Una maršrutka per l’Europa - Le elezioni presidenziali in Georgia

Una maršrutka per l’Europa - Le elezioni presidenziali in Georgia

L'ultima elezione presidenziale della storia della Georgia (che a seguito delle riforme costituzionali del 2017 passerà dalla forma di repubblica semi-presidenziale a quella parlamentare) ha attirato una notevole attenzione da parte di media e di opinione pubblica. Il nuovo Presidente dovrà infatti traghettare il Paese nel suo percorso di riforma istituzionale e di graduale avvicinamento all'Europa. A ben vedere, le differenze tra i principali candidati sono state veramente minime. La grande maggioranza di questi (ben 25, un record nella storia politica georgiana) ha promosso programmi fortemente pro-Ue e pro-Nato, tematica che ha assorbito la quasi totalità dell'interesse e del dibattito e che ha lasciato ben poco spazio a questioni interne o economiche.

La Georgia che si apprestava al voto nel primo turno, tenutosi il 28 ottobre, era particolarmente dubbiosa. Sondaggi di varia natura snocciolavano risultati spesso contraddittori, che confermavano la forte indecisione regnante nell'elettorato. L'unica certezza era data dall'appoggio quasi totale alle forze filo-europee, simbolo di una Georgia decisamente protesa verso l'Europa e di una difficile e lenta "normalizzazione" dei rapporti con la Russia. Emblematica in questo senso la risposta del Presidente in carica, Giorgi Margvelashvili (indipendente nelle file del partito di governo, Sogno Georgiano), che ha detto di votare "per la Georgia, che è ferma nelle sue decisioni, come 5, 10, 15 secoli fa, di difendere il suo suolo". Parole diplomatiche, che delineavano piuttosto chiaramente la grande incertezza e, contemporaneamente, la tendenza patriottica trasversale a tutte le forze.

Palazzo presidenziale - Tbilisi

Tra i candidati principali al primo turno figuravano:

  • Salome Zurabishvili, già Ambasciatrice francese a Tbilisi, ex-Ministro degli Esteri del primo governo Saakashvili (2004-05), coordinatrice della Commissione Onu sulle sanzioni all'Iran e fondatrice del partito "La Via Georgiana" (liberale, da cui è uscita nel 2010). Candidata come indipendente nelle file di Sogno Georgiano (SG), il partito al governo nelle ultime legislature che, nell'ultimo periodo, pareva aver registrato un netto calo dei consensi. Per rinvigorire la situazione, è dovuto nuovamente "scendere in campo" il suo fondatore, il miliardario Bidzina Ivanishvili.
  • Grigol Vashadze, candidato del Movimento Nazionale Unito (MNU), opposizione di centro-destra fondata da Mikheil Saakashvili. Anch'egli è stato Ministro degli Esteri, ma nel periodo post-conflitto con la Russia, (2008-12). Alcuni sondaggi lo davano per favorito, anche se spesso tacciato di scarso carisma ed eccessiva dipendenza dal supporto esterno dell'attuale Governatore di Odessa (Saakashvili appunto).
  • Davit Bakradze, candidato di Georgia Europea, nome eloquente dato ad una formazione nuova, nata nel 2017 da una scissione del MNU, considerato troppo "populista" e poco liberale.
Salome Zurabishvili, candidata indipendente con Sogno Georgiano - Metropolitana di Tbilisi

Data la forte spinta georgiana verso Occidente, non è un caso che i due principali contendenti abbiano una forte propensione internazionale e un background politico affermato. Tuttavia, la linea principale pro-Ue e filo-atlantista comune a tutte le principali forze politiche ha favorito l'indecisione e spesso svuotato la discussione da contenuti e ragionamenti nel merito delle proposte e dei progetti. Come riconosciuto da molti politologi georgiani, il confronto politico nell'ultima campagna elettorale (definita "valida e piuttosto competitiva") pare sia stato surclassato dalla demonizzazione reciproca tra candidati e dalla corsa allo scandalo e all'accusa, piuttosto che fondarsi sul dibattito argomentato tra posizioni, soluzioni e visioni diverse. Secondo Korneli Kakachia, direttore dell'Istituto georgiano di Politica di Tbilisi, questo fallimento della "maturità politica" è certificato dall'incapacità di attrarre più del 50% degli elettori.

L'affluenza del primo turno si è fermata infatti al 46,8%.

I risultati del 28 ottobre hanno confermato l'estremo equilibrio tra i due principali sfidanti:

  • ​Salome Zurabishvili (indip. SG) 38,6% (615.372 voti)
  • ​Grigol Vashadze (MNU) 37,7% (601.224 voti)

Ben più indietro Davit Bakradze (Georgia Europea), fermo al 10,9%. Solo altri 5 candidati hanno superato l'1% dei voti, mentre i restanti 18 si sono spartiti il 4% dei voti rimanenti. 

