La parabola del Russiagate

"La presente indagine non ha rilevato che la squadra elettorale di Trump abbia cospirato […] con il Governo russo nelle attività di interferenza elettorale di quest'ultimo".

Sono state probabilmente queste le parole più dolci per il 45° presidente degli Stati Uniti dall'inizio del suo mandato. Più del boom del mercato occupazionale, più del momento d'oro dell'economia ad ovest dell'Atlantico. Perché l'inchiesta sulle presunte ingerenze russe nella campagna elettorale che ha portato Donald Trump alla Casa Bianca – il "Russiagate" – era indubbiamente la spada di Damocle più pericolosa per l'inquilino newyorkese del 1600 di Pennsylvania Avenue. Non solo viene così a cadere l'elemento imprescindibile per la riuscita dell'impeachment – ammesso che i repubblicani avrebbero votato a favore al Congresso –, ma anche e soprattutto perché il leader della principale economia e forza militare al mondo si scrolla di dosso l'infamante accusa di essere un burattino al soldo di Mosca. 

Certo, i 22 mesi dell'inchiesta del procuratore speciale Robert Mueller – in realtà partita già prima del 2017 – hanno fatto emergere altri crimini federali, che a loro volta hanno portato ad arresti eccellenti nell'entourage dei fedelissimi di Trump. Tuttavia, nessuna "pistola fumante" sulla Russia. Nessuna prova che la squadra elettorale di The Donald abbia ricevuto denaro o supporto diretto dal Cremlino per battere la candidata democratica Hillary Clinton. Ciò, ben inteso, non significa che a Mosca non abbiano cercato di influenzare la tornata elettorale del 2016 – il che è chiaro e, tutto sommato, ampiamente prevedibile – ma semplicemente che Trump, al massimo, abbia raccolto i frutti di un campo già arato da altri.

Donald Trump a colloquio con i giornalisti all'esterno della Casa Bianca

Le più di 300 pagine di report completo sul Russiagate sono state consegnate dal superprocuratore Mueller a William Barr – capo del Dipartimento di Giustizia. Per leggere la versione integrale bisognerà verosimilmente attendere ancora qualche settimana, ma finora ciò che più conta è il sunto che Barr ha inviato ai rappresentanti del Congresso ed alla Casa Bianca: quattro pagine da cui pare che, appunto, non vi sia stata collusione con i russi; ma che evidenziano altresì una possibile ostruzione alla giustizia da parte del presidente in fase istruttoria. Accusa che, pur meno fragorosa di un tradimento col nemico storico, potrebbe anch'essa servire come base teorica per una messa in stato d'accusa.

La scintilla che ha innescato l'attività di investigazione risale al maggio del 2016: un consulente di politica estera vicino a Trump – George Papadopoulos – rivelò ad un alto funzionario australiano che la Russia fosse in possesso di materiale politicamente compromettente su Hillary Clinton. In buona sostanza, un attacco hacker (presumibilmente di matrice russa) era riuscito a trafugare migliaia di e-mail private della Clinton dai server del Comitato elettorale democratico. Il tutto fu prontamente pubblicato su Wikileaks di Julian Assange – allora esule nell'ambasciata ecuadoriana a Londra. Materiale che, ça va sans dire, avrebbe finito per influire sul risultato del voto tenutosi 6 mesi più tardi.

L'FBI, informata dagli australiani, decise così di aprire un'indagine per verificare i legami effettivi tra l'amministrazione russa ed il candidato repubblicano – nel frattempo eletto presidente. In uno slancio d'ira funesta per l'avvio dell'indagine, Trump decise però di destituire il capo dell'FBI – James Comey – scatenando un'ondata d'indignazione bipartisan. Ulteriore colpo di scena, in piena tradizione hollywoodiana, fu quello del ministro della giustizia Jeff Sessions: remando controcorrente, Sessions si ricusò ed affidò l'indagine sul presidente ad un organo indipendente rispetto all'amministrazione (scelta, questa, che può aver avuto un certo peso nella decisione di Trump di "dimetterlo" nel 2018 – appena dopo le elezioni di mid-term). L'indagine venne così affidata a Robert Mueller – avvocato newyorkese ed ex direttore dell'FBI dal 2001 al 2013 –, da allora divenuto il "superprocuratore" del Russiagate.

