La battaglia di Poltava - L'ascesa e il declino di due imperi

La battaglia di Poltava - L'ascesa e il declino di due imperi

Se ci si reca oggi nella città ucraina di Poltava (Полтава) si può visitare il museo della battaglia omonima con ricostruzioni telematiche, reperti storici e diorami che illustrano diligentemente i movimenti delle truppe dell'epoca. Ma per quali motivi questa battaglia (fra le tante combattute sul fertile suolo ucraino) è cosi importante tanto da essere tutt'ora celebrata?

Nella smisurata pianura ucraina il 28 giugno 1709 si decise il destino di due imperi e di due personaggi storici con opposte fortune ma ben vivi nella memoria e nel folklore storico culturale. Uno zar ambizioso e un re generale svedese sono i protagonisti della nostra storia. Agli inizi del Settecento assistiamo a un periodo di turbolenze, conflitti e alleanze nel contesto europeo; nazioni e confederazioni si rafforzano pretendendo un posto tra le potenze europee.

La Svezia è tra i principali attori di questo gioco. L'ascesa della nazione affacciata sul Baltico coincide con la fortuna di diversi monarchi, abili strateghi e governatori; primo fra tutti Gustavo Adolfo che rivoluzionando l'ars bellica contemporanea nella logistica, nella tattica e negli armamenti intervenne nei fragili equilibri della sanguinosa guerra dei Trent'anni. La Svezia presa in eredità da Carlo XII era un paese solido, ordinato ed economicamente vigoroso seppur spopolato e minacciato dalle offensive di polacchi, russi ed entità statali tedesche in ascesa.

Carismatico, amato dai soldati e abile nella diplomazia, il re svedese si ritrovò a combattere una serie di estenuanti conflitti sul continente che avrebbero messo a dura prova, nonostante la resilienza dimostrata, le flebili risorse dello Stato. Ambizioso e strategicamente ineccepibile, invece, lo zar Pietro il Grande, se potessimo definirlo in sole due parole. Considerato tutt'oggi il fondatore del moderno stato russo (fu lui a costruire la città sulla Neva che porta il suo nome, moderna al pari delle maggiori capitali occidentali) riformò sensibilmente tutti i settori dell'impianto statale e rivoluzionò l'esercito e la burocrazia con l'obiettivo di traghettare il semibarbaro impero nella contemporaneità, affrontando al contempo le minacce turche e impadronendosi di considerevoli porzioni di prospera Europa.

Come si trovarono sul campo di battaglia queste due figure storiche e come il successo di uno di loro rappresentò la rovina dell'altro? Svezia e Russia si erano già incontrate sul campo di battaglia diverse volte e lo stesso Carlo XII aveva inflitto a Narva, in Estonia, una cocente sconfitta al numericamente superiore ma precario esercito nemico. Per il possesso dei paesi baltici, possedimento coloniale e gioiello della corona svedese, i due imperi e gli alleati combatterono nella cosiddetta Grande guerra del Nord. L'obiettivo dei coalizzati in chiave anti-svedese era di costringere i nordici a una serie di battaglie campali risolutive, ben consci della propria superiorità numerica; ma essi sottovalutarono la mobilità del consolidato esercito del re che prosegui a sconfiggerli ripetutamente fin quando non si trovò di fronte alla strenua e testarda resistenza dei russi.


La tragica scelta di addentrarsi nelle immensità euroasiatiche dei domini di Pietro il Grande costò allo svedese l'esercito, e alla sua nazione la postura geopolitica

La tragica scelta di addentrarsi nelle immensità euroasiatiche dei domini di Pietro il Grande costò allo svedese l'esercito, e alla sua nazione la postura geopolitica. Esaltato dalle recenti vittorie, Carlo si accanì nel cercare lo scontro diretto definitivo portando avanti un'avanzata in precarie condizioni ambientali e di rifornimento. A poco servirono gli aiuti dei cosacchi (che si erano schierati in suo favore, intravedendo la possibilità concreta di liberarsi dall'opprimente giogo russo): solamente la metà dell'originario contingente messo in campo dagli svedesi sopravvisse alla dura marcia verso l'interno. Carlo XII dovette affrontare le armate di Pietro notevolmente superiori in numero, efficacemente rifornite e galvanizzate da un forte spirito nazionale contro l'invasione degli eretici protestanti (importantissimo era stato il ruolo della collaudata propaganda zarista).

L'esito della battaglia tuttavia non era affatto scontato, per via del timore dei russi verso le abili fanterie svedesi (incontestabilmente le migliori di Europa) nonché per l'abilità, fortuna e capacità del Wittlesbach di Stoccolma; ma la tenacia di Pietro il Grande e alcuni errori tattici di Carlo regalarono la vittoria ai difensori. La tattica di accerchiamento e offensiva sui lati tentata degli invasori venne sventata dalle riserve tattiche russe posizionate ai lati (altra innovazione della vivace mente dello zar) e nonostante una carica eroica e feroce, gli svedesi non riuscirono a sfondare l'imponente contingente avversario lasciando un enorme numero di morti sul campo di battaglia mentre il resto dei sopravvissuti finì prigioniero dopo una disordinata ritirata verso l'accampamento. I due comandanti guidarono personalmente le proprie truppe dalle prime linee del fronte: Pietro fu ferito tre volte mentre Carlo riuscì miracolosamente a fuggire con il suo stato maggiore riparando in territorio turco.

