Guida al Girone D - "Wannabe regional pivot leaders"

Guida al Girone D - "Wannabe regional pivot leaders"

GEOPOLITICA

Argentina, Nigeria, Croazia e Islanda. A modo loro rappresentano tutti Paesi che hanno avuto, o che stanno avendo, grosse crisi a livello politico ed economico. Tuttavia, soprattutto nel caso delle prime tre, questi Paesi stanno cercando di diventare un punto di riferimento all'interno della regione geografica alla quale appartengono. L'Islanda fa da outsider: per lei solamente tanta voglia di divertirsi e fare bene in campo.


Difficile trovare un filo conduttore che leghi questi quattro Paesi. Più facile se si considerano solo tre di essi: Argentina, Croazia, Nigeria. Presi singolarmente, ognuno di essi costituisce un importante attore politico nella propria regione di appartenenza. L'Argentina, nonostante le vicissitudine economiche e l'instabilità finanziaria, resta un punto di riferimento economico e politico del Sudamerica. Al suo pari, la Nigeria, l'Islanda e la Croazia si presentano tutti come Paesi riferimento dell'area regionale di appartenenza, tuttavia ognuno di essi presenta delle criticità insite nei propri sistemi politico economici.

Seppur indebolita dalla nuova crisi economico-finanziaria, l'Argentina rimane una potenza regionale in grado di far pesare la sua influenza nei forum latinoamericani e ancor più nella vita dei suoi vicini: sia di quelli più deboli, come Bolivia e Paraguay, sia, seppur in misura assai minore, di quelli più forti, come Cile e Uruguay. Tuttavia le criticità sistemiche e la fragilità finanziaria minano alla base l'intento del Paese di porsi come potenza di riferimento del Sudamerica.

La Croazia, invece, si presenta come lo stato che ha fatto i compiti a casa e dopo la parentesi tragica degli anni '90, passati tra dichiarazioni di indipendenza, conflitti civili e regionali con bosniaci e serbi, ha avviato un lento ma costante processo di stabilizzazione interna fino a diventare lo stato modello della regione balcanica aderendo alla NATO nel 2009 e all'UE nel 2013. Sebbene dunque restino alcunie questioni in sospeso a bassa tensione a livello regionale , con sporadici exploit a livello politico e sportivo, la Croazia rappresenta un modello di integrazione verso l'UE vincente a cui gli altri paesi della penisola balcanica potrebbero ispirarsi.

Dal canto suo, la Nigeria rappresenta uno dei Paesi di cui si è sentito più parlare nel continente africano di recente. Più di 180 milioni di abitanti(lo stato più popoloso del continente), una popolazione e un'economia in continua espansione, un apparato statale non abbastanza sviluppato per garantire uno sviluppo equilibrato, una spaccatura religiosa che divide il paese tra nord e sud e numerosi episodi di violenza scatenati da una commistione tra tribalismo, fondamentalismo religioso e gruppi criminali e organizzazioni terroristiche. Questa la Nigeria in poche righe. Un ritratto insufficiente a descrivere le mille sfumature di una paese in continua evoluzione, uno tra i protagonisti della ritrovata centralità del continente africano nelle relazioni internazionali. La Nigeria presente ai mondiali cercherà di ricompattare l'opinione pubblica e far vedere al mondo il lato gioioso e meritevole di un Paese che troppe volte è associato al nome di Boko Haram

Infine, l'Islanda. Conosciuta a livello internazionale soprattutto per le bancarotte finanziarie e vulcani dal nome impronunciabile, l'Islanda si presenta ai Mondiali di Russia 2018 decisa a bissare il successo degli europei del 2016. L'esempio islandese è una bella favole del connubio tra soft power e sport. Lo stesso presidente dell'isola, assieme a sua moglie, ha dichiarato il suo supporto alla nazionale in un simpatico video girato nel soggiorno della sua residenza. Al di là dei risultati che l'Islanda otterrà a questi mondiali, poterla vedere oggi in Russia è il punto finale di una lunga strategia di investimenti in termini di infrastrutture e giocatore iniziati negli anni novanta. Una strategia di lungo periodo che ha portato la nazionale a giocare il suo primo mondiale. L'Islanda darà spettacolo.

CALCIO

​Sono tutte squadre che hanno qualcosa da offrire, alcune puntano anche alla vittoria. L'Islanda è la grande sorpresa del girone e del Mondiale.

