Vostok-18, “la più grande esercitazione militare della storia della Federazione Russa”

Vostok-18, “la più grande esercitazione militare della storia della Federazione Russa”

"La più grande esercitazione militare in Russia dal 1981". Il Ministro della Difesa Sergej Šojgu ha così definito Vostok-18, l'insieme di manovre militari previste dall'11 al 17 settembre, a cui prendono parte alcune truppe dell'Esercito Popolare di Liberazione cinese e della Mongolia. Parole così enfatiche e cariche di ostentazione sembrano descrivere uno scenario d'altri tempi, riportandoci al settembre 1981, quando si tenne l'ultima imponente dimostrazione di forza militare del gigante sovietico.

Zapad-81, citata da Šojgu, fu l'esercitazione organizzata dall'Armata Rossa e dagli eserciti del Patto di Varsavia che, simulando scenari di guerra dalle Repubbliche baltiche all'Ucraina, vollero dare sfoggio del proprio potenziale agli occhi dell'Occidente e della NATO. Oggi il contesto globale è cambiato, ma la notizia resta ugualmente impressionante. Numerose agenzie e media occidentali riportano l'evento con una certa apprensione, focalizzandosi proprio sulle dimensioni e sui numeri notevoli di queste manovre. Ad esempio, CBS e Business Insider sottolineano la portata di questi war-games, rievocando esplicitamente la tensione della Guerra Fredda.

Zapad-81. Immagine di repertorio

Il complesso progetto di esercitazioni militari Vostok-18, data la mole di uomini e reparti coinvolti, è stato programmato con notevole anticipo ed annunciato alle principali organizzazioni internazionali già nella scorsa primavera [Summit NATO-Russia, maggio 2018]. Come previsto dal Documento di Vienna 2011, tutti i membri dell'OSCE sono tenuti a notificare tempestivamente e a consentire visite ed osservazioni per attività che coinvolgano numeri particolarmente elevati di uomini e mezzi [art. 47, comma 4 - Documento sulle misure miranti a rafforzare la fiducia e la sicurezza].

Il 6 settembre si è quindi tenuto a Mosca il Briefing sulla preparazione e sulla conduzione delle operazioni, per esporre agli osservatori accreditati e ai rappresentanti NATO le varie fasi e i dati riguardanti queste manovre. Vediamo nel dettaglio i perché di tali preoccupazioni.

Come illustrato dal Capo di Stato Maggiore, Generale Valerij Gerasimov, Vostok-18 (Oriente-18) si svolge interamente nei territori del Distretto militare Orientale [corrispondente alle regioni del Lago Bajkal, a gran parte della Siberia e alla penisola di Kamčatka]. Vengono utilizzati cinque campi di addestramento, quattro poligoni delle Forze di difesa aerea e la Marina, che opera nelle acque del Mare di Ochotsk, del Mare di Bering, nel golfo dell'Avača e di Kronotskij. 

I Distretti militari della Federazione Russa dopo la riforma del 2014. In arancione, il Distretto militare Orientale, sede di Vostok-18. Fonte: Wikipedia.ru

Il numero delle unità impiegate è il dato più rilevante: circa 297.000 soldati; un migliaio di aerei, elicotteri e droni; fino a 36.000 tra carri armati, mezzi corazzati e di trasporto truppe; quasi 80 navi e imbarcazioni di supporto. A queste si aggiungano 3.500 unità del contingente cinese e mongolo, stanziati nel centro di addestramento di Cugol (Territorio della Transbajkalia).

Secondo il programma, durante i primi due giorni il personale deve completare la pianificazione, l'addestramento per le operazioni di combattimento e l'organizzazione dei supporti. Nel periodo restante, è prevista la simulazione di massicci attacchi aerei e di azioni difensive, offensive, di incursione ed elusive. Proprio a Cugol è prevista la manovra congiunta, quella più imponente: le forze armate russe [25.000 militari con equipaggiamenti militari speciali e circa 250 velivoli] cinesi e mongole devono fronteggiare due armate del Distretto militare Centrale. In mare sono previste missioni per respingere gli attacchi di altre flotte e mezzi anfibi. L'aviazione prende parte al supporto dell'offensiva delle forze di terra, alla difesa delle coste e all'assalto con razzi ed armi ad alto potenziale.

"L'obiettivo principale di Vostok-18 è quello di verificare il reale livello di preparazione delle unità, che può essere valutato solamente tramite esercizi su scala appropriata. Tali manovre, condotte su base bilaterale, sono la più alta forma di verifica delle abilità di combattimento, dell'addestramento delle truppe terrestri, aeree e navali e delle forze dei distretti militari." 

Generale Valerij Gerasimov, Mosca, 6 settembre 2018

Lo Stato Maggiore dell'Esercito russo è consapevole dei timori suscitati con queste operazioni e le dichiarazioni altisonanti rilasciate dal Ministro Šojgu sembrano voler cavalcare l'onda delle preoccupazioni estere. Il Viceministro della Difesa, Aleksandr Fomin, ritiene le paure occidentali totalmente incomprensibili, sia perché le operazioni si svolgono a migliaia di kilometri dai confini europei, sia perché le teorie di tattiche aggressive anti-NATO sarebbero pure speculazioni. A questo proposito, non manca di lanciare una frecciatina ai colleghi atlantisti presenti in sala: "Durante le esercitazioni, le truppe russe non usano mai le uniformi e le armi NATO per identificare il nemico, a differenza dell'Alleanza Atlantica, che dota l'imitazione dell'avversario di uniformi ed armi russe".