I destini dei due imperi e dei due condottieri, come già anticipato, seguirono due strade diametralmente opposte. Lo zar, caricato dalla vittoria, dal prestigio riacquistato e dal rafforzamento dei confini patri proseguì indisturbato la sua politica di modernizzazione creando i prodromi del predominio russo nei decenni a venire (e non solo), mentre Carlo XII, dopo aver provato inutilmente a convincere il sultano ottomano della necessità di un offensiva in Crimea, tornò con pochi fedelissimi in patria dove trovò la morte in un misterioso episodio nel corso un assedio a una piazzaforte norvegese.

La Svezia uscì drasticamente dal novero delle grandi potenze ritornando ad interpretare un attore secondario e cedendo il passo alla maggiore forza demografica, economica e ideologica russa. La disfatta delle semileggendarie armate svedese ebbe ai tempi un'eco smisurato ed è rimasta nell'immaginario comune russo come l'ennesima prova di resistenza e tenacia contro un aggressione esterna.

L'espressione "essere come uno svedese a Poltava" ancora oggi usata quando si vuole trasmettere debolezza e fragilità è ironica e amara e aiuta a comprendere come la memoria del passato sia il fattore più importante per l'identità nazionale del tenace popolo russo.


Russia e Spagna, potenze speculari nel calcio e ne...
22 giugno 1941: ha inizio l'Operazione Barbarossa

Related Posts

 

Comments (0)

There are no comments posted here yet

Leave your comments

  1. Posting comment as a guest. Sign up or login to your account.
Attachments (0 / 3)
Share Your Location

Iscriviti alla nostra Newsletter

Tag Cloud

Golunov Vostok18 nazionalismo Franco Brest-Litovsk Passaporto ortodossia Cronache di viaggio Panslavismo Vladimir Žirinovskij elezioni presidenzali Corea del Sud monarchia Moldavia #sanzioni Stati Uniti anti-liberalismo società Welfare Venezuela boicottaggio russofobia Eltsin Levada Disarmo Nigeria Usa Sicurezza Cittadinanza trattato di pace Gorbačëv Sobčak Pashinyan spese militari opinione pubblica ISP Caucaso Saakashvili Putin Ucraina Akinfeev scenari politici Naval'nyj Stalin Demografia Sondaggi Cripto Valley Gennadij Zjuganov Donbass Pavel Grudinin Kiev Jabloko tradizioni Islam Midterm Mondiali Francia TAP Anatolij Sobčak Mar Baltico TANAP Casa Bianca Azerbaijan Rosneft San Pietroburgo Baku antiterrorismo Boris Titov dazi americani zar Gas naturale PCFR internet Cecenia Asia Centrale Kyrgyzstan influenza Krymskij most Astana Patriarca Kirill #asiacentrale caso Skripal Transnistria G7 cultura criptovalute Nagorno-Karabakh Maxim Surajkin SCO rivoluzioni colorate Michele I Diplomazia Aleksej Naval'nyj Sanzioni ingerenze russe nord stream Chiesa Ortodossa Russa FSB Oriente Difesa minoranza Proteste Turchia INF Skripal tossicodipendenza Pensioni Helsinki Spagna #commercio Calcio Arkadij Babcenko Riforme Lettonia lingua inchiesta sondaggi elettorali Partito del Progresso gay export armi Cina Assad eroina spie comunismo SGC Kerč’ Kortezh opposizioni Balcani troll Israele Ricostruzione Kazakistan Federazione Russa Salman Asia LGBT PIL scramble for Africa candidati OPK Armi Grigorij Javlinskij Mosca Idlib Economia Vladimir Putini Afghanistan Kirghizistan reportage estrema destra Eco Internazionale governo russo Unione Europea Nikita Chruščëv RussiaToday soft power URSS WC2018 Medio Oriente corruzione esercito #russia Asia centrale Krasnodar politiche energetiche Costituzione Russa Olocausto spesa militare Europa Tajikistan Flame Towers Pietro il Grande terrorismo Protocollo di Minsk partiti Dmitrij Medvedev G8 Reagan Giornalismo elezioni Runet Macedonia S-400 stalinismo Crimea nucleare Siria Gazprom SergeJ Skripal elezioni presidenziali Battaglie storiche Uzbekistan Iran DNS gasdotto Lavrov Vedemosti migranti rivoluzione di velluto Trump Corea Paesi Baltici via della seta crisi Democrazia Kim bitcoin WCIOM #economia geopolitica diritti Serbia Business Russia Poltava Kuznetsov Politica russkaja ulica Russia Unita Russia Smolensk PCUS Caspio Guerra Grande Gioco Libia proteste in Russia K-19 UE religione #cina Occidente Russiagate Azerbaigian Ara Turkmenistan Relazioni internazionali Cernenko Power of Siberia Mondiali 2018 Trident Juncture 2018 Svezia opposizione politica green energy Sputnik Arabia Saudita Prigožin Egitto età dei torbidi propaganda settore estrattivo imperialismo gas FIFA rete Rosatom Cremlino 1941 Theresa May Macron Finlandia Bielorussia Società Ilham Aliyev Diritti umani Unione HIV Ksenija Sobčak Ungheria Vladimir Putin Georgia Peredača nazismo Poroshenko Romanov Regime Change Tagikistan energia Montenegro Unione sovietica Germania Zelenskij Mare del Nord #obor Mediterraneo LDPR Africa politica estera Guerra fredda Gibilterra Nato Sorge Soft power Italia El'cin Zurabishvili Armenia Minchenko Group Consulting Giovani Chiesa ortodossa #silkbeltroad Austria Sergej Baburin estremismo Merkel Partito Comunista Cherchesov Pubblicazioni Storia ISIS Russkij Mir liberalismo