ARGENTINA

Dal punto di vista calcistico, l'Argentina è tra le protagoniste del Mondiale Russia 2018. Non solamente perché quest'anno ricorrono i 40 anni da quell'insaguinato mondiale che l'Argentina si aggiudicò tra desaparecidos, proteste di piazza e regimi autoritari. Nelle scorse settimane, infatti, la nazionale argentina è stata al centro della cronaca politico – sportiva in relazione alla mancata partita con Israele. La partita, organizzata nello stadio Teddy Kollek, ha suscitato le proteste interne alla squadra, tra cui anche quelle di Messi, ed esterne, in particolare le pressioni da parte della comunità palestinese, in relazione ai recenti scontri tra manifestanti e forze di sicurezza israeliane. La partita infine non si è disputata, e l'Argentina si è presentata ai Mondiali con solo un'amichevole giocata, contro Haiti, e una formazione di qualità ma ancora da definire.

MIGLIOR PIAZZAMENTO: Campioni del Mondo nel 1976 e 1986.

OBIETTIVO: Vincere i Mondiali Russia 2018


NIGERIA

La squadra delle Super eagles si presenta come la scheggia impazzita del girone. Se dal punto di vista delle divise, a quanto pare, la nazionale si è già aggiudicata i Mondiali, dal punto di vista calcistico hanno ancora molto da dimostrare. La formazione può contare sulla propria prestanza fisica per tenere testa ai talenti dell'Argentina e alla dinamicità dei croati. Sarà l'ex del Chelsea John obi mikel a guidare la propria squadra cercando di traghettarla oltre le fasi a gironi.

E no, il Ministro del turismo e della cultura dell'Oblast di Kaliningrad ha ribadito che i tifosi nigeriani non potranno portare galline vive all'interno degli stadi. Una pratica diffusa tra i tifosi delle Super eagle per incoraggiare la propria squadra.

MIGLIOR PIAZZAMENTO: Ottavi di finale nel 1994, 1998, 2014.

OBIETTIVO: Passare gli ottavi di Finale


ISLANDA

La formazione islandese potrà contare sulla simpatia che riscuote tra il pubblico internazionale in seguito alla precedente performance degli Europei e per questa sua aurea da reginetta al ballo delle debuttanti. Tra i tecnicismi argentini e la fisicità dei nigeriani gli islandesi dovranno puntare sull'esperienza di alcuni suoi giocatori strorici, tra i quali il centrocampista Emil Hallfreðsson e l'attaccante Alfreð Finnbogason. Per poter aggiudicarsi il passaggio del girone gli islandesi dovranno confermare il buon risultato delle qualificazioni durante le quali sono riusciti a battere i croati per 1-0.

MIGLIOR PIAZZAMENTO: Prima partecipazione

OBIETTIVO: Passare il girone


CROAZIA

La Croazia è una squadra piena di talenti e di ottimi giocatori. La stella assoluta è Luka Modric, il fuoriclasse del Real Madrid nonché capitano della nazionale. Altro uomo chiave della nazionale croata sarà il suo allenatore Zlatko Dalić, colui che ha portato la Croazia a vincere contro Ucraina e Grecia arrivando così alla qualificazione, un uomo abituato a risolvere problemi.

MIGLIOR PIAZZAMENTO: Terzo posto nel 1998

OBIETTIVO: Le semifinali


Come vedere le partite in Tv

Argentina – Islanda; 16 giugno 2018, 15.00 (Italia 1)    1 - 1

Croazia – Nigeria; 16 giugno 2018, 21.00 (Italia 1)    2 - 0

Argentina – Croazia; 21 giugno 2018, 20.00 (Canale 5)    0 - 3

Nigeria – Islanda; 22 giugno 2018, 17.00 (Italia 1)    2 - 0

Nigeria – Argentina; 26 giugno 2018, 20.00 (Italia 1)    1 - 2

Islanda – Croazia; 26 giugno 2018, 20.00 (Canale 20)    1 - 2

Classifica

CROAZIA ​9
​ARGENTINA 4​
NIGERIA3​
ISLANDA1
Guida al Girone E: “Ricchi e poveri”
Guida al Girone C - “Pacifico ma non troppo”
 

Comments (0)