D'altro canto, un dispiegamento di uomini e mezzi così rilevante non può certamente passare inosservato. Tale mobilitazione sembra nascere dalle preoccupazioni russe per "la scarsa prontezza e preparazione dimostrate dalle sue forze armate nelle simulazioni e nei controlli a sorpresa del 2013", come ha affermato Gerasimov, adducendo il declino militare russo alla crisi del primo decennio post-sovietico. Secondo il Generale, il piano di ispezioni, modernizzazioni [rinnovamento del 60% delle attrezzature militari] e manovre dell'ultimo quinquennio giunge a coronamento con Vostok-18, banco di prova finale per l'Esercito russo e per la sua ritrovata efficienza. Sul piano internazionale, bisogna prendere atto dell'importante, seppur limitata, partecipazione cinese. I due eserciti svolgono queste operazioni congiunte per la prima volta in suolo russo, dopo quelle già avvenute nel Mar Cinese meridionale, nel Baltico e nel Mediterraneo, (quest'ultima nell'ambito dello smantellamento dell'arsenale chimico siriano nel 2014), contribuendo così a rafforzare la partnership tra Mosca e Pechino.

Priorità interne e vetrina per il mondo; anche stavolta sembra che la Russia riesca pragmaticamente a collimare interessi posti su livelli diversi, mostrando i traguardi tecnologico-militari (a fronte della prevista riduzione di budget e delle necessarie riforme economiche) e quelli politico-diplomatici (opposizione sino-russa al "monopolio statunitense"). Una mossa strategica, forse necessaria, per mettere in secondo piano i malumori e le proteste dovute alla tanto discussa riforma delle pensioni e alle recenti elezioni amministrative.

"Durante le manovre pianificate Vostok-18 è necessario affrontare le
questioni di protezione degli interessi nazionali in Estremo Oriente"

Ministro della Difesa Sergej Šojgu
Il fronte caldo delle pensioni
Dagli Zar a Putin, elementi di continuità nella po...
 

Comments (0)

There are no comments posted here yet

Leave your comments

  1. Posting comment as a guest. Sign up or login to your account.
Attachments (0 / 3)
Share Your Location

Iscriviti alla nostra Newsletter

Tag Cloud

Cremlino liberalismo propaganda Storia inchiesta minoranza Astana Protocollo di Minsk LDPR Trident Juncture 2018 Sputnik sondaggi elettorali Grande Gioco Nigeria reportage Nato rivoluzioni colorate Mare del Nord ISP Unione Kazakistan Idlib Panslavismo anti-liberalismo Boris Titov Economia imperialismo Putin Casa Bianca Sergej Baburin Maxim Surajkin opposizione politica WCIOM Uzbekistan Jabloko Usa gas Krasnodar Sondaggi politica estera Giovani religione Helsinki Pashinyan nucleare Vostok18 Gorbačëv Russiagate Nikita Chruščëv Akinfeev G7 FSB spie Zurabishvili Poltava proteste in Russia Armi Germania spese militari Bielorussia Olocausto dazi americani trattato di pace URSS Turkmenistan UE Battaglie storiche TAP eroina Armenia Austria Israele rivoluzione di velluto Regime Change 1941 INF Business Russia Russia Unita ISIS Merkel Assad PCUS elezioni presidenzali Michele I migranti Siria El'cin Mosca SGC Cronache di viaggio via della seta bitcoin russofobia Donbass Peredača DNS boicottaggio Skripal energia Spagna estrema destra Sorge WC2018 FIFA Macron governo russo Rosneft criptovalute terrorismo Turchia Vladimir Žirinovskij Azerbaigian Proteste Egitto Asia Centrale Reagan Partito Comunista Guerra fredda Runet antiterrorismo Grigorij Javlinskij Pavel Grudinin elezioni presidenziali stalinismo Russia Asia Chiesa Ortodossa Russa Kuznetsov SCO Cernenko Diplomazia nord stream Ucraina Costituzione Russa Prigožin monarchia Afghanistan Vladimir Putin politiche energetiche opposizioni Krymskij most Caspio Vladimir Putini Ksenija Sobčak nazismo Georgia estremismo Paesi Baltici caso Skripal Stati Uniti Unione Europea Nagorno-Karabakh spesa militare scenari politici Naval'nyj Unione sovietica Anatolij Sobčak lingua Mondiali PCFR HIV rete Salman OPK Medio Oriente Trump Cripto Valley Kortezh Pensioni Iran Smolensk esercito Cina Theresa May Europa Moldavia Transnistria internet RussiaToday Aleksej Naval'nyj Kirghizistan Stalin Vedemosti Società Minchenko Group Consulting Partito del Progresso Arabia Saudita comunismo Difesa Patriarca Kirill Kiev Disarmo elezioni gasdotto tossicodipendenza opinione pubblica influenza Svezia Oriente Libia export armi Federazione Russa età dei torbidi corruzione Corea del Sud Sanzioni Finlandia Caucaso Sobčak Franco Venezuela Gibilterra Brest-Litovsk Kerč’ zar Lettonia Mondiali 2018 Chiesa ortodossa Cherchesov troll Balcani G8 Dmitrij Medvedev Levada Tajikistan ingerenze russe Soft power Gennadij Zjuganov Midterm soft power Romanov Gazprom TANAP Cecenia SergeJ Skripal Sicurezza Lavrov Azerbaijan nazionalismo geopolitica Eltsin Saakashvili Riforme PIL San Pietroburgo Diritti umani Italia Welfare Arkadij Babcenko Eco Internazionale green energy Mediterraneo Demografia Gas naturale candidati ortodossia Mar Baltico Calcio K-19 Pietro il Grande Crimea Occidente