La strategia russa di Macron, il "re equilibrista" europeo

Il presidente francese ha rievocato, nell'intervista all'Economist del 7 novembre scorso, la "morte cerebrale della Nato", e la sua strategia nei confronti della Russia. Per Macron, l'influenza dell'Europa nel mondo dipende dalla sua capacità di mediare tra i due "gorilla" delle relazioni internazionali: gli Stati Uniti e la Cina. Per far questo l'Unione Europea dovrebbe ricostruire le sue relazioni con la Russia. Un processo delicato, per il quale ci vorranno decenni. La strategia del presidente Macron sembra avere un duplice scopo: da una parte, affermare un'indipendenza politico-militare dell'UE (meglio se a trazione francese) dall'alleato statunitense; dall'altra, realizzare gradualmente un contenimento della Cina. In questo Macron si inserisce nel tradizionale solco della politica della grandeur  francese, ispirata a de Gaulle e a Mitterrand.

La Russia sembra rivestire un ruolo centrale nel raggiungimento di questi obiettivi. Innanzitutto, cambiando approccio con Mosca, l'UE può guadagnare credibilità sulla scena internazionale come attore indipendente rispetto agli Stati Uniti. Per contenere l'influenza cinese in Europa, un primo passo sarebbe tenere la Russia saldamente nel continente. In quest'operazione naturalmente per Macron la Francia è protagonista, il mediatore delle crisi più scottanti e lo Stato leader dell'UE.

La sua presidenza, iniziata nel maggio 2017, si è subito caratterizzata in politica estera per questo programma. Quindici giorni dopo aver assunto la carica, Macron ha invitato Putin a Versailles cogliendo l'occasione dell'inaugurazione di un'esposizione sullo zar Pietro il Grande in Francia. Quale palcoscenico migliore per ricordare i rapporti franco-russi e quel glorioso passato imperiale della Russia, quando zar e zarine vedevano nella Francia la massima espressione della civiltà?

La Russia è da sempre dunque parte integrante dell'Europa, della cultura europea e dell'illuminismo liberale che ha contribuito a sviluppare, come affermato in più occasioni da Macron. Questo richiamo al passato, costante nella retorica macroniana verso Mosca, deve rammentare a tutti (russi compresi) che il posto della Russia è stato e sarà sempre l'Europa. E non l'Asia. Macron punta sulla traiettoria di lungo periodo. Parte da un passato remoto – molto caro ai russi – per suggerire che incomprensioni e attriti sono solo passeggeri.

È necessario però rafforzare i legami economici, commerciali e culturali tra Francia e Russia – come d'altra parte ha già fatto la Germania, ricorda (forse con una punta d'invidia) Macron. In questo senso durante la visita di Putin a Versailles è stato lanciato un programma chiamato "Forum di Trianon", che da tre anni ormai organizza molti eventi e incontri tra la società civile francese e quella russa.

Secondo il presidente francese, il dialogo è uno degli strumenti principali per provare a sbloccare alcuni dei dossier più delicati, primo fra tutti quello ucraino. Con questo spirito, dopo l'incontro del 19 agosto 2019 al forte di Brégançon, i due capi di Stato hanno deciso di riattivare il formato "2+2", ovvero gli incontri bilaterali tra i ministri degli Esteri e ministri della Difesa,  nati negli anni Novanta e sospesi nel 2014. Il primo incontro ha avuto luogo il 9 settembre scorso, ma senza esiti rilevanti.

Maggiori contatti dovrebbero servire a ricostruire un rapporto basato sulla fiducia, che passa innanzitutto dalla comprensione reciproca, ma non può prescindere da azioni concrete. È stato molto apprezzato, infatti, dai russi il sostegno mostrato dalla Francia (insieme a Germania e Italia) verso la riammissione di Mosca nel Consiglio d'Europa. Il 26 giugno scorso il Parlamento di tale organismo ha infatti ripristinato il diritto di voto della Federazione, sospeso all'indomani dell'annessione della Crimea nel 2014. Sebbene possa sembrare un evento secondario, in realtà rappresenta il primo ritiro di una sanzione contro la Russia e dunque una prima vittoria della diplomazia russa, che dal 2014 è stata isolata in vari fori internazionali.

Il presidente francese non nasconde che il dossier ucraino rimane quello più problematico nelle relazioni tra Ue e Russia. Ciononostante, grazie forse all'elezione del nuovo presidente ucraino, Volodymyr Zelenskij, quest'autunno si sono registrati passi avanti nella distensione dei rapporti fra Russia e Ucraina. Il 7 settembre vi è stato un importante scambio di prigionieri e il 26 novembre la Russia ha restituito all'Ucraina le tre navi sequestrate nel mar d'Azov nel novembre del 2018.

