Il comunismo dopo il comunismo: nella galassia della sinistra radicale russa

Il comunismo dopo il comunismo: nella galassia della sinistra radicale russa

Se non proprio un terremoto, è stato uno scossone. Il riferimento è alla fresca tornata elettorale del 9 settembre, che ha chiamato al voto i cittadini per il rinnovo degli enti locali in 80 distretti su 85. Russia unita, il partito fedele a Putin, soffre quasi ovunque con l'unica notevole eccezione di Mosca. A farne vantaggio è in una certa misura il Partito liberal-democratico di Russia (in verità né liberale né democratico, bensì ultra-nazionalista), ma chi ha davvero giocato la parte del leone è stato il Partito comunista della Federazione Russa. Merito della capacità di intestarsi le proteste contro la poco apprezzata riforma pensionistica preparata dal governo, nonostante i media occidentali diano un risalto alquanto sproporzionato alle pur rilevanti contestazioni guidate da Aleksej Naval'nyj.

Una boccata d'ossigeno per il partito guidato dall'inossidabile Gennadij Zjuganov, alla guida dal 1993. Fu proprio allora, a due anni dal crollo dell'Urss, che vari gruppi anti-capitalisti (perlopiù marxisti-leninisti, ma anche eterodossi) decisero di fermare la diaspora rossa: nacque così il più importante partito della sinistra russa, auto-nominatosi successore del defunto Partito comunista della Repubblica Socialista Federativa Sovietica Russa. Per di più Zjuganov tracciò subito una linea scettica verso l'intero periodo di Gorbačëv, guadagnando popolarità man mano che la transizione al capitalismo mieteva conseguenze drammatiche sul piano economico e politico. Non a caso, le elezioni presidenziali del 1996 riservarono al leder comunista un risultato sorprendente: al primo turno non riuscì a sorpassare l'uscente El'cin per un soffio (35,8% contro 32,5%), qualificandosi per un ballottaggio che aveva tutto il sapore di un referendum tra due modelli di società opposti. Zjuganov perse, ma ottenendo comunque un dignitoso 40,7%.

Da allora il potere è passato senza soluzione di continuità da El'cin a Putin, che lo mantiene tuttora salvo un breve palleggio con Medvedev nel 2008-'12. Nel frattempo il sostegno elettorale del Partito comunista ha seguito una tendenza discendente, stabilizzandosi al di sotto del 20%. Le presidenziali di quest'anno sono state le prime senza Zjuganov, che comunque ha rivestito il ruolo di eminenza grigia nell'apparato di supporto al candidato ufficiale, l'imprenditore sociale Pavel Grudinin. Nonostante sia stato un risultato più roseo di quello pronosticato dai sondaggi, l'11,8% ottenuto è comunque la percentuale più bassa di sempre per i comunisti. Per questo motivo le contestazioni delle ultime settimane hanno risollevato il loro morale, sebbene i motivi della crisi rimangano vivi e cocenti: l'identità della sinistra e la sua frammentazione. A dire il vero questa affermazione potrebbe essere valida in molti altri contesti (quello italiano, per esempio), tuttavia a quasi trent'anni dalla sconfitta nella guerra fredda, in Russia certe problematiche sono giunte al parossismo.

L'identità, dicevamo. Zjuganov è stato abile a mescolare tra loro la classica dottrina marxista-leninista e il nazionalismo russo. L'obiettivo della rivoluzione armata è stato in realtà rimpiazzato da una transizione graduale al socialismo: prima lo smantellamento delle riforme avvenute dal 1991 ad oggi, quindi la progressiva estinzione dei rapporti di lavoro capitalistici a partire dalla grande impresa per finire con la piccola proprietà, che verrebbe tollerata più a lungo. Sebbene il modello economico di riferimento sia stato per molto tempo la pianificazione sovietica, negli ultimi anni il partito ha rivolto un'attenzione crescente al socialismo di mercato in stile cinese. Forse proprio in questo solco si inscrive la scelta di candidare un uomo d'affari come Grudinin.

Non tutti però condividono tale posizione. Specie negli ultimi anni, vi è stato un continuo fiorire di sigle dalle tendenze più varie: comunisti, anarchici, antifascisti. Questi si sono raccolti attorno a organizzazioni politiche, ma non solo. Recentemente il magazine radical statunitense Jacobin ha gettato luce su un mondo brulicante di vita, composto anche da centri studi, blog d'informazione e community virtuali su Facebook, Vkontakte o Telegram. Sono perlopiù rappresentativi degli intellettuali e delle frange più giovani della sinistra, che non hanno un passato sovietico da rimpiangere. Una parte di loro è ben poco sensibile al nazionalismo, né a quello di Putin né tantomeno alla sua versione rossa propugnata dal Partito comunista. E tra questi gruppi serpeggia il sospetto che la tolleranza del governo verso quest'ultimo sia dovuta al fatto che Zjuganov capeggi un'opposizione-fantoccio, non realmente intenzionata a scardinare il sistema di potere post-sovietico nonostante i roboanti proclami e l'iconografia rétro, capace di impressionare una fascia di popolazione che diventa sempre più anziana.