Grigol Vashadze, candidato del Movimento Nazionale Unito - Mtskheta
L'onnipresente numero 48 - Tbilisi

Lo scontro per il secondo turno, fissato per ieri, 28 novembre 2018, si preannunciava particolarmente serrato. In assenza di particolari diversità e netti contrasti tra i due schieramenti, a dominare la scena non sono stati tanto i candidati presidenti, quanto piuttosto i loro padrini, a sottolineare la natura "personale", piuttosto che ideale, dell'opinione o della critica espressa tramite il voto, Da un lato Mikhail Saakashvili, con i suoi continui appelli dall'Ucraina a sostegno di Vashadze, dall'altra Bidzina Ivanishvili, il cui impero economico ha foraggiato pesantemente la "presenza elettorale" negli ambienti della Capitale (dove vive un terzo dei georgiani e la situazione al primo turno si è confermata piuttosto equilibrata). Slogan, cartelli e cartelloni onnipresenti in ogni angolo, fiancata di autobus o arteria stradale della trafficatissima Tbilisi. Persino una linea telefonica, la "48" (numero nella scheda elettorale della Zurabishvili), appositamente creata per ricordare agli elettori chi votare [nel giorno delle elezioni ho ricevuto ben 3 messaggi e una chiamata sulla mia Sim georgiana per sostenere la candidata]. Devo ammettere che è stato piuttosto raro imbattersi in manifesti altrettanto vistosi dello sfidante Vashadze. Questa prorompente conquista della scena ha forse alimentato molti malumori nell'opinione pubblica e, soprattutto, nell'opposizione, che ha visto in questo consistente sforzo un'ennesima dimostrazione dell'impari forza economica di cui dispone il patron di Sogno Georgiano, inviso a molti per il suo sterminato patrimonio. La risposta del MNU è stata comunque sul piano del gossip, mirata a gettare fango scandalistico sul rivale miliardario. La protesta che ha tenuto banco per diversi giorni nelle scorse settimane era legata al matrimonio del figlio di Ivanishvili, Bera, evento che avrebbe impedito l'accesso ai fedeli nella chiesa, blindata per l'occasione. Insomma, la politica non ha fatto sentire molto la sua presenza.

Bidzina Ivanishvili, fondatore di Sogno Georgiano. In questa campagna ha particolarmente investito in termini di risorse ed immagine - Metropolitana di Tbilisi

La mattina di mercoledì 28 novembre, giorno del ballottaggio, a Tbilisi regna un'aria domenicale. Edifici ed uffici pubblici chiusi, poche persone in giro, mentre ancor meno auto e qualche maršrutka [piccoli bus gialli] percorrono viale Shota Rustaveli, solitamente affollatissimo. Le persone che ho incontrato e conosco qua nella Capitale si sono tutte recate a votare nella mattinata, ma non tutte con la stessa convinzione. Alle 20 chiudono i seggi e dopo un'ora viene proiettati i primi exit-poll, i cui risultati sono piuttosto chiari:

  • ​Salome Zurabishvili, 55/58%
  • ​Grigol Vashadze, 45/42%

Sogno Georgiano esulta immediatamente, mentre il MNU accusa il colpo, con Vashadze che dice di attendere il conteggio finale e l'eminenza grigia Saakashvili che dichiara l'illegittimità del voto e invoca subito alla protesta e alla disobbedienza civile. In Tv gli inviati dei notiziari non hanno vita facile. Pare che in alcune zone periferiche del Paese ci siano stati pesanti brogli e che la gente sia scesa in strada a protestare con veemenza. È il caso di Imiri, piccolo villaggio di maggioranza azera, dove i manifestanti interrompono continuamente il collegamento con cori, urla e risposte feroci in un georgiano piuttosto sguaiato (a detta della signora presso cui alloggio). Sembra che la polizia abbia impedito l'accesso ai seggi e portato via le schede, allo scopo di cambiare l'esito del voto. Un altro concitato collegamento dalla municipalità di Telavi (Georgia orientale) riprende persone per strada che denunciano colpi di arma da fuoco da parte dei sostenitori di Sogno Georgiano, mostrando alcuni bossoli sull'asfalto. Entrambe le situazioni restano poco chiare.

La vecchia sede del Parlamento georgiano, spostato a Kutaisi da Saakashvili nel 2012 - Tbilisi

Lo spoglio finale, terminato alle 12.06 di oggi, 29 novembre, dichiara definitivamente:

  • Salome Zurabishvili, 59.52% (1.147.627 voti)
  • Grigol Vashadze, 40.48% (780.633 voti)

L'affluenza è stata in netto aumento rispetto al primo turno, ben il 56% dei georgiani ha votato, dando prova di una buona partecipazione democratica, nonostante i numerosi nei di un sistema ancora abbastanza fragile. Salome Zurabishvili è l'ultimo Presidente eletto della Repubblica di Georgia, la prima donna.

L'uscente Margvelashvili si congratula con la vincitrice, ma non si astiene da un serio monito politico, esprimendo forte preoccupazione per "il netto calo della qualità democratica del confronto". Tra i traguardi positivi, vengono sottolineati la forte partecipazione e l'ampia copertura dell'evento da parte dei media. Anche il National Democratic Institute conviene con il Presidente: la Georgia si contraddistingue dai suoi vicini autoritari e con l'assetto democratico intraprenderà la strada per l'Europa, ma non è secondario il fatto che il confronto elettorale abbia visto numerose criticità, tra cui intimidazioni e violenze, seppur sporadiche.

