui all'inizio dell'articolo, merita di essere citato il commento di un libanese aspirante russofono: "Secondo me, Mosca dovrebbe fare di più e ricostruire una grande Siria che includa anche il Libano." Silenzio imbarazzato del relatore di fronte a miraggi da radioso avvenire. 

Autocefalia in Ucraina: quando religione e politic...
Se Mosca piange, Pechino può ridere: mani cinesi s...

Related Posts

 

Comments (0)

There are no comments posted here yet

Leave your comments

  1. Posting comment as a guest. Sign up or login to your account.
Attachments (0 / 3)
Share Your Location

Iscriviti alla nostra Newsletter

Tag Cloud

OPK Ungheria Costituzione Russa Arkadij Babcenko Tajikistan Krymskij most Franco Aleksej Naval'nyj scramble for Africa Austria Helsinki Svezia Runet Iran Federazione Russa Cernenko Libia gay ortodossia INF russkaja ulica partiti Casa Bianca proteste in Russia Rosneft anti-liberalismo Brest-Litovsk Michele I Vostok18 Spagna Zurabishvili PCUS Gas naturale troll Israele #asiacentrale Dmitrij Medvedev sondaggi elettorali spese militari Vladimir Putin Partito Comunista Sputnik Pietro il Grande Merkel Cittadinanza Chiesa ortodossa Sondaggi green energy Transnistria Demografia Bielorussia Gazprom politiche energetiche Germania imperialismo K-19 TANAP Kerč’ Zelenskij internet Azerbaigian Poroshenko Società opposizioni Papa Francesco gasdotto boicottaggio Unione sovietica Akinfeev Calcio Eco Internazionale TAP Democrazia estrema destra Relazioni internazionali russofobia Moldavia Balcani Cherchesov nazionalismo dazi americani LGBT stalinismo Nigeria Italia lingua Occidente età dei torbidi Nikita Chruščëv Patriarca Kirill UE Roma Idlib Jabloko Putin Kiev Politica corruzione Mar Baltico Conte Russiagate Africa gas Welfare Levada Marina El'cin Diritti umani Trump 1941 influenza PIL bitcoin Nagorno-Karabakh Baku Afghanistan #russia Vedemosti Azerbaijan Power of Siberia Diplomazia Flame Towers Vladimir Putini Venezuela Anatolij Sobčak nazismo liberalismo crisi cultura Corea rivoluzione di velluto Skripal Cecenia Boris Titov Giovani Gennadij Zjuganov Eltsin Saakashvili SGC Naval'nyj Ucraina San Pietroburgo Guerra fredda Trident Juncture 2018 spie Gorbačëv Mediterraneo Sanzioni ingerenze russe Soft power Montenegro RussiaToday terrorismo Ara LDPR Armenia Passaporto Mosca estremismo Riforme Asia centrale reportage Chiesa Ortodossa Russa migranti Serbia Caspio Guerra diritti Gibilterra Golunov esercito Protocollo di Minsk rete Cremlino Kazakistan Siria Ricostruzione eroina Sergej Baburin elezioni presidenzali Theresa May #economia Pubblicazioni inchiesta Sicurezza Stati Uniti scenari politici FIFA Stalin Assad G8 #obor tossicodipendenza Asia Turkmenistan opposizione politica minoranza Olocausto SCO Smolensk comunismo Nato Cina WC2018 soft power Kim Kirghizistan PCFR Europa Cripto Valley tradizioni Pensioni Battaglie storiche Economia Asia Centrale zar HIV Poltava Oriente Vaticano Romanov Regime Change #sanzioni Armi società religione Egitto Astana Panslavismo Mondiali 2018 Maxim Surajkin Georgia Giornalismo Arabia Saudita Corea del Sud Storia Crimea Artico Mondiali nucleare Sobčak URSS Finlandia nord stream Islam criptovalute ISP Macron elezioni Tagikistan Unione Europea #cina via della seta Salman Cronache di viaggio export armi Prigožin Russia Unita Difesa SergeJ Skripal Ksenija Sobčak #silkbeltroad politica estera Siberia Kyrgyzstan Macedonia Uzbekistan FSB DNS Krasnodar lago Bajkal #commercio Partito del Progresso Peredača Sorge Paesi Baltici elezioni presidenziali ISIS monarchia Mare del Nord Russia Ilham Aliyev Francia propaganda Rosatom Pavel Grudinin candidati Business Russia autocefalia WCIOM Midterm G7 Grigorij Javlinskij Russkij Mir Grande Gioco Usa Kortezh Medio Oriente Pashinyan Reagan Turchia trattato di pace Lettonia Disarmo Vladimir Žirinovskij Proteste Minchenko Group Consulting Unione geopolitica energia spesa militare settore estrattivo S-400 governo russo rivoluzioni colorate opinione pubblica antiterrorismo Kuznetsov Donbass Caucaso caso Skripal Lavrov