Putin - Kim: l'incontro di Vladivostok

La settimana scorsa, nella città di Vladivostok, capitale della regione dell'Estremo Oriente Russo, si è tenuto un importante incontro bilaterale tra il presidente della Federazione Vladimir Putin e il leader della Corea del Nord, Kim Jong-Un. Nella cornice scenografica dell'isola Russky, i due capi di Stato si sono intrattenuti in una cornice di cordialità tra strette di mano, foto e scambi di doni. Kim Jong-Un ha raggiunto il luogo a bordo del treno blindato (trasmessa di padre in figlio una certa avversione per il volo) con il consueto seguito di diplomatici, guardie del corpo e servitori. Quella del leader coreano, abbastanza restio alle visite internazionali al di fuori dell'eremitico Paese asiatico, è la prima visita di Stato in terra russa (l'ultima con protagonista il padre e predecessore Kim Jong-Il, risale al 2011) e segue il roboante fallimento del vertice di Hanoi, tenutosi in terra neutrale tra il gerarca coreano e il presidente americano Donald Trump. 

Kim si reca in Russia cercando la sponda Putin, consapevole del rinnovato protagonismo di Mosca nella scena internazionale e intenzionato a rilanciare l'immagine personale e quella del suo Paese, certamente affascinato da una "selfie diplomacy" quanto mai attuale. Tanti i dossier sul tavolo tra le due nazioni, che oltre che un confine comune molto ristretto (un lembo di terra di 11 km) condividono una passato di solida alleanza nel blocco sovietico. Certamente appaiono lontani i tempi in cui Stalin contribuì alla consacrazione della dinastia Kim, plasmando così la Corea del Nord come strategico satellite dell'enorme influenza globale sovietica o, diametralmente, la freddezza diplomatica agli albori della neonata Federazione Russa, ma quali sono stati i motivi della visita di Kim in Russia?

Economia e investimenti

Fonte: Beyond Parallel
Consapevole delle possibilità e del protagonismo diplomatico della Russia a livello internazionale, Kim cerca la sponda Putin scontrandosi con l'ambivalente posizione del presidente russo in merito. La Russia gode di un peso economico, logistico e di prestigio non indifferente nella penisola e Putin intende attuare una serie di piani, investimenti e infrastrutture consciamente vitali da ambo le parti; debole e dipendente (ma non isolata) la Corea del Nord deve restare in piedi pur di evitare una riunificazione indirizzata dal Sud, che potrebbe portare le forze armate americane (23.000 quelle stanziate a sud del 38° parallelo) ai confini con la Federazione
Per nulla secondario l'obiettivo di raggiungere l'agognato mercato sudcoreano aprendo la strada agli investimenti di Seul nell'Estremo Oriente russo. Congelatosi il processo di pace con il Giappone sulla sorte delle isole Curili, i capitali sudcoreani appaiono sempre più appetibili, così come la fame di energia di una tigre asiatica sempre più dinamica che il gigante Gazprom appare ansioso di colmare.

Rilanciare le infrastrutture ferroviarie (il corridoio ferroviario transiberiano che da Tumngang porta all'importante porto di Rajin, sul Mar del Giappone), costruire un gasdotto trans-coreano o persino portare le due Coree a un graduale processo di pace, alleviando le sanzioni di Pyongyang che ne inibiscono le esportazioni. A scapito della residua importanza commerciale della Russia, secondo partner con circa l'1,3% delle importazioni, la Corea del Nord non può fare a meno della Federazione nelle pericolose manovre che applica nel tentativo di evadere le pesanti sanzioni della comunità internazionale: diversi e documentati sono le procedure di esportazioni e traffici "fantasma" tra i due Paesi (la Federazione Russa è il più grande fornitore di prodotti petroliferi raffinati) sfruttando i cavilli e le possibilità offerte dalle falle nel diritto internazionale. Partendo da uno scambio commerciale minuscolo, solo 34 milioni $ nel 2018, la Russia vorrebbe ottenere un accesso più ampio alle risorse minerarie della Corea del Nord, compresi i metalli rari. Pyongyang, da parte sua, brama le forniture di elettricità della Russia e vuole attirare gli investimenti russi per modernizzare i suoi fatiscenti impianti industriali sovietici, ferrovie e altre infrastrutture, facilitati dalla decisione del 2011 di cancellare il 90% del debito che la Corea nutriva nei confronti dell'Unione Sovietica si configura come un segnale di buona volontà. Progetti ovviamente ambiziosi, le cui potenzialità e fattibilità (o rovinose perdite) si riveleranno solo con il proseguire dei colloqui per la normalizzazione dei rapporti tra la comunità internazionale e Pyongyang. Inevitabile un ruolo di primo piano dell'abile diplomazia russa.

