"Do ut des" alla russa

"Do ut des" alla russa

"Osserva i tuoi nemici, perché scopriranno per primi i tuoi punti deboli". Il vecchio adagio di Antistene – non a caso fondatore della scuola cinica – servirebbe da utile promemoria per buona parte delle dirigenze politiche del Vecchio Continente. Queste ultime, difatti, si sono trovate impreparate a fare i conti con un rinnovato interventismo russo nei processi democratici altrui, e, in particolare, con il tentativo del Cremlino di fare breccia nelle opinioni pubbliche continentali. Ad onor del vero, sarebbe più razionale e sensato riferirsi alla Federazione Russa quale "competitore", piuttosto che come "nemico". Tuttavia, proprio l'incapacità di comprendere a fondo tale rinnovata capacità d'influenza da parte di Mosca ha fatto sì che il meccanismo di risposta rapida politico-mediatica dei variegati attori nazionali rispolverasse talvolta una retorica da Guerra Fredda, rivelatasi tanto infruttuosa sul piano pratico, quanto stantia su quello teorico.

Allo stato attuale delle cose, questa sorta di liaison fatale verso Mosca – rectius, verso il retroterra ideologico delle ultime presidenze Putin – è provata soprattutto dalle destre, ma non risparmia una nutrita schiera di partiti di sinistra, dalla Germania (Die Linke) alla Spagna (Podemos), passando per Grecia (SYRIZA), Bulgaria (Partito Socialista Bulgaro – BSP), Cipro (Partito Progressista dei Lavoratori – AKEL) e Repubblica Ceca (Partito Comunista di Boemia e Moravia – KSCM). I primi sposano quasi all'unanimità il taglio nazionalista, tradizionalista, social-conservatore e moderatamente anti-internazionalista (nell'accezione liberale del concetto), che caratterizza agli occhi degli spettatori esteri la Russia di Vladimir Putin. Gli altri condividono la presa di posizione russa nel contrasto a taluni aspetti della globalizzazione ed alla NATO, non di rado con un tocco di nostalgia verso ciò che è stato e non è più, specialmente nell'area dell'ex Patto di Varsavia.

Vale però la pena ricordarlo: le cause prime di questi fenomeni anti-establishment sono dovute a fattori con ogni probabilità interni, motivo per cui accusare la Russia non solo di averli fomentati e sfruttati, ma addirittura di averli causati, rischia di tramutarsi in uno scaricabarile incurante delle dinamiche sociali dei Paesi europei (e non solo), concedendo un ulteriore vantaggio al Cremlino. Se non altro, Mosca ha avuto la cinica perspicacia di identificare e toccare alcuni nervi scoperti, che, però, tali erano anche prima. Pertanto, comprendere l'effettivo coinvolgimento di Mosca e le sue modalità è una condizione imprescindibile per contrastarne efficacemente l'azione.

Se non altro, Mosca ha avuto la cinica perspicacia di identificare e toccare alcuni nervi scoperti, che, però, tali erano anche prima

Cosa cerca la Russia

Quello tra la Russia ed i suoi sostenitori non sembra propriamente un rapporto con benefici unilaterali per Mosca, ma piuttosto un do ut des politico. Nel marzo 2014, pur in assenza di delegati OSCE al referendum in Crimea, il Cremlino reclamò la legittimità internazionale del voto, stante la presenza di una folta delegazione di partiti di destra (circa un centinaio). Questi includevano parte di quelli che sono oggi noti come "amici di Putin", ossia il Front National francese, il FPÖ austriaco, il Jobbik ungherese, l'Alternative für Deutschland tedesca, la Lega Nord italiana, ed il Vlaams Belang belga. Oltre ai summenzionati, a destra mantengono ottime relazioni con Mosca anche l'Alba Dorata greca e lo UKIP di Nigel Farage, nonché il partito croato pigliatutto ed anti-sfratti Živi zid (Muro Vivente). Spesso e volentieri, anche i dirigenti di partiti mainstream di ambo le parti iniziano a sostenere la necessità di ri-avvicinarsi a Putin, come dimostrato nell'ultima campagna elettorale francese da François Fillon (repubblicano) e Jean-Luc Mélenchon (socialista radicale).

