Investimenti russi in Medio Oriente: il caso Egitto

Investimenti russi in Medio Oriente: il caso Egitto

Lo scorso 11 novembre Putin si è recato in visita di Stato in Egitto per incontrare il generale Al Sisi al fine di suggellare un'intesa in costante crescita fra le due nazioni, ed esplorare la possibilità di nuovi e proficui contatti commerciali tra i due paesi. Il legame tra i due Stati si è rafforzato anche grazie ai continui contatti e investimenti delle aziende russe che hanno recentemente scelto il continente africano come possibile mercato per i propri prodotti dopo le recenti tensioni con l'Occidente. Il generale Al Sisi, reduce da una vittoria plebiscitaria (inevitabile data la mancanza di sfidanti credibili) nelle ultime elezioni presidenziali, è all'affannosa ricerca di stabili relazioni commerciali e partner autorevoli per rilanciare il Paese nel panorama mediorientale e svincolarsi dall'asfissiante abbraccio americano e saudita.

Russia ed Egitto tornano a parlarsi e a capirsi dopo decenni dallo strappo che ha portato il gigante africano nel fronte occidentale durante la Guerra Fredda. Nel 1955 l'Egitto nazionalista di Gamal Abdel Nasser, ansioso di riformare l'esercito e intenzionato a capitalizzare una possibile vittoria contro il neonato Stato ebraico per i suoi piani egemonici panarabi, contrattò con il blocco sovietico un massiccio acquisto di armamenti (tramite la Cecoslovacchia) portando, con grande sconcerto internazionale, il paese nell'orbita del Cremlino.

Le relazioni si rafforzarono nel corso della "guerra dei sei giorni" del 1967, in quanto i legami dell'Egitto con l'URSS si consolidarono ulteriormente (migliaia di consiglieri militari contribuirono all'irrobustimento economico e politico delle locali forze armate) e continue spedizioni di armamenti e asset tecnologici si mossero in direzione del Cairo. La decisione del successore di Nasser, Anwar al Sadat, a lungo corteggiato dai burocrati di Washington, di firmare la pace con Tel Aviv ha sparigliato ulteriormente le carte portando il Paese nello schieramento statunitense; ingenti sono stati i fondi per lo sviluppo e le sovvenzioni militari affluite nel paese nordafricano (che hanno impedito il tracollo del paese) in cambio di basi militari e una sponda geopolitica nel complesso Risiko mediorientale.

Le aspre critiche dell'amministrazione Obama nei confronti della situazione dei diritti umani nel Paese e le differenti visioni sul conflitto siriano hanno rappresentato l'inizio di un processo irreversibile che ha allontanato le due nazioni e ha spinto l'ambizioso generale nelle braccia di una Russia che prepotentemente si è affacciata nel Mediterraneo con l'intervento in Siria, coltivando contatti strategici con protagonisti della crisi libica (vedesi la liaison con il generale Haftar) e irrobustendo i legami con l'Algeria.

Putin sta portando avanti una politica estera mediorientale fortemente pragmatica e scevra di visioni ideologiche cercando di riempire i vuoti geopolitici lasciati dall'assenza, volontaria o meno, degli Stati Uniti e alleati nel settore geopolitico. Il Presidente russo è consapevole dell'eterogeneità dei vertici politici con cui dialogare, della precaria situazione economica interna e della conseguente necessità di espandere il dialogo e una cooperazione multilaterale quanto più ampia possibile con il fine di rilanciare il ruolo di potenza globale della Russia contenendo l'aggressività occidentale. La cooperazione con l'Egitto per via della posizione di crocevia verso l'incoraggiante mercato africano e l'importanza strategica (fondamentale la presenza del Canale di Suez) si rivela una mossa quasi obbligata per il Cremlino.

Nel mese di marzo i due Governi hanno approvato i piani per la costruzione di un ampia zona industriale a partecipazione congiunta per un valore di investimenti di 7 miliardi nella zona di Port Said al fine di rafforzare una visione comune di intenti che avrebbe aperto la strada a ulteriori investimenti. Il ministro del commercio egiziano Tareq Kabil, nel corso di un incontro con decine di società russe al Cairo, ha dichiarato: "La zona industriale russa in Egitto rappresenta una grande opportunità per le aziende russe che cercano mercati globali per i loro prodotti. Gli investimenti nel mercato egiziano forniscono l'accesso a un mercato che comprende quasi 1,8 miliardi di persone, grazie agli accordi commerciali siglati tra l'Egitto e i maggiori blocchi economici del mondo. I progetti di investimento stabiliti nella zona soddisfano le richieste del mercato egiziano e inoltre il progetto favorirà la creazione di migliaia di posti di lavoro". 