La Francia vorrebbe assumere il ruolo di mediatore in dossier caldi, come l'Ucraina, la Siria, l'Iran e il controllo degli armamenti, nei quali la Russia è un attore imprescindibile. La questione ucraina sembrava essersi finalmente sbloccata quando il 1° ottobre scorso era stato annunciato che l'Ucraina aveva accettato la cosiddetta "formula Steinmeier". Questa includeva tra le altre cose la garanzia di uno status speciale per il Donbass. Sembra che la Francia abbia sostenuto fortemente questa decisione, assunta nell'ambito del Gruppo di contatto trilaterale a Minsk. Inoltre si sarebbe dovuto tenere a Parigi ad ottobre un nuovo incontro del "formato Normandia" – Ucraina, Russia, Germania e Francia. L'incontro però non ha mai avuto luogo.

"Formato Normandia" a Minsk, febbraio 2015

Per ora, sebbene Macron tenti di presentarsi come interlocutore politico della Russia, vi sono limiti, sia esterni che interni, alla sua azione. Per quanto riguarda la situazione siriana, permane tra Francia e Russia un disaccordo di fondo rispetto al futuro assetto istituzionale del Paese. Al contrario, sull'Iran le intenzioni francesi incontrano l'opposizione degli Stati Uniti. Con la Russia vi sarebbe invece una sostanziale convergenza degli interessi: entrambi vorrebbero che si rispettasse l'accordo sul nucleare del 2015, denunciato da Trump nel maggio 2018. Allo stesso modo, sebbene Macron abbia dichiarato di voler discutere con la Russia di sicurezza e di controllo degli armamenti, non sembrano esserci le condizioni per aprire negoziati, vista la posizione degli Stati Uniti. Nel 2018 gli Stati Uniti hanno, infatti, denunciato unilateralmente il Trattato INF (Intermediate-range Nuclear Forces) del 1987 e, quando nel 2021 scadrà il Trattato New START sulla riduzione delle armi nucleari del 2010, non è facile prevedere se sarà rinnovato.

La strategia di Macron incontrerebbe degli ostacoli anche all'interno delle strutture burocratiche. Nel discorso annuale al corpo diplomatico francese tenutosi il 27 agosto scorso, il presidente ha fatto cenno all'esistenza di uno "Stato profondo" nell'amministrazione che non condivide, e anzi ostacola, il suo progetto di "architettura basata sulla fiducia". Secondo alcuni commentatori, Macron avrebbe fatto riferimento a gruppi 'atlantisti' che non vedrebbero di buon occhio un riavvicinamento alla Russia.

Un terreno sul quale gli interessi francesi e russi entrano invece direttamente in competizione è l'Africa, e più precisamente la Repubblica Centrafricana. Dopo la caduta dell'Unione Sovietica, i russi si erano ritirati completamente (o quasi) dal continente. Diversamente la Francia non ha mai cancellato i legami con le sue ex colonie. Il vertice Russia-Africa, tenutosi tra il 23 e il 24 ottobre scorso a Sochi per rilanciare una nuova cooperazione multisettoriale, registra un rinnovato interesse russo per il continente africano. Ha suscitato molte preoccupazioni a Parigi l'accordo firmato da Bangui con una società privata russa per la formazione delle forze dell'ordine centrafricane.

Infine, la congiuntura politica potrebbe favorire il progetto di Macron. L'espansione dell'influenza cinese, l'atteggiamento incostante di Trump nei confronti dell'Europa, la timidezza della Germania nel prendere la leadership europea rendono più probabile il ruolo della Francia come interlocutore della Russia. A ben guardare, tuttavia, più che di un vero e proprio riavvicinamento si tratta solo di un'apertura dei canali di dialogo.


Miriam Peluffo

La giornata nera dello sport russo
Balcani ed energia - Gazprom e i piani del gas rus...