Uno degli sporadici casi accertati di finanziamento russo più o meno diretto ad uno dei suddetti ha coinvolto il partito di Marine Le Pen, cui è stato accordato un prestito di €9,4 milioni dalla First Czech-Russian Bank, ritenuta vicina al Cremlino. La Russia, tuttavia, non sembra aver bisogno di comprare i propri "amici", che adotterebbero verosimilmente una retorica russofila in ogni caso (per il momento). La moneta di scambio è piuttosto il supporto reciproco su una serie di temi. Per il Cremlino, è fondamentale che una porzione sempre maggiore dei policymakers europei (alcuni dei quali nelle rispettive coalizioni di governo, come il FPÖ) appoggi le posizioni russe sullo status legale della Crimea, considerando al contempo le sanzioni economiche dell'UE una misura innecessaria ed insensata (il che spesso rappresenta un succulento trait d'union con la retorica euroscettica). Inoltre, è più agevole per le classi dirigenti russe dimostrare, in patria, che la Russia non è affatto isolata nel mondo, come invece vorrebbe far credere l'"Occidente", e che anzi è proprio la Russia a viaggiare con il vento in poppa, a fronte delle fratture socio-politiche in UE e Stati Uniti.

Al Cremlino, dunque, la collaborazione sembra essere finalizzata all'ottenimento di lobbisti interni, in seno a quelle stesse istituzioni che vi si oppongono sul piano internazionale ed in politica estera: "divide et profice", dividi e traine vantaggio.



Cosa cercano gli "amici di Putin" (veri o presunti)

Per certi versi, risulta meno immediata la comprensione dei potenziali effetti positivi che i partiti in questione possano conseguire supportando le visioni russe. Indubbiamente, uno di questi è il consenso di una consistente fetta dell'opinione pubblica. Sembra difatti essersi creato un circolo vizioso, per cui l'effetto combinato della retorica di opposizione all'attuale ordine social-liberale, e dell'attività di propaganda di teste d'ariete mediatiche russe (quali Sputnik e Russia Today), indebolisce la fiducia nelle classi dirigenti e rinforza la popolarità del modello opposto (cioè la Russia). Ciò rende un espresso sostegno a Mosca politicamente conveniente. In sostanza, pare che lo sposare la causa russa sia dettato da una funzionalità pratica, ovverosia quella di assecondare una visione (esterna) opposta a quella del "nemico" interno; d'altronde, come recita il detto: "Il nemico del mio nemico è mio amico".

In buona sostanza, più che un matrimonio, quello tra il Cremlino ed i suoi "amici" europei pare essere una joint-venture per far fronte al "nemico comune". Quest'ultimo, a seconda delle esigenze, può assumere diverse forme: quella di Bruxelles e delle sue politiche sull'immigrazione – non a caso in tempi di enormi flussi poco controllati, in piena allerta/psicosi terrorismo –, ed i stretti vincoli di bilancio. Altre forme predilette sono altresì i singoli Governi nazionali, l'Alleanza Atlantica, et cetera.

Tuttavia, quella tra nazional-populisti e russi sembra una relazione che difficilmente potrà resistere alla prova del tempo, se non altro perché risulterebbe alquanto ossimorico che dei nazionalisti prendano ispirazione da una Nazione estera. Qualora questi ultimi si ritrovassero al governo, infatti, potrebbero diventare essi stessi bersaglio di una nuova onda populista. E, a quel punto, anche il nemico del proprio nemico potrebbe diventare nemico.


Tra principio di sovranità e tutela dei diritti um...
Psicologia inversa: la strategia di Putin contro l...

