Il fronte caldo delle pensioni

Il fronte caldo delle pensioni

L'estate russa è stata particolarmente calda dal punto di vista politico. Il presidente Vladimir Putin ha dovuto fare i conti con le numerose proteste che hanno popolato le strade russe dopo aver annunciato, a giugno, l'intenzione di apportare delle modifiche al sistema pensionistico russo.

Il progetto di riforma deve ancora superare l'iter legislativo, ma il 19 luglio ha ottenuto l'approvazione preliminare della Duma di Stato durante la prima lettura*. Attualmente la Duma sta discutendo gli eventuali emendamenti da apportare e trasmetterà entro il 24 settembre il progetto di legge al Consiglio della Federazione per la seconda e la terza lettura.

La riforma delle pensioni, presentata a giugno, prevedeva l'aumento dell'età pensionabile dai 55 ai 63 anni per le donne e dai 60 ai 65 per gli uomini. Tuttavia, date le numerose proteste delle ultime settimane, il 28 agosto Putin ha cercato di alleviare la tensione dichiarando, in un'intervista sulla TV nazionale, l'intenzione di modificare il testo con l'abbassamento dell'età pensionabile delle donne a 60 anni (anziché quindi ai 63 previsti originariamente). Inoltre, il presidente ha chiarito che per le donne è previsto il diritto al prepensionamento rapportato al numero dei figli.Una donna con tre figli, ad esempio, potrà andare in pensione tre anni prima dell'età prevista, mentre le donne con cinque o più figli potranno continuare ad andare in pensione a 50 anni. I cittadini nei prossimi due anni potranno usufruire del diritto di richiedere una pensione sei mesi prima della nuova età pensionabile. Per quanto riguarda invece coloro che si trovano in età da prepensionamento, il governo sta già lavorando a un programma speciale di sviluppo che sarà finanziato con il bilancio federale.

Durante il suo discorso Putin ha ricordato che il tema del sistema pensionistico preme già dal periodo sovietico e che è arrivato il momento di affrontare la questione senza ulteriori tentativi di rinvio, in quanto l'aumento dell'aspettativa di vita, unita all'abbassamento del numero dei dipendenti e alla crescita del numero dei pensionati, comporta la necessità di dare delle risposte a un sistema sempre più sovraccarico.

Vladimir Putin ha chiaramente espresso le sue preoccupazioni riguardo al futuro della Russia, sostenendo che nel 2020 si dovranno affrontare le conseguenze della crisi demografica degli anni Novanta e che è arrivato il momento di portare avanti lo sviluppo economico, superare la povertà e migliorare le condizioni di vita delle vecchie e delle nuove generazioni.

"E ora questa piccolissima generazione nata negli anni Novanta, che sta entrando nell'età lavorativa, subirà un carico enorme dal sistema pensionistico, perché è costruito principalmente su un principio di solidarietà"

Vladimir Putin

Nonostante il tentativo del presidente di parlare alla Nazione, domenica 2 settembre migliaia di persone sono scese nelle piazze e nelle strade russe per protestare contro la riforma portata avanti dal governo. Le proteste, organizzate soprattutto dal Partito Comunista, si sono concentrate in buona parte nel centro di Mosca, ma si sono sviluppate anche in diverse altre città russe, tra cui Barnaul, Simferopol, Vladivostok e Novosibirsk. Manifestazioni replicate una settimana dopo, il 9 settembre, in occasione del voto per sindaci e governatori: la polizia ha fermato tra le 800 e le 1000 persone.

Secondo un sondaggio condotto dal centro di ricerca Levada in 136 centri urbani di 52 regioni (su un campione di 2000 persone di diversa età), il 53% dei russi sarebbe contrario alla riforma. Sul sito dell'istituto è possibile consultare anche i dati sulla popolarità di Putin che indicano un calo del 6% rispetto ai mesi scorsi (dal 76% di febbraio al 70% di agosto). Tale perdita di consensi era già stata evidenziata dal centro Vtsiom a giugno, ovvero nel mese in cui è stata presentata la riforma.

Questi dati indicano una tendenza da non trascurare, soprattutto se affiancata al risultato elettorale schiacciante che Vladimir Putin aveva ottenuto durante le elezioni del 18 marzo e che l'aveva incoronato, ancora una volta, padrone assoluto della Russia. È vero che nel corso della sua leadership la fama di Putin ha subito diverse fluttuazioni (ricordiamo che un calo simile si era registrato anche nel 2013), ma non si può ignorare che in questa fase storica potrebbe rappresentare un punto di partenza per i nuovi scenari politici che per forza maggiore dovranno aprirsi alla fine di questo mandato. Le numerose manifestazioni, infatti, se da un lato hanno evidenziato l'elevata partecipazione politica dei russi, dall'altro hanno fatto emergere l'assenza in campo delle altre forze politiche, ad esclusione del Partito Comunista e di poche altre formazioni (Russia Giusta e sindacati). Se i leader dei partiti antagonisti saranno in grado di organizzare le proteste, potrebbe aprirsi forse un'opportunità per costituire una vera e propria opposizione, vuoto politico di cui la Russia di Putin ha sempre sofferto.