La partita interna alla sinistra non si gioca principalmente sul terreno elettorale. L'unica altra formazione con la falce e il martello alle ultime presidenziali era Comunisti di Russia, guidata da Maxim Surajkin: il suo programma stalinista e la sua retorica aggressiva contro il presunto tradimento di Zjuganov e Grudinin ai valori del socialismo non sono stati convincenti e hanno fruttato appena lo 0,7%.

Tuttavia le cose cambiano quando si analizzano più attentamente le dinamiche territoriali. In molte regioni della Russia le organizzazioni della sinistra sono presenti come parti in causa nelle battaglie locali. Il Centro per la riforma economica e politica, una delle organizzazioni incluse nella rassegna di Jacobin, ha dichiarato che c'è una tendenza all'aumento della mobilitazione nel Paese. Tra gennaio e settembre 2017 sono stati organizzati 1.100 eventi di protesta, tre quarti dei quali avevano come oggetto questioni salariali, chiusura di impianti industriali, licenziamenti e inquinamento. Tutte tematiche in cui tali piccoli gruppi si spendono con grande impegno, sebbene il ristretto numero dei militanti e l'esiguità delle risorse non aiutino affatto.

La repressione governativa poi fa il resto: due di queste organizzazioni politiche, il Fronte di sinistra e il Fronte rosso, hanno unito gli sforzi e ripetutamente provato a essere riconosciute legalmente come partito. Sei tentativi tutti andati a vuoto per intoppi burocratici di ogni tipo, incluso il rifiuto dell'imposta di registrazione perché era stata pagata una cifra più alta di quella richiesta (!). A gennaio è stato disposto lo scioglimento del Sindacato interregionale dei lavoratori, la più promettente associazione indipendente di rappresentanza della forza-lavoro, con l'accusa di aver incassato fondi stranieri (ordine poi ritirato). D'altro canto il principale sindacato "istituzionale", la Federazione dei sindacati indipendenti di Russia, vive di alterne fortune. Negli anni Novanta riuscì a passare indenne la transizione, nonostante i rapporti sempre peggiori con El'cin. Nel 1998-'99 provò a costituire una coalizione di centro-sinistra incardinata su soggetti come l'ex Primo ministro Evgenij Primakov e l'allora sindaco di Mosca Yurii Luzhkov, entrambi appartenenti a Patria, partito centrista che si sarebbe ben presto dissolto dentro Russia unita: nulla di particolarmente radicale, insomma, se aggiungiamo poi che anche durante gli anni di Putin il sindacato ha sofferto di una considerazione non altissima da parte del governo.

​Insomma, sembra che effettivamente a sinistra vi sia un perimetro che separa l'opposizione tollerata da quella posta sotto il mirino della repressione. Quale sia il fattore discriminante è difficile dirlo: sicuramente il sostanziale appoggio alla politica estera di Putin è una variabile importante, oltre alle dimensioni di massa su cui può contare il Partito comunista della Federazione Russa e probabilmente ad una certa disinvoltura con cui quest'ultimo ha imparato a muoversi quando ha a che fare con la macchina statale. D'altro canto l'ala più "movimentista" della sinistra avrà ben poche chance di far sentire la propria voce, almeno fin quando dovrà scontrarsi con gli apparati di Stato per ottenere anche i più banali riconoscimenti. C'è tuttavia un soluzione che potrebbe tornare utile sia al partito di Zjuganov che alla galassia anti-capitalista: che quest'ultima si infiltri all'interno del primo, rinnovandone fortemente la struttura, la strategia e probabilmente anche alcune tendenze ideologiche troppo ingessate. Le masse popolari sono potenzialmente disposte ad accogliere una tale innovazione: un sondaggio del 2014 condotto dal Levada Centre rilevava che il 40% dei russi si riconosce nei principi del socialismo, il 20% nel comunismo. Ma anno dopo anno l'eco dei fasti sovietici si indebolisce sempre di più e per rinfocolare una tale influenza culturale è più che mai necessario qualcosa di nuovo.

​Autore: Samuel Boscarello

Escalation e ritorno, Mosca e Tel Aviv sulle monta...
Dal Mediterraneo la Russia lancia segnali ai rival...