There are no comments posted here yet

Leave your comments

  1. Posting comment as a guest. Sign up or login to your account.
Attachments (0 / 3)
Share Your Location

Iscriviti alla nostra Newsletter

Tag Cloud

nomadismo antiterrorismo Stalin Nagorno-Karabakh caso Skripal Boris Titov Sergej Baburin Poltava PIL elezioni governo russo Maxim Surajkin Russkij Mir Israele Gibilterra Tajikistan proteste in Russia Mondiali Diplomazia autocefalia 1989 Pashinyan Relazioni internazionali FSB migrazioni estrema destra Guerra Chiesa Ortodossa Russa Russia Unita Cremlino Zelenskij Prigožin via della seta Helsinki incendio San Pietroburgo TAP Mar Baltico Giappone Business Russia Pubblicazioni popoli spese militari esercito russkaja ulica spie Corea Kazakistan Kazakhstan green energy Soft power LIbano Svezia Vaticano #silkbeltroad Gorbačëv Gazprom Nikita Chruščëv Pietro il Grande Beirut Zurabishvili candidati Asia centrale Artico Economia gay Golunov Kyrgyzstan Casa Bianca scenari politici Power of Siberia UE Crimea corruzione migranti Abcasia Parigi Mosca Oriente Azerbaigian Islam Ksenija Sobčak Ara geopolitica Nato cooperazione Brest-Litovsk Politica Vladimir Putini Sorge Cripto Valley Usa Turkmenistan Ossezia del Sud Cherchesov Ambiente Dmitrij Medvedev Sanzioni ISP Regime Change Transnistria Riforme estremismo inquinamento muro di Berlino 1941 dazi americani Kuznetsov Smolensk Occidente tossicodipendenza Serbia Macedonia nucleare nazionalismo #economia relazioni internazionali INF rivoluzioni colorate Nenets Trump HIV Theresa May energia Arkadij Babcenko Baltico diritti Opposizione SCO partiti incidente Tagikistan Kim Asia Corea del Sud Krymskij most summit lago Bajkal Merkel Lettonia Azerbaijan Siberia opposizione politica #sanzioni URSS Macron Armenia SergeJ Skripal Sondaggi zar Francia Giovani Politica estera Franco Eltsin Saakashvili propaganda Rosatom Skripal Spagna Assad Putin PCUS Battaglie storiche Nigeria Europa Stati Uniti Germania Peredača Mare del Nord anti-liberalismo rivoluzione di velluto Demografia Krasnodar Pensioni Grigorij Javlinskij Cecenia cultura Vostok18 Gas naturale WADA Sobčak PCFR terrorismo gasdotto SGC WC2018 Olocausto minoranza Mediterraneo Baku Protocollo di Minsk Diritti civili Italia Ilham Aliyev Ucraina opposizioni Ungheria Caucaso Reagan Partito Comunista religione Kerč’ export armi Gennadij Zjuganov Sicurezza lingua Disarmo Diritti umani troll crisi Africa Cernenko rete bitcoin imperialismo Medio Oriente ingerenze russe Anatolij Sobčak spesa militare Grande Gioco Cittadinanza Haftar soft power Uzbekistan Naval'nyj Marina trattato di pace criptovalute Kirghizistan Panslavismo #commercio Lavrov Partito del Progresso Venezuela stalinismo Markiv età dei torbidi FIFA Georgia Michele I Unione Storia Akinfeev Balcani Idlib Iran Rosneft Vladimir Putin OPK Caspio Rocchelli Montenegro eroina Welfare DNS Turchia politiche energetiche Astana Società Paesi Baltici G7 russofobia Cronache di viaggio opinione pubblica Pavel Grudinin Runet Proteste Difesa scramble for Africa WCIOM #cina Papa Francesco Patriarca Kirill Trident Juncture 2018 Salman Mondiali 2018 Mare Sputnik Poroshenko G8 Cipro Aleksej Naval'nyj Libia monarchia Olimpiadi Federazione Russa boicottaggio #asiacentrale Aral visita di Stato Minchenko Group Consulting LGBT comunismo Levada El'cin Lituania nord stream politica estera Bielorussia Arabia Saudita #russia Ecologia Passaporto Midterm ortodossia Jabloko Moldavia Cina Estonia Clima Armi Ricostruzione Siria climate change Conte Kiev sondaggi elettorali Roma Unione Europea Afghanistan sport Kortezh settore estrattivo Chiesa ortodossa Democrazia Università Vladimir Žirinovskij tradizioni ISIS internet liberalismo TANAP influenza Asia Centrale S-400 Guerra fredda Russia doping Costituzione Russa gas elezioni presidenziali nazismo Russiagate Giornalismo inchiesta Flame Towers società Calcio Vedemosti Eco Internazionale elezioni presidenzali Donbass LDPR Unione sovietica Egitto Tripoli #obor RussiaToday K-19 Austria Finlandia reportage Curili Romanov