* Ricordiamo che secondo il sistema russo la proposta di legge, dopo aver ottenuto la maggioranza dei voti del numero complessivo dei membri della Duma, dovrà essere sottoposta all'esame del Consiglio della Federazione. La legge potrà considerarsi approvata dal Consiglio in due casi: se voteranno a favore più della metà del numero dei suoi membri, o se entro quattordici giorni non verrà presa in esame. In caso, invece, di disaccordo tra le due Camere la riforma potrà essere approvata solo se durante la seconda votazione si esprimeranno a favore almeno i due terzi del numero complessivo dei deputati della Duma di Stato.


Dal Mediterraneo la Russia lancia segnali ai rival...
Vostok-18, “la più grande esercitazione militare d...

Related Posts

 

Comments (0)

There are no comments posted here yet

Leave your comments

  1. Posting comment as a guest. Sign up or login to your account.
Attachments (0 / 3)
Share Your Location

Iscriviti alla nostra Newsletter

Tag Cloud

#sanzioni Kim Battaglie storiche Asia Pavel Grudinin Nikita Chruščëv G7 G8 Italia Flame Towers PCFR Proteste Ksenija Sobčak Occidente Sorge export armi Georgia opposizioni nucleare estrema destra Soft power Baku Zurabishvili #economia Relazioni internazionali Ricostruzione inchiesta Kuznetsov UE Levada crisi Stati Uniti Costituzione Russa partiti Macron Jabloko Svezia Partito Comunista Usa Power of Siberia LGBT Donbass Brest-Litovsk Storia Cernenko Austria Iran opinione pubblica Moldavia Francia stalinismo tradizioni Regime Change Tajikistan Guerra fredda antiterrorismo Naval'nyj Kazakistan Kyrgyzstan comunismo gasdotto Mar Baltico Oriente Kiev scenari politici trattato di pace rivoluzione di velluto Trump Vladimir Žirinovskij Crimea candidati Unione Europea Putin INF URSS rete ingerenze russe Cripto Valley Ungheria Vladimir Putin #commercio spesa militare Asia Centrale Uzbekistan Cina troll Ara proteste in Russia Caucaso Balcani Skripal società Krymskij most terrorismo Mediterraneo Franco Dmitrij Medvedev Serbia Astana Idlib gay Sobčak Minchenko Group Consulting Paesi Baltici Kerč’ Prigožin Aleksej Naval'nyj Bielorussia Siria El'cin Gas naturale PIL Arkadij Babcenko Vostok18 Israele Sicurezza dazi americani Federazione Russa Poltava Krasnodar Caspio TANAP Kirghizistan russofobia Patriarca Kirill Protocollo di Minsk Partito del Progresso propaganda Cecenia ortodossia Medio Oriente Michele I esercito WC2018 Pashinyan Kortezh Unione sovietica Turchia LDPR Smolensk Reagan Mare del Nord SCO Gorbačëv bitcoin Spagna Stalin Business Russia spese militari Politica K-19 Diritti umani Pensioni boicottaggio Helsinki Guerra sondaggi elettorali #obor Grigorij Javlinskij Runet #asiacentrale elezioni presidenziali Democrazia Russia Akinfeev Cremlino DNS FIFA Riforme Rosatom Nagorno-Karabakh Merkel Cherchesov Saakashvili via della seta Zelenskij Russiagate Egitto nord stream governo russo Sondaggi Vedemosti Pietro il Grande Azerbaijan Mondiali #cina Cittadinanza Armi Lavrov #russia Trident Juncture 2018 Giornalismo eroina Transnistria imperialismo russkaja ulica Arabia Saudita HIV Poroshenko religione scramble for Africa Montenegro S-400 Islam opposizione politica RussiaToday SGC Diplomazia Ucraina Corea del Sud elezioni presidenzali cultura Chiesa ortodossa Turkmenistan Welfare Theresa May liberalismo Macedonia Germania OPK Gazprom internet Anatolij Sobčak elezioni estremismo Panslavismo Gibilterra Rosneft Libia Midterm Gennadij Zjuganov Assad green energy Eco Internazionale Disarmo Corea Unione zar Sergej Baburin soft power PCUS Economia Salman ISIS corruzione Grande Gioco Golunov migranti Peredača Venezuela Afghanistan Olocausto Finlandia Eltsin Europa WCIOM nazismo lingua 1941 età dei torbidi influenza Sputnik Nato politica estera Pubblicazioni anti-liberalismo Sanzioni gas Cronache di viaggio #silkbeltroad Azerbaigian settore estrattivo San Pietroburgo Africa Passaporto Nigeria Demografia minoranza monarchia Russkij Mir Mondiali 2018 spie energia diritti Ilham Aliyev tossicodipendenza Asia centrale rivoluzioni colorate Romanov geopolitica Casa Bianca Russia Unita criptovalute TAP FSB Giovani Boris Titov SergeJ Skripal Lettonia Tagikistan nazionalismo Calcio Società ISP Mosca Difesa Vladimir Putini Armenia politiche energetiche reportage Maxim Surajkin Chiesa Ortodossa Russa caso Skripal