Nonostante le contestazioni, la riforma delle pensioni è legge

Nonostante le contestazioni, la riforma delle pensioni è legge

Si è finalmente concluso il percorso legislativo della tanto discussa riforma del sistema pensionistico che ha messo in crisi la relazione tra Putin e molti dei suoi sostenitori. Il 3 ottobre il Presidente ha infatti ratificato la legge, poche ore dopo essere stata approvata dal Consiglio della Federazione (la camera alta del parlamento).

Ricordiamo che il 26 settembre la Duma aveva approvato gli emendamenti da apportare alla riforma.Le modifiche, che avevano il fine di ammorbidire la proposta di legge, erano state annunciate da Putin, durante il discorso del 29 agosto,e riguardavano la proposta di apportare alcuni cambiamenti al testo iniziale. Tra questi: la determinazione dell'età pensionabile a 60 anni, anziché 63, per le donne e a 65 per gli uomini; la riduzione di tre anni della contribuzione che dà diritto al prepensionamento (scesa a 42 per gli uomini e a 37 per le donne, invece che 45 e 40 come previsto all'origine).

Il portavoce Vyacheslav Volodin ha dichiarato con entusiasmo: "Abbiamo trovato un consenso su questo tema e sono stati approvati tutti gli emendamenti proposti dal Presidente". Il ministro delle finanze Anton Siluanov, inoltre, ha chiarito che il governo trasferirà 500 miliardi di rubli al fondo pensionistico statale per finanziare l'operazione.

Il governo si è mostrato determinato a portare avanti il progetto di riforma anche a scapito dei consensi. L'insoddisfazione degli elettori emerge dal sondaggio pubblicato dall'agenzia VTsIOM il 4 ottobre: solo il 45% degli elettori intervistati voterebbero per Putin, contro il 67% dei mesi precedenti alle elezioni del 18 marzo. Questo forte calo dei consensi è stato confermato anche dal centro di ricerca Levada: l'8 ottobre ha pubblicato sul suo sito un sondaggio che evidenza la crescente impopolarità dell'attuale Presidente (solo il 39% degli intervistati si dichiara ancora fiducioso verso Putin, il 20% in meno rispetto alla fine del 2017). Da questi dati emerge inoltre che mentre scende la popolarità di Putin e di Russia Unita, cresce il consenso verso le altre forze politiche come il Partito Comunista e il Partito Liberal-Democratico, un trend tra l'altro confermato dai risultati delle ultime elezioni amministrative.

Le ragioni delle polemiche vanno ricercate soprattutto nella composizione demografica russa. È noto, infatti, che i russi non godano esattamente di dati a loro favore per quanto riguarda l'aspettativa di vita. Secondo lo United Nation World Population Prospect, aggiornato al 2015, la speranza di vita in Russia si aggira intorno alla media dei 70 anni: 64 per gli uomini e 76 per le donne. Sebbene dati più recenti mostrino la tendenza all'innalzamento della media a 73 anni, è chiaro che la nuova legge va a colpire soprattutto gli uomini che vedono quasi scomparire la possibilità di avere accesso alla pensione. A questa realtà bisogna aggiungere che alcune categorie speciali come i funzionari statali hanno la possibilità di andare in pensione a 45 anni, oltre ad avere un reddito nettamente superiore rispetto agli altri cittadini, aspetti che ovviamente non fanno che alimentare il malcontento generale.

La linea politica seguita da Vladimir Putin, e dall'attuale Governo,sembrerebbe quindi determinata a sfruttare l'ultimo mandato per approvare tutte quelle riforme considerate necessarie seppur impopolari.È chiaro che la scelta di sacrificare il sostegno degli elettori getterà ancora più dubbi sulla forma che assumerà lo scenario politico russo dopo il 2023.


Il vertice di Reykjavik: un fallimento solo appare...
Tensioni religiose fra Costantinopoli e Mosca. Un ...