"La zona industriale russa in Egitto rappresenta una grande opportunità per le aziende russe che cercano mercati globali per i loro prodotti. Gli investimenti nel mercato egiziano forniscono l'accesso a un mercato che comprende quasi 1,8 miliardi di persone, grazie agli accordi commerciali siglati tra l'Egitto e i maggiori blocchi economici del mondo. I progetti di investimento stabiliti nella zona soddisfano le richieste del mercato egiziano e inoltre il progetto favorirà la creazione di migliaia di posti di lavoro"

Tareq Kabil

​La Riz (Russian Industrial Zone) sorgerà su un'area concessa in usufrutto alla Russia, di 5,25 chilometri quadrati, a est di Port Said. L'Autorità generale della Security zone si occuperà di tutte le indagini geologiche e geofisiche sull'area dove sorgerà la Riz in funzione della costruzione degli impianti industriali e delle infrastrutture. Sempre la "Sczone" garantirà la fornitura di tutte le infrastrutture per accedere senza ostacoli a strade, porti e ferrovie e collegherà la Riz alla rete elettrica e del gas dell'Egitto. Incessanti, inoltre, sono le visite di imprenditori, magnati e politici russi nell' area in cui dovrà sorgere la nuova capitale egiziana. Ambizioso piano del generale Al Sisi è, infatti, quello di costruire una nuova capitale modello per il sovrappopolato paese africano che dovrebbe rimpiazzare l'oramai congestionata e turbolenta Cairo.

La Riz sorgerà a est di Port Said

​Il fiore all'occhiello dell'emergente partnership è l'accordo fra i due uomini forti per la costruzione di una centrale nucleare, la prima a sorgere in Africa se si escludono dei reattori non più attivi del Sudafrica. La centrale verrà allestita a Dabaa, sulla costa mediterranea circa 170 km a ovest di Alessandria, sul sito di un reattore di ricerca costruito dai sovietici negli anni cinquanta. Le firme, apposte da ministri alla presenza di Putin e del Presidente egiziano, rappresentano un "accordo record nella storia dell'industria nucleare", ha sottolineato Aleksej Lichačev, il direttore di Rosatom, l'impresa statale russa che costruirà l'impianto entro il 2026. A Dabaa verrà installata "la tecnologia più moderna e sicura", ha sottolineato Putin riferendosi implicitamente ai reattori che saranno della "generation 3+", quella nata dopo il disastro di Fukushima. Il modello russo proposto di costruzione e gestione è allettante in quanto gli investitori russi copriranno una parte importante dei costi di realizzazione e gestione dell'impianto permettendo ad economie in difficoltà di realizzare l'opera senza che essa gravi eccessivamente sulle casse statali. In ultimo una nota di colore: il quotidiano egiziano Al-Youm Al-Sabia, è recentemente uscito in edicola con i seguenti titoli in russo: "Signor presidente della Russia, benvenuto in Egitto!", "Signor presidente, quando torneranno i turisti russi in Egitto?". Il turismo rappresenta la seconda fonte di reddito per l'economia statale e il ritorno dei facoltosi turisti russi, che riempivano solitamente le spiagge e i resort del Sinai,(diminuiti progressivamente dopo il disastroso incidente del Tupolev 9268 Metrojet) potrebbe rilanciare l'occupazione e la crescita impattando l'alto tasso di disoccupazione del gigante arabo africano.

Guida al Girone H – “Storie violente per un gruppo...
Guida al Girone G – “Vecchi imperi contro vecchie ...
 