Vladimir Putin e Donald Trump al summit APEC in VIetnam

22 mesi di fitte indagini hanno coinvolto gli ambiti più disparati: dagli interessi finanziari di Trump in Russia allo scandalo Cambridge Analytica, passando per gli atti di ostruzione alla giustizia. È stato un incontro in particolare a passare al vaglio attento degli inquirenti, risalente al giugno 2016: alla Trump Tower di New York, una delegazione formata da Donald J. Trump Jr. (figlio del presidente), Jared Kushner (genero di Trump e suo senior adviser) e l'imprenditore Paul Manafort (responsabile della campagna elettorale) incontrarono l'avvocata russa Natalia Veselmitskaya. Dettaglio di non poco rilievo è che quest'ultima non fosse proprio una signora nessuno: tra i suoi clienti figurano infatti i vertici della classe dirigente moscovita e diversi habitué delle stanze del Cremlino.

Ad aggiungere ulteriore benzina sul fuoco è stata l'indagine parallela su uno dei partecipanti alla riunione: Paul Manafort. Gli inquirenti hanno infatti portato alla luce l'intensa attività di lobbying – non dichiarata e dunque illegale – che Manafort aveva prestato a favore dell'ex presidente ucraino Viktor Janukovyč – che, nel 2014, sollecitò formalmente l'intervento armato russo per ristabilire l'ordine in Ucraina (prima di fuggire da esule proprio in Russia). Per di più, il lobbista avrebbe condiviso informazioni sensibili sulla campagna elettorale di Trump con il suo collaboratore Konstantin Kilimnik – considerato un agente dei servizi russi.

A finire sotto il riflettore sono stati, tra gli altri, anche Michael Cohen – legale personale di Trump – e l'ex generale Michael Flynn – National Security Adviser presidenziale. Cohen è stato condannato a 3 anni di carcere per una serie di crimini, che includono l'aver mentito al Congresso e l'aver "comprato il silenzio" di donne che sostenevano di aver avuto rapporti sessuali con Trump (tra cui la pornostar Stormy Daniels). Flynn, invece, ha pubblicamente confessato di aver mentito all'FBI relativamente alle sue conversazioni con l'allora ambasciatore russo a Washington – Sergey Kislyak. Flynn avrebbe falsamente negato di aver chiesto al diplomatico di "astenersi dal far degenerare la situazione", dopo che gli Stati Uniti avevano approvato un ulteriore pacchetto di sanzioni contro la Russia.

Le mura del Cremlino e la Moscova ghiacciata (photo courtesy of ChiralJon)

Le premesse per un finale a sorpresa, una sorta di "Watergate 2.0", parevano dunque esserci tutte. Eppure, la smoking gun non è stata trovata. La condotta di Trump e dei suoi è stata rischiosa, a tratti decisamente ambigua – quando non proprio illegale. Ma non c'è stata collusione con il Cremlino.

Secondo il dossier, la Russia avrebbe fatto breccia in maniera autonoma nel processo democratico statunitense, attraverso due cavalli di Troia: il primo è la Internet Research Agency, un'azienda pietroburghese definita dall'intelligence americana come "fabbrica di troll". Mediante l'IRA, migliaia di account falsi avrebbero contribuito a diffondere sistematicamente fake news propagandistiche su vari temi di politica interna ed estera – dalla Crimea alla Siria.

Il secondo, per definizione, non ha una faccia: si parla degli attacchi hacker che hanno violato i server della squadra Clinton e del Partito Democratico. In nessuno dei due casi sopracitati, però, il presidente Trump avrebbe avuto alcun ruolo – nonostante, secondo quanto si legge, i russi avessero indirettamente offerto il loro supporto al candidato del GOP.

Il presidente può quindi tirare un sospiro di sollievo, dato che la maggiore preoccupazione è passata – quell'inchiesta (o "caccia alle streghe", come l'ha definita Trump) che ha diviso il Paese in due. Non per molto, però, data la molteplicità di procedimenti giudiziari ancora aperti, a vario titolo in tutti gli USA, contro il presidente.

Perché, come è logico supporre, una fetta importante della (già aperta) campagna presidenziale per il voto del 2020 non si giocherà ai comizi. Ma nei tribunali.