Related Posts

 

Comments (0)

There are no comments posted here yet

Leave your comments

  1. Posting comment as a guest. Sign up or login to your account.
Attachments (0 / 3)
Share Your Location

Iscriviti alla nostra Newsletter

Tag Cloud

Vladimir Žirinovskij caso Skripal Spagna Cremlino età dei torbidi Protocollo di Minsk #obor Caspio Tagikistan Venezuela Unione Europea opposizione politica elezioni presidenzali Romanov Vostok18 Zelenskij Corea del Sud Chiesa Ortodossa Russa Turkmenistan Stalin Poltava Lavrov Battaglie storiche Nagorno-Karabakh #cina Storia energia Ucraina Egitto Anatolij Sobčak Boris Titov gasdotto antiterrorismo Gibilterra Power of Siberia Asia Golunov Bielorussia Stati Uniti Eltsin Montenegro Flame Towers Cernenko Rosatom Francia estremismo Idlib G7 Putin Europa elezioni presidenziali Relazioni internazionali Russia Unita K-19 Diplomazia Gorbačëv Oriente Proteste stalinismo religione Cripto Valley Grande Gioco Diritti umani Riforme Difesa Sobčak imperialismo SergeJ Skripal Kuznetsov esercito OPK INF Merkel Patriarca Kirill Politica green energy Jabloko #asiacentrale anti-liberalismo Vladimir Putini S-400 #economia Islam gay Kortezh #commercio Serbia Giornalismo Medio Oriente propaganda Dmitrij Medvedev Occidente sondaggi elettorali Assad Aleksej Naval'nyj SCO influenza Reagan scramble for Africa G8 nazismo Lettonia TANAP opposizioni Giovani Macedonia #sanzioni Gennadij Zjuganov Uzbekistan criptovalute Skripal nazionalismo boicottaggio Finlandia Ara Sputnik Afghanistan Sanzioni cultura Russkij Mir LDPR Trident Juncture 2018 spie Unione sovietica reportage Mare del Nord Pubblicazioni Guerra fredda Corea Sergej Baburin spese militari tossicodipendenza bitcoin PIL Partito del Progresso soft power Disarmo Poroshenko PCFR Nato Azerbaijan terrorismo FIFA Peredača Federazione Russa WC2018 Armenia Balcani Sicurezza Ricostruzione URSS governo russo via della seta Sondaggi Zurabishvili Usa tradizioni Soft power Sorge zar Trump Costituzione Russa società Cecenia Minchenko Group Consulting Welfare Israele SGC Ilham Aliyev Pietro il Grande PCUS Gas naturale Salman scenari politici Grigorij Javlinskij opinione pubblica Democrazia WCIOM 1941 Ungheria Akinfeev Rosneft Panslavismo Kim estrema destra liberalismo Libia Levada El'cin Gazprom Brest-Litovsk Eco Internazionale Midterm Nigeria Ksenija Sobčak politica estera Smolensk Passaporto migranti Azerbaigian Helsinki Unione Regime Change partiti RussiaToday Kazakistan Macron Casa Bianca monarchia internet crisi Italia rivoluzione di velluto candidati russkaja ulica Theresa May Arkadij Babcenko Mondiali Georgia Partito Comunista Kerč’ Cittadinanza ISP TAP politiche energetiche Transnistria settore estrattivo rete #russia Svezia Cronache di viaggio Naval'nyj Calcio lingua Saakashvili Arabia Saudita Franco Michele I ISIS Caucaso Iran Mosca Asia centrale proteste in Russia Vedemosti Società Donbass Krasnodar Cina Pensioni ortodossia Runet #silkbeltroad dazi americani Demografia nord stream Siria HIV UE Maxim Surajkin Baku rivoluzioni colorate Astana Germania Prigožin inchiesta diritti Olocausto Crimea trattato di pace Pavel Grudinin FSB Tajikistan comunismo Krymskij most Chiesa ortodossa Asia Centrale San Pietroburgo gas export armi corruzione Kirghizistan nucleare Turchia Moldavia Nikita Chruščëv spesa militare Paesi Baltici Mar Baltico Armi Russia Kyrgyzstan Russiagate Africa Vladimir Putin DNS Austria Mondiali 2018 ingerenze russe elezioni Cherchesov eroina Kiev troll Guerra minoranza Business Russia Pashinyan geopolitica LGBT russofobia Economia Mediterraneo