Helsinki: un successo più d'immagine che di sostanza, per Putin

Helsinki: un successo più d'immagine che di sostanza, per Putin

Il match di Helsinki ha avuto un vincitore abbastanza evidente, Putin.

Lo riconoscono un po' tutti i media internazionali, dai più vicini ai più ostili verso il presidente russo.

A catalizzare l'attenzione mediatica, specie quella americana, è stato però l'atteggiamento ambiguo e incoerente di Trump, che è riuscito ancora una volta a rendersi protagonista del summit. Il tycoon si è infatti esibito in una performance di estrema accondiscendenza verso Putin, almeno in apparenza. Un atteggiamento subito stroncato da tutti i media e opinionisti americani, duri come non mai verso il loro presidente.

Sull'onda di tale sdegno, Trump ha dovuto fare un parziale dietrofront il giorno successivo, sostenendo di essersi confuso nella formulazione di alcune frasi decisive, come quella relativa alla sua fiducia verso i servizi segreti americani (una domanda trabocchetto, bisogna rilevare... sarebbe stato difficile per il presidente americano accusare il suo omologo di essere un bugiardo, dinnanzi al suo cospetto).

Presi com'erano dagli eventi, gli osservatori hanno dato poco spazio alla sostanza del summit, e nello specifico alle trattative sul tavolo oggetto di un incontro così caldo. L'impressione è che un po' tutti abbiano dato per scontato che Trump si sia fatto completamente abbindolare o soggiogare dal carisma e dall'esperienza di Putin.

In realtà, com'è ovvio, le cose non stanno esattamente così.

L'impressione è che un po' tutti abbiano dato per scontato che Trump si sia fatto completamente abbindolare o soggiogare dal carisma e dall'esperienza di Putin

Donald è andato a Helsinki con almeno due obiettivi: il primo, quello di ottenere un riconoscimento diplomatico delle sue trattative con la Corea del Nord; il secondo, più importante, di allontanare la Russia dall'Iran, sia per quanto riguarda il nuclear deal, sia per la proiezione siriana del Paese degli ayatollah. Inoltre il presidente americano ha sfruttato l'incontro per provare a distanziare Mosca e Berlino, la cui vicinanza (anche solo energetica) è vista dagli americani come fumo negli occhi.

In cambio Trump avrebbe offerto - in evidente disaccordo coi suoi apparati - la sospensione delle sanzioni e un allentamento delle pressioni occidentali sulla questione ucraina. Offerte certamente gradite da Putin, ma con ogni evidenza irrealistiche, in quanto ben fuori dalla portata politica della Casa Bianca.

Da parte russa, l'approccio pragmatico del Cremlino consente di vedere tutto con maggior distacco. Nessun particolare entusiasmo è trapelato in risposta alle parole di Trump, di cui anzi si riconoscono tutti i limiti. Se è vero però che il presidente americano non può fare molto, nel suo velleitario avvicinamento a Putin, è anche vero che nelle attuali condizioni questo resta per Mosca il migliore scenario possibile, da tenere quindi stretto. In più la Russia ha registrato l'ennesimo successo di immagine con questo vertice, enfatizzato dalla figura mediocre di Trump (ed è ormai noto quanto l'immagine sia tenuta in considerazione e curata, dalle parti del Cremlino).

Ciò al di là degli scarsi passi avanti compiuti nella cooperazione effettiva tra le due potenze, specie nel campo militare. Secondo alcune fonti, a breve potrebbe esserci un incontro ministeriale tra i massimi responsabili della Difesa russo (Šojgu​) e statunitense (Mattis). Certamente un bel passo avanti, ma insufficiente finché le traiettorie geopolitiche resteranno le stesse.

L'incontro di Helsinki resterà negli annali più per le gaffes di Trump che per un'effettiva svolta nelle relazioni bilaterali. Sia l'immagine dell'incontro che la sua sostanza hanno sorriso a Putin, anche se in misura differente e sproporzionata. Ma in tempi magri come questi, nei quali il successo mediatico del Mondiale non corrisponde ad una rottura dell'isolamento internazionale, Mosca dovrà accontentarsi.


Il "kitchen debate": la Guerra Fredda in cucina
Michele I Romanov di Russia. La fine dell'età dei ...