Afrika Mojà. La penetrazione russa in terra africa...
Gli ebrei russi e le elezioni in Israele

Related Posts

 

Comments (0)

There are no comments posted here yet

Leave your comments

  1. Posting comment as a guest. Sign up or login to your account.
Attachments (0 / 3)
Share Your Location

Iscriviti alla nostra Newsletter

Tag Cloud

Vladimir Žirinovskij dazi americani Russia russofobia Olocausto Unione sovietica Egitto Flame Towers sondaggi elettorali tossicodipendenza crisi RussiaToday Mondiali 2018 Patriarca Kirill Arkadij Babcenko Turchia Nikita Chruščëv Storia Occidente Cernenko Chiesa ortodossa estremismo Lavrov Svezia Chiesa Ortodossa Russa Ucraina Maxim Surajkin Donbass settore estrattivo LGBT Balcani URSS politiche energetiche nazionalismo politica estera Asia centrale Krymskij most cultura Cherchesov Armenia opposizioni Theresa May Zurabishvili Austria Smolensk Turkmenistan Partito del Progresso Asia Centrale Midterm Saakashvili PIL Kuznetsov rete Afghanistan Levada Sorge #economia HIV opinione pubblica Paesi Baltici Pavel Grudinin Riforme Disarmo Poltava Ilham Aliyev geopolitica Prigožin Costituzione Russa Krasnodar Venezuela Kyrgyzstan Baku Macron Mare del Nord Unione Europea governo russo Montenegro Medio Oriente Libia lingua Poroshenko ortodossia Finlandia SCO Uzbekistan Federazione Russa Lettonia Kiev Kerč’ Peredača INF gas minoranza bitcoin Kortezh UE Panslavismo Dmitrij Medvedev Franco Idlib Guerra fredda Mosca Anatolij Sobčak Rosneft S-400 Diritti umani Gennadij Zjuganov candidati Cremlino 1941 #sanzioni nord stream Nagorno-Karabakh comunismo TAP Gibilterra Bielorussia WCIOM Vostok18 Sobčak Kim FSB elezioni presidenzali Difesa spie Mondiali Sanzioni Iran #silkbeltroad Economia Serbia Russiagate Casa Bianca monarchia Armi Aleksej Naval'nyj Cripto Valley influenza Runet Caspio El'cin Russkij Mir soft power #russia Pubblicazioni Asia proteste in Russia inchiesta Francia Cronache di viaggio stalinismo estrema destra Cina Ungheria Germania Moldavia #cina Cittadinanza Protocollo di Minsk G7 Caucaso San Pietroburgo WC2018 Golunov eroina TANAP Partito Comunista Usa PCUS Cecenia via della seta Tajikistan Società Salman Guerra Africa Kazakistan criptovalute ISP Akinfeev Spagna Corea del Sud Demografia Ksenija Sobčak Grande Gioco Kirghizistan #asiacentrale Reagan Russia Unita nucleare #obor Trump DNS Helsinki religione G8 Vedemosti scramble for Africa Assad Putin Minchenko Group Consulting green energy Oriente Stalin esercito Pensioni Passaporto caso Skripal Rosatom Michele I reportage Nigeria Gazprom Tagikistan Diplomazia energia terrorismo imperialismo Battaglie storiche propaganda Trident Juncture 2018 Gorbačëv Stati Uniti Power of Siberia Soft power Relazioni internazionali Giornalismo Proteste Mar Baltico Sputnik troll spese militari ingerenze russe Giovani FIFA Merkel Eltsin Siria anti-liberalismo rivoluzione di velluto Sicurezza ISIS Politica gasdotto rivoluzioni colorate tradizioni Eco Internazionale Business Russia liberalismo Vladimir Putini Georgia PCFR Islam Grigorij Javlinskij K-19 Brest-Litovsk Gas naturale Arabia Saudita Israele Italia Romanov Mediterraneo Skripal Welfare Azerbaigian Democrazia Pashinyan elezioni Jabloko Unione gay spesa militare OPK Regime Change età dei torbidi corruzione Ara antiterrorismo Calcio Macedonia russkaja ulica trattato di pace Transnistria Zelenskij Nato Ricostruzione Sondaggi diritti #commercio società Europa SGC zar Crimea Naval'nyj LDPR opposizione politica Azerbaijan boicottaggio nazismo Pietro il Grande Sergej Baburin export armi SergeJ Skripal internet partiti Astana Boris Titov scenari politici Vladimir Putin Corea elezioni presidenziali migranti