A Zurabishvili l'arduo compito di traghettare la Georgia nel suo percorso di riforma istituzionale, sulla strada verso l'integrazione europea, verso la normalizzazione dei rapporti con la Russia (auspicata anche dal viceministro degli Esteri russo Karasin e dal portavoce del Cremlino, Dimitri Peškov, che riconosce sia la vicinanza tra i popoli, ma anche l'enorme distanza tra i rispettivi governi).

Tante e difficili le strade da percorrere. La Georgia e i suoi rappresentanti dovranno compiere ulteriori sforzi politici per rafforzare e difendere il sistema democratico nato dopo la Rivoluzione delle rose del 2003, in un contesto estremamente complesso come quello del Caucaso.



                                                                                                                     ​Tbilisi, 29 novembre 2018


Tutte le foto sono state fatte dall'autore dell'articolo

Armenia: dove eravamo rimasti?
Mare di Azov: guerra e campagna elettorale

Related Posts

 

Comments (0)

There are no comments posted here yet

Leave your comments

  1. Posting comment as a guest. Sign up or login to your account.
Attachments (0 / 3)
Share Your Location

Iscriviti alla nostra Newsletter

Tag Cloud

Costituzione Russa Eco Internazionale Putin Federazione Russa export armi Idlib Spagna Krasnodar SCO Mar Baltico Cronache di viaggio Power of Siberia S-400 G7 Romanov criptovalute stalinismo Lettonia minoranza Mondiali Cittadinanza Nigeria russkaja ulica TAP Asia Sobčak sondaggi elettorali SGC imperialismo Arabia Saudita green energy DNS Cherchesov RussiaToday elezioni presidenziali Passaporto Islam tossicodipendenza troll Lavrov Unione Europea Libia Olocausto Runet Patriarca Kirill Mondiali 2018 Panslavismo Nato lingua Cecenia Armi Sergej Baburin estremismo propaganda liberalismo Macron Afghanistan inchiesta esercito spese militari Peredača Akinfeev scenari politici Diritti umani Riforme Kirghizistan Ilham Aliyev Politica Kuznetsov PIL Jabloko comunismo Cremlino Occidente Diplomazia Salman Pashinyan UE Usa Azerbaigian Democrazia Trump scramble for Africa Zelenskij Gas naturale Smolensk Saakashvili Uzbekistan Pavel Grudinin Transnistria Donbass WCIOM Helsinki Economia Asia Centrale Oriente Corea elezioni Guerra fredda Pensioni Gazprom Minchenko Group Consulting nazionalismo ingerenze russe Turkmenistan gasdotto Proteste PCUS Kerč’ nazismo Tajikistan Africa Vladimir Žirinovskij Francia terrorismo caso Skripal OPK Mediterraneo Brest-Litovsk Russia Italia Battaglie storiche ISIS settore estrattivo soft power Gennadij Zjuganov zar Regime Change geopolitica Protocollo di Minsk politiche energetiche Welfare Caucaso Baku Russkij Mir Anatolij Sobčak Chiesa ortodossa proteste in Russia HIV eroina Corea del Sud Midterm Nagorno-Karabakh Partito Comunista Levada Merkel Prigožin Medio Oriente Storia Turchia Russiagate Grande Gioco Grigorij Javlinskij Kazakistan elezioni presidenzali ortodossia Dmitrij Medvedev età dei torbidi opposizioni 1941 Difesa Assad WC2018 Flame Towers Ungheria Venezuela rete K-19 Vladimir Putini candidati Tagikistan diritti energia Ucraina governo russo Franco Rosneft Georgia Finlandia russofobia Vedemosti ISP Disarmo gay Cernenko anti-liberalismo Vladimir Putin Israele Sanzioni FSB Partito del Progresso LGBT spesa militare Naval'nyj Bielorussia Theresa May Iran LDPR rivoluzioni colorate reportage nord stream Skripal El'cin Demografia Casa Bianca Germania Unione Reagan Egitto Mare del Nord boicottaggio spie Kim Azerbaijan Eltsin Astana Business Russia Mosca Caspio opposizione politica Maxim Surajkin Cina Kiev PCFR Balcani influenza trattato di pace Chiesa Ortodossa Russa FIFA rivoluzione di velluto Stati Uniti Moldavia monarchia opinione pubblica corruzione Giovani URSS Nikita Chruščëv Sicurezza SergeJ Skripal gas Poroshenko Krymskij most Poltava Boris Titov Stalin Relazioni internazionali Sondaggi Soft power Vostok18 Gibilterra Unione sovietica antiterrorismo Pietro il Grande Pubblicazioni Siria G8 via della seta San Pietroburgo Sputnik Paesi Baltici politica estera Società religione Calcio nucleare Ksenija Sobčak migranti Russia Unita TANAP Armenia Michele I Aleksej Naval'nyj INF internet Kortezh Sorge Europa dazi americani Cripto Valley estrema destra Svezia Gorbačëv bitcoin Trident Juncture 2018 Austria partiti Arkadij Babcenko Crimea Zurabishvili