La questione dei lavoratori nordcoreani in Russia

 

Le dichiarazioni ufficiali rilasciate dai due leader hanno ignorato un tema di fondamentale importanza nei rapporti bilaterali transfrontalieri: la sorte di decine di migliaia di lavoratori coreani presenti in Russia. Dalle metropoli della Russia europea fino all'Estremo Oriente siberiano, vivrebbero nella Federazione dai 15.000 ai 40.000 nordcoreani. Molto difficile stabilirne un numero preciso, in quanto elemento controverso nella questione del diritto internazionale. Secondo la Risoluzione 2397 del Consiglio di sicurezza ONU, emanazione del nuovo ciclo di sanzioni del 2017 verso Pyongyang, gli Stati membri dovranno espatriare tutti i lavoratori nordcoreani entro 24 mesi dall'approvazione, ma né la Russia né la Corea intendono rinunciare alla presenza di questo importante asset. Se da una parte la Federazione necessita del lavoro, del contributo (spesso discreto) di questa manodopera negli ambiziosi piani infrastrutturali nell'Oriente Artico, la Corea guadagna preziosi capitali dalle rimesse degli emigrati sostenendo gli apparati repressivi e l'ossatura del regime. La comunità internazionale, inchieste e attivisti, hanno più volte denunciato il precario status e lo sfruttamento di questa manodopera quasi servile, mentre si sollevano dubbi sulle reciproche volontà di porre fine a questa prassi. Se da un lato autorevoli fonti segnalano l'effettivo e graduale rimpatrio, altre evidenziano la presenza di cavilli (falsi scambi universitari ad esempio) per proseguire questo traffico di esseri umani. 

Un Putin equilibrista tra la volontà di servirsi di necessaria manodopera e l'attenzione verso il pericolo di incorrere in ulteriori sanzioni internazionali.

La Russia nel processo di denuclearizzazione nordcoreana

 

Il summit Putin-Kim ha evidenziato che la Russia potrebbe svolgere un ruolo stabilizzatore e contribuire a promuovere la distensione nella penisola coreana. Mosca, nonostante gli allarmi strumentali della Nato, persegue le necessità della non proliferazione ed è ovviamente interessata alla denuclearizzazione della penisola coreana, che si manifesta con i restanti contatti diplomatici tra Russia, Cina, Stati Uniti e comunità internazionale su questo tema. La Russia, con la sua esperienza come potenza nucleare consolidata e con tecnologie avanzate, potrebbe contribuire a formulare un approccio graduale realistico più simile alla riduzione degli armamenti e alla verifica della sua attuazione. Putin e Kim al tavolo di Vladivostok mandano un messaggio chiaro di multipolarità contro il protagonismo degli Stati Uniti; impossibile sottovalutare il ruolo della Russia in ogni crisi euroasiatica. Il presidente Putin, ai giornalisti riuniti in conferenza stampa, ha mostrato comprensione verso la volontà della Corea di dotarsi di un deterrente nucleare contro la minaccia di rovesciamento o di colpo di Stato eterodiretto sponsorizzando, come altrove nel mondo, lo status quo al potere, insistendo sul tenere aperta la finestra del dialogo evitando l'insorgere di un conflitto armato, pericoloso precedente. 

In un frangente in cui il dialogo appare paralizzato a scapito delle teatrali e mediatiche promesse e dichiarazioni del presidente Trump il leader nordcoreano cerca di far avanzare le trattative da un indiscusso punto di forza. La rivelazione dell'esistenza di nuovi e sofisticati siti di lancio e costruzione di componenti bellici, la ripresa recente dei test missilistici e soprattutto il raggiungimento di un livello avanzato nella costruzione di un ordigno nucleare transcontinentale permettono un discreto margine di disinvoltura a Pyongyang, che dovrebbe costringere il tycoon newyorkese, estraneo alle finezze e alla mediazione diplomatica, a maggiori concessioni. Uno stallo pericoloso (senza dimenticare l'ambivalenza cinese) in cui si inserisce pragmaticamente Mosca, conscia della subalternità, ma per nulla intenzionata ad abdicare al ruolo di semplice spettatore nel suo Estremo Oriente. 