Related Posts

 

Comments (0)

There are no comments posted here yet

Leave your comments

  1. Posting comment as a guest. Sign up or login to your account.
Attachments (0 / 3)
Share Your Location

Iscriviti alla nostra Newsletter

Tag Cloud

crisi Spagna Kim Zurabishvili bitcoin Mar Baltico scramble for Africa imperialismo LIbano Chiesa Ortodossa Russa Democrazia estrema destra Israele nord stream Baku russkaja ulica Passaporto Zelenskij terrorismo cooperazione Grande Gioco Rocchelli politica estera corruzione Theresa May Mondiali 2018 tossicodipendenza proteste in Russia Papa Francesco Poltava società #sanzioni Ucraina LGBT Vedemosti ortodossia Olocausto Diritti umani anti-liberalismo Armi Turkmenistan Austria Russiagate El'cin Cina Gibilterra FIFA Sobčak Mare Corea Serbia migranti Storia dazi americani Oriente Nigeria climate change Corea del Sud elezioni presidenzali russofobia zar #economia Cripto Valley Cecenia Anatolij Sobčak Soft power Sanzioni Crimea Stati Uniti Uzbekistan Donbass Vaticano Nato Gas naturale nucleare 1941 FSB lago Bajkal opposizioni candidati spesa militare Mare del Nord RussiaToday Afghanistan Azerbaijan DNS Brest-Litovsk reportage Sorge Kortezh Artico Kirghizistan Società Salman Prigožin Cernenko Kiev tradizioni Russia Partito del Progresso Ossezia del Sud Cherchesov Ambiente Partito Comunista nazionalismo antiterrorismo Russia Unita Poroshenko partiti G8 Arabia Saudita Università OPK estremismo Peredača eroina Italia lingua Pubblicazioni Krasnodar Romanov UE Baltico Usa Giornalismo Iran Ungheria Calcio Kuznetsov Georgia Saakashvili URSS Montenegro Reagan religione Difesa Aleksej Naval'nyj Caucaso #cina Idlib Welfare Economia PCFR Skripal #commercio Grigorij Javlinskij Assad Cremlino Vladimir Putini Lavrov Cittadinanza internet Egitto Abcasia esercito Africa Macedonia Michele I Boris Titov inquinamento Power of Siberia Asia centrale Business Russia minoranza Tagikistan Demografia Lituania opposizione politica Runet rete San Pietroburgo Akinfeev Naval'nyj Europa gay liberalismo via della seta TAP spie Occidente Unione Markiv muro di Berlino Diplomazia Rosneft Astana Pietro il Grande Russkij Mir incendio Trident Juncture 2018 Finlandia Parigi Armenia PCUS Unione sovietica green energy Beirut Midterm Nagorno-Karabakh Ksenija Sobčak Politica Kazakistan Giappone Lettonia Pashinyan stalinismo Helsinki elezioni cultura Gazprom Mediterraneo Macron migrazioni Clima nazismo Aral Patriarca Kirill Ricostruzione Curili Sicurezza Medio Oriente Relazioni internazionali settore estrattivo SGC Asia Centrale Siria Guerra Cronache di viaggio Caspio Smolensk Casa Bianca ISP gasdotto monarchia S-400 WC2018 Sergej Baburin K-19 Proteste Battaglie storiche Protocollo di Minsk Moldavia Vladimir Žirinovskij Roma scenari politici Ecologia TANAP Maxim Surajkin Asia Guerra fredda rivoluzioni colorate Panslavismo spese militari comunismo Kerč’ trattato di pace Flame Towers Pensioni #obor troll Siberia SCO Eltsin Opposizione diritti Disarmo Ara Giovani Tajikistan Cipro rivoluzione di velluto Ilham Aliyev Federazione Russa Libia Vladimir Putin incidente Balcani Conte Svezia propaganda Trump 1989 ISIS G7 Bielorussia Stalin energia #russia Arkadij Babcenko opinione pubblica SergeJ Skripal Levada HIV Pavel Grudinin Politica estera Gennadij Zjuganov Riforme Franco geopolitica inchiesta WCIOM influenza Nikita Chruščëv politiche energetiche PIL LDPR Dmitrij Medvedev caso Skripal Sputnik Rosatom boicottaggio Turchia Marina Unione Europea Islam Transnistria gas Krymskij most Paesi Baltici Gorbačëv INF Mondiali Putin ingerenze russe Vostok18 Eco Internazionale età dei torbidi Mosca Venezuela sondaggi elettorali Germania export armi criptovalute Chiesa ortodossa Merkel Jabloko Estonia autocefalia Francia soft power governo russo elezioni presidenziali Regime Change #asiacentrale Minchenko Group Consulting Kyrgyzstan Golunov #silkbeltroad Azerbaigian Costituzione Russa Sondaggi