Related Posts

 

Comments (0)

There are no comments posted here yet

Leave your comments

  1. Posting comment as a guest. Sign up or login to your account.
Attachments (0 / 3)
Share Your Location

Iscriviti alla nostra Newsletter

Tag Cloud

Guerra S-400 Cina LDPR trattato di pace Kuznetsov Asia Centrale Balcani reportage Giornalismo monarchia proteste in Russia Reagan Prigožin Panslavismo Ilham Aliyev Società Corea opposizione politica opposizioni Disarmo Pashinyan Kortezh bitcoin Cremlino Asia Business Russia Dmitrij Medvedev HIV comunismo Maxim Surajkin Armi Afghanistan boicottaggio politica estera Mondiali rivoluzioni colorate gas Rosneft inchiesta Caspio Partito del Progresso Serbia Azerbaijan Welfare nucleare SergeJ Skripal gasdotto Naval'nyj Cecenia Arabia Saudita Calcio UE Nato Runet lingua URSS Kerč’ dazi americani estremismo Europa #obor partiti Lavrov Kazakistan scenari politici El'cin Africa Diritti umani antiterrorismo Cronache di viaggio nazismo K-19 Bielorussia propaganda Russkij Mir scramble for Africa Vedemosti stalinismo Francia Minchenko Group Consulting Chiesa Ortodossa Russa Cittadinanza Lettonia Politica Sicurezza #asiacentrale Uzbekistan energia Macron Italia elezioni Mondiali 2018 Egitto Battaglie storiche estrema destra Smolensk Mar Baltico Siria rete Brest-Litovsk ISP INF Stalin export armi Demografia Armenia Svezia Casa Bianca Difesa Merkel Montenegro Levada tradizioni WCIOM Russia Unita WC2018 crisi società PCFR Krasnodar Nikita Chruščëv SCO Transnistria Ara Soft power G8 Donbass ingerenze russe TAP Vladimir Putini anti-liberalismo Pubblicazioni Krymskij most Turchia russkaja ulica #cina Federazione Russa Protocollo di Minsk TANAP Sondaggi Kyrgyzstan criptovalute Libia PIL Salman Saakashvili Russiagate Russia russofobia corruzione diritti Baku Ricostruzione Giovani Ucraina Vladimir Putin candidati Pavel Grudinin Pensioni Finlandia Chiesa ortodossa LGBT Mosca Usa Ksenija Sobčak Tagikistan Germania G7 nazionalismo Azerbaigian Midterm caso Skripal Gennadij Zjuganov Islam Romanov Spagna Riforme Oriente Patriarca Kirill OPK Moldavia green energy Grigorij Javlinskij Passaporto Cherchesov PCUS Storia Jabloko internet liberalismo Vostok18 terrorismo Eltsin Israele elezioni presidenziali Gibilterra Caucaso geopolitica Gazprom Boris Titov Mediterraneo ISIS Turkmenistan Kirghizistan Tajikistan nord stream religione Zelenskij #russia Sergej Baburin Diplomazia Macedonia influenza rivoluzione di velluto migranti Arkadij Babcenko FIFA Asia centrale Occidente Poltava Sputnik tossicodipendenza Iran Unione ortodossia San Pietroburgo troll Democrazia Gas naturale Vladimir Žirinovskij Corea del Sud Gorbačëv Astana sondaggi elettorali Sobčak Nagorno-Karabakh minoranza Austria #sanzioni Michele I #commercio Trident Juncture 2018 opinione pubblica settore estrattivo Regime Change Kiev gay Assad Stati Uniti RussiaToday Cripto Valley Helsinki Georgia Franco zar cultura Costituzione Russa Unione Europea Sanzioni Trump 1941 Crimea imperialismo Nigeria Cernenko Akinfeev Peredača Paesi Baltici #economia età dei torbidi Poroshenko Anatolij Sobčak DNS governo russo Rosatom Venezuela Power of Siberia esercito elezioni presidenzali Partito Comunista Putin Economia Medio Oriente FSB politiche energetiche Pietro il Grande Aleksej Naval'nyj eroina spie Guerra fredda #silkbeltroad Unione sovietica spese militari Theresa May Flame Towers SGC Mare del Nord Golunov Idlib Sorge Zurabishvili spesa militare Olocausto Grande Gioco Skripal Ungheria Proteste soft power Eco Internazionale Relazioni internazionali via della seta Kim