Elezioni europee: Mosca vista da Berlino
L'influenza russa in Europa, tra realtà e percezio...

Related Posts

 

Comments (0)

There are no comments posted here yet

Leave your comments

  1. Posting comment as a guest. Sign up or login to your account.
Attachments (0 / 3)
Share Your Location

Iscriviti alla nostra Newsletter

Tag Cloud

politiche energetiche Unione Anatolij Sobčak Mondiali Smolensk Cittadinanza Proteste Federazione Russa Vedemosti soft power Chiesa Ortodossa Russa G8 Business Russia gasdotto Krasnodar Asia Centrale Egitto nucleare Kuznetsov Casa Bianca Levada Riforme Demografia energia anti-liberalismo rivoluzione di velluto Reagan rivoluzioni colorate Zurabishvili Patriarca Kirill liberalismo spie terrorismo Poltava Sputnik Turchia Franco Flame Towers FSB Pashinyan Salman Asia età dei torbidi Relazioni internazionali Calcio elezioni Eltsin Baku INF Kirghizistan opposizioni Armi Diplomazia Naval'nyj Sorge Maxim Surajkin gas Sondaggi Vostok18 Guerra fredda geopolitica Cronache di viaggio Gennadij Zjuganov Putin Macron OPK governo russo UE Prigožin Mare del Nord nazismo Iran Theresa May Azerbaijan FIFA Russia Kerč’ Pietro il Grande propaganda estremismo Regime Change Crimea Venezuela Mar Baltico spesa militare Sergej Baburin Sanzioni Gazprom Economia Minchenko Group Consulting URSS via della seta Gorbačëv Libia minoranza Italia opposizione politica corruzione influenza stalinismo Caspio Stalin Usa Dmitrij Medvedev Panslavismo estrema destra tossicodipendenza Vladimir Putini Idlib Akinfeev migranti Helsinki PCUS Pubblicazioni Georgia Peredača Partito Comunista Politica RussiaToday partiti Assad Armenia Trident Juncture 2018 Germania Sicurezza Unione Europea Astana LDPR monarchia Ksenija Sobčak Mosca Mediterraneo El'cin Tajikistan Diritti umani Occidente politica estera scramble for Africa Arkadij Babcenko russofobia Ucraina Saakashvili Siria diritti Arabia Saudita Battaglie storiche Russia Unita dazi americani LGBT Bielorussia 1941 Passaporto Moldavia Austria Welfare Krymskij most Lavrov green energy trattato di pace gay export armi Power of Siberia Spagna Trump reportage Disarmo Cherchesov Grigorij Javlinskij caso Skripal ISIS Transnistria Lettonia Grande Gioco Kiev antiterrorismo Israele DNS Stati Uniti Paesi Baltici Sobčak Pensioni TANAP ISP eroina Europa Cecenia PCFR russkaja ulica ortodossia settore estrattivo nord stream Turkmenistan Vladimir Žirinovskij Nigeria Pavel Grudinin religione Russkij Mir Unione sovietica spese militari Afghanistan imperialismo Storia boicottaggio Corea del Sud Nato Donbass Cernenko Cripto Valley S-400 Cina WCIOM K-19 Gas naturale inchiesta Ungheria esercito Poroshenko zar TAP Vladimir Putin Giovani SGC Boris Titov Olocausto Cremlino Partito del Progresso internet Democrazia troll Ilham Aliyev Francia bitcoin Svezia Chiesa ortodossa Finlandia elezioni presidenzali G7 rete Protocollo di Minsk Nikita Chruščëv scenari politici Kim Costituzione Russa Difesa Soft power proteste in Russia WC2018 Zelenskij Brest-Litovsk Azerbaigian comunismo candidati Jabloko Russiagate Merkel SergeJ Skripal Romanov Mondiali 2018 Kazakistan criptovalute nazionalismo Skripal Eco Internazionale Caucaso HIV Aleksej Naval'nyj sondaggi elettorali Società PIL Medio Oriente SCO Corea elezioni presidenziali Oriente Michele I Uzbekistan Rosneft Africa Runet ingerenze russe Nagorno-Karabakh opinione pubblica San Pietroburgo Balcani lingua Gibilterra Kortezh Midterm