Comments (0)

There are no comments posted here yet

Leave your comments

  1. Posting comment as a guest. Sign up or login to your account.
Attachments (0 / 3)
Share Your Location

Iscriviti alla nostra Newsletter

Tag Cloud

Transnistria Nenets Merkel Nato Cronache di viaggio Egitto antiterrorismo Arabia Saudita Skripal UE ISIS Olocausto scramble for Africa WADA Lavrov Marina proteste in Russia Russia TAP spese militari Islam Poroshenko INF climate change Libia Corea #russia Gennadij Zjuganov Afghanistan Brest-Litovsk Guerra Panslavismo Idlib PCFR Italia Stalin spesa militare Vladimir Putin URSS Cecenia Asia centrale LGBT Parigi LDPR russkaja ulica WC2018 comunismo Naval'nyj S-400 Gazprom Diritti civili Nagorno-Karabakh corruzione Beirut 1989 Economia Tripoli partiti geopolitica Guerra fredda Storia Unione sovietica boicottaggio internet elezioni Markiv Flame Towers Ricostruzione Aleksej Naval'nyj Medio Oriente Putin Astana Krymskij most criptovalute Paesi Baltici candidati Montenegro Russia Unita Grigorij Javlinskij OPK Turchia Tajikistan visita di Stato Giovani Patriarca Kirill Baku WCIOM Federazione Russa soft power rivoluzione di velluto scenari politici Macedonia Pensioni SergeJ Skripal Tagikistan Occidente Cernenko Arkadij Babcenko reportage Cina migranti #obor Vaticano Stati Uniti propaganda Protocollo di Minsk Golunov russofobia Trump summit Opposizione Partito del Progresso Università Diritti umani Difesa Siberia elezioni presidenziali Smolensk Iran Proteste Politica estera Politica #sanzioni Ambiente Chiesa Ortodossa Russa Gas naturale Papa Francesco Trident Juncture 2018 Europa Grande Gioco Theresa May Olimpiadi Passaporto #commercio età dei torbidi Zelenskij TANAP PCUS Kiev opposizione politica incidente Corea del Sud Nikita Chruščëv Jabloko Costituzione Russa settore estrattivo Soft power monarchia tradizioni spie Vladimir Putini Maxim Surajkin Power of Siberia elezioni presidenzali cultura Mondiali 2018 Crimea doping nomadismo terrorismo zar Aral Unione Europea Reagan Kortezh ortodossia Levada PIL San Pietroburgo Kyrgyzstan #silkbeltroad esercito Germania Ossezia del Sud inchiesta tossicodipendenza Demografia Salman cooperazione Ecologia Vostok18 Haftar religione K-19 liberalismo Casa Bianca G7 LIbano lingua Giornalismo Vladimir Žirinovskij crisi via della seta export armi Chiesa ortodossa Ucraina Pubblicazioni muro di Berlino relazioni internazionali Cittadinanza gasdotto Spagna Moldavia migrazioni Lettonia Kirghizistan Asia nucleare Pavel Grudinin caso Skripal Ungheria Vedemosti green energy nord stream Diplomazia Gorbačëv Armi Ilham Aliyev Cremlino Prigožin Democrazia G8 Disarmo influenza bitcoin Mediterraneo politica estera Runet HIV Russkij Mir Uzbekistan Francia Austria società Mare Nigeria Lituania dazi americani nazionalismo opposizioni Venezuela nazismo Macron estremismo Estonia Baltico RussiaToday Riforme Krasnodar Bielorussia Eco Internazionale Regime Change inquinamento Curili rivoluzioni colorate Finlandia stalinismo Unione rete Helsinki lago Bajkal Gibilterra Cherchesov DNS Azerbaigian eroina Donbass governo russo Assad Pietro il Grande Welfare Mosca anti-liberalismo Kazakistan Azerbaijan Sergej Baburin Ara Conte Israele imperialismo popoli Sputnik FIFA Relazioni internazionali Mare del Nord Battaglie storiche SCO Clima Società Boris Titov FSB Business Russia #cina Rosneft Svezia Kim politiche energetiche gay Artico Caspio Sorge Eltsin trattato di pace Abcasia Kerč’ Mondiali Usa Turkmenistan Sicurezza Caucaso energia Sondaggi Dmitrij Medvedev Partito Comunista Serbia Minchenko Group Consulting Roma Michele I incendio Africa autocefalia Armenia Anatolij Sobčak opinione pubblica SGC Cipro sondaggi elettorali Georgia Ksenija Sobčak Asia Centrale 1941 Kuznetsov Zurabishvili Kazakhstan Balcani estrema destra Peredača #economia Rocchelli Cripto Valley Romanov Russiagate Pashinyan gas #asiacentrale sport ingerenze russe Midterm Sanzioni troll ISP Poltava minoranza Franco Akinfeev El'cin diritti Rosatom Siria Mar Baltico Oriente Giappone Saakashvili Sobčak Calcio