Related Posts

 

Comments (0)

There are no comments posted here yet

Leave your comments

  1. Posting comment as a guest. Sign up or login to your account.
Attachments (0 / 3)
Share Your Location

Iscriviti alla nostra Newsletter

Tag Cloud

troll Runet SCO Protocollo di Minsk Salman Sanzioni Smolensk Cripto Valley comunismo Michele I liberalismo G8 S-400 Arabia Saudita FSB Asia Centrale Krymskij most Mar Baltico Unione sovietica Nigeria Ara russofobia Proteste Difesa nazismo Flame Towers Russkij Mir 1941 Vladimir Putini Krasnodar LDPR Usa Ucraina Poroshenko esercito Germania Ilham Aliyev Eco Internazionale Partito del Progresso Golunov spie Cherchesov Gas naturale Mondiali 2018 ingerenze russe Venezuela sondaggi elettorali Kyrgyzstan Merkel Sputnik Vedemosti Soft power Demografia Kim ortodossia boicottaggio Austria internet Armi via della seta Islam Dmitrij Medvedev Nagorno-Karabakh Kirghizistan Russiagate Kazakistan monarchia Vostok18 Brest-Litovsk nucleare Diritti umani export armi Turkmenistan Ungheria HIV ISP Saakashvili Arkadij Babcenko Disarmo Boris Titov Caucaso Federazione Russa politiche energetiche Oriente terrorismo Africa G7 partiti Politica PCUS Helsinki eroina rete Cremlino Vladimir Žirinovskij elezioni Georgia Jabloko #asiacentrale Giornalismo Grigorij Javlinskij Armenia Nato Pavel Grudinin Zelenskij inchiesta TANAP Finlandia Tajikistan Kortezh Francia età dei torbidi zar politica estera Partito Comunista Theresa May San Pietroburgo Mondiali TAP Midterm Corea del Sud Turchia #economia elezioni presidenziali Patriarca Kirill scenari politici rivoluzioni colorate Azerbaigian candidati lingua società propaganda Azerbaijan Paesi Baltici Akinfeev #russia soft power Lavrov Kiev SergeJ Skripal Cronache di viaggio Stalin Montenegro Rosneft Storia estrema destra Ksenija Sobčak estremismo Aleksej Naval'nyj Mosca Minchenko Group Consulting Giovani Franco Kuznetsov gas Eltsin Asia migranti opposizioni Pashinyan Astana spesa militare Diplomazia Economia UE Business Russia nord stream bitcoin Tagikistan WCIOM Italia Passaporto cultura Reagan Corea Pietro il Grande anti-liberalismo settore estrattivo PCFR Guerra Uzbekistan Medio Oriente Chiesa ortodossa Stati Uniti green energy religione Donbass Società Macedonia Maxim Surajkin Welfare reportage Svezia Romanov spese militari Rosatom Olocausto Regime Change DNS #silkbeltroad #sanzioni INF caso Skripal SGC Lettonia Balcani Cittadinanza geopolitica diritti Assad OPK Baku Cernenko LGBT Mediterraneo Siria Trump gay Gazprom governo russo Cina Iran antiterrorismo Zurabishvili Asia centrale Sergej Baburin Moldavia Sicurezza Unione imperialismo Skripal stalinismo Unione Europea criptovalute Grande Gioco Peredača Power of Siberia Russia Vladimir Putin Transnistria Pensioni Crimea Sondaggi minoranza Ricostruzione opinione pubblica Pubblicazioni RussiaToday crisi Poltava Panslavismo rivoluzione di velluto Sobčak Naval'nyj Europa dazi americani Gennadij Zjuganov FIFA Egitto #cina Democrazia russkaja ulica Levada Nikita Chruščëv URSS WC2018 Afghanistan Prigožin Mare del Nord trattato di pace Israele Occidente Libia Chiesa Ortodossa Russa Trident Juncture 2018 gasdotto Putin K-19 proteste in Russia #obor Costituzione Russa Casa Bianca PIL Relazioni internazionali corruzione Macron tradizioni scramble for Africa opposizione politica Battaglie storiche energia Cecenia #commercio Caspio Calcio ISIS tossicodipendenza Russia Unita Spagna Riforme elezioni presidenzali Anatolij Sobčak El'cin Guerra fredda Bielorussia nazionalismo influenza Idlib Kerč’ Serbia Sorge Gorbačëv Gibilterra