Related Posts

 

Comments (0)

There are no comments posted here yet

Leave your comments

  1. Posting comment as a guest. Sign up or login to your account.
Attachments (0 / 3)
Share Your Location

Iscriviti alla nostra Newsletter

Tag Cloud

LDPR Nigeria Cipro Germania Diplomazia religione scramble for Africa INF Helsinki esercito Rosatom Olocausto eroina Unione liberalismo Astana G8 incidente Runet Cernenko rivoluzione di velluto Kiev internet Sorge caso Skripal Giappone sondaggi elettorali Naval'nyj Società Nenets Sputnik Guerra fredda estremismo Storia elezioni presidenzali gay Rosneft Arabia Saudita Unione sovietica Peredača incendio opposizioni Kazakistan corruzione Gorbačëv comunismo proteste in Russia Russia Unita Vladimir Putini Politica minoranza Disarmo Flame Towers #russia Ossezia del Sud inquinamento Difesa UE Panslavismo #obor Calcio criptovalute Siberia estrema destra Russia partiti Partito del Progresso Dmitrij Medvedev Asia centrale Transnistria lago Bajkal Midterm ISP Assad G7 Vladimir Putin settore estrattivo soft power ortodossia visita di Stato elezioni presidenziali Gazprom Markiv OPK Pavel Grudinin imperialismo Aleksej Naval'nyj Uzbekistan SergeJ Skripal Georgia diritti Corea del Sud K-19 tradizioni Federazione Russa propaganda Spagna Aral governo russo stalinismo Russiagate Cina Ambiente politica estera Pashinyan Abcasia terrorismo Nato Arkadij Babcenko Boris Titov #sanzioni summit sport Roma Riforme Caucaso Università Kyrgyzstan cultura geopolitica bitcoin #asiacentrale Cripto Valley Crimea Stati Uniti Kim Conte relazioni internazionali climate change gasdotto Asia Ungheria Jabloko Curili Africa RussiaToday Poltava Rocchelli URSS scenari politici Trident Juncture 2018 nord stream Egitto Diritti civili Baltico Maxim Surajkin Nikita Chruščëv Business Russia Donbass monarchia Chiesa Ortodossa Russa Reagan Partito Comunista Casa Bianca Tajikistan trattato di pace Gennadij Zjuganov muro di Berlino Francia Grande Gioco Passaporto Italia Ilham Aliyev Gibilterra Anatolij Sobčak SGC Baku gas Sobčak lingua Beirut 1941 Cecenia Nagorno-Karabakh WADA Salman migranti HIV Olimpiadi Estonia Tripoli spie Ksenija Sobčak Sicurezza Protocollo di Minsk Zelenskij Franco politiche energetiche popoli Kirghizistan Patriarca Kirill Israele elezioni PCUS Krasnodar candidati Artico 1989 Gas naturale migrazioni Parigi Oriente #cina Michele I Vedemosti Mar Baltico Cremlino opinione pubblica Grigorij Javlinskij Vladimir Žirinovskij zar Krymskij most #silkbeltroad Saakashvili Regime Change Kazakhstan nomadismo Mediterraneo spesa militare Pietro il Grande Afghanistan Opposizione autocefalia Minchenko Group Consulting Clima Trump Eltsin Lettonia Romanov Balcani influenza Mare Marina Cittadinanza Akinfeev Welfare Mare del Nord russofobia Kortezh Macedonia tossicodipendenza Proteste Battaglie storiche società Macron Vaticano FSB Chiesa ortodossa russkaja ulica Venezuela Armi doping Ecologia Medio Oriente troll Zurabishvili boicottaggio Merkel nazionalismo dazi americani Bielorussia Siria FIFA Poroshenko Lavrov inchiesta Brest-Litovsk TAP Guerra Sanzioni Ucraina Demografia Cronache di viaggio Putin #economia Politica estera Economia Vostok18 Smolensk Austria S-400 Eco Internazionale Islam Levada DNS Mondiali 2018 Finlandia età dei torbidi Papa Francesco Europa Montenegro Prigožin ingerenze russe Pubblicazioni ISIS nucleare Occidente Unione Europea Paesi Baltici green energy WCIOM Power of Siberia Skripal El'cin Costituzione Russa export armi Turkmenistan Serbia Turchia WC2018 Theresa May LGBT Iran reportage Sondaggi crisi PIL Sergej Baburin Ricostruzione Libia Usa Russkij Mir opposizione politica spese militari Kerč’ Asia Centrale Giornalismo Idlib Lituania rivoluzioni colorate San Pietroburgo antiterrorismo Azerbaigian nazismo Diritti umani Golunov LIbano rete Relazioni internazionali Haftar Mosca Giovani PCFR Ara energia Pensioni Cherchesov Corea Mondiali Azerbaijan Armenia cooperazione SCO Stalin Democrazia Caspio Tagikistan Soft power TANAP via della seta Kuznetsov #commercio Moldavia Svezia anti-liberalismo