12 Giugno, la “Giornata della Russia”

12 Giugno, la “Giornata della Russia”

​Eccoci alla prima puntata della nostra nuova rubrica Smolensk. Vi starete chiedendo il perchè di questo nome. Se si eccettuano le grandi città, Smolensk è uno dei pochi centri capaci di rievocare l'intero arco della storia russa, dall'Alto Medioevo all'inquietante disastro aereo del 2010 in cui perse la vita il presidente polacco, passando per le invasioni e le distruzioni in epoca napoleonica e sovietica da parte di francesi e tedeschi. Smolensk ha pagato a caro prezzo la sua posizione intermedia con l'Europa, che poteva trasformarla in un ponte e invece più spesso è stata foriera di conflitti. In questo rappresenta pienamente la storia della Russia e della sua tensione irrisolta con il continente europeo.


Dal 1992 in Russia in questa data si festeggia l'autodeterminazione dall'Unione Sovietica conosciuta come "Festa dell'Indipendenza", allorché nel giugno 1990 si realizzò il primo Congresso con i deputati del popolo russo e si votò la "Dichiarazione di Sovranità Statale della RSFSR (Repubblica Socialista Federativa Sovietica Russa)" che ha dato vita al processo che porterà al pieno raggiungimento della sovranità statale.

In seguito all'infausto (e maldestro) tentativo di colpo di stato del "Comitato statale per lo stato di emergenza" composto da fautori della linea dura contro le aperture di Gorbachev, iniziò un processo che, indebolendo il già gerontocratico e fragile sistema socialista, portò inevitabilmente al crollo del moloch sovietico e alla formazione delle attuali repubbliche indipendenti. Il protagonista del contro golpe e figura di riferimento nel marasma generale fu ovviamente l'istrionico Boris Eltsin che, ponendosi alla testa dei cittadini moscoviti, contribuì al fallimento del sollevamento rafforzando decisamente la sua figura in vista delle elezioni presidenziali e permettendogli di tenere le redini del potere fino alle plateali dimissioni che portarono al potere un misconosciuto ex membro del KGB e suo fedelissimo, Vladimir Putin.

Ma cosa significa per i russi questa data? E una giornata espressione di un forte patriottismo o al pari di altre commemorazioni è solamente un motivo per giovarsi di un giorno di vacanza e godere delle numerose opportunità ludiche patrocinate dal governo? Puntualmente l'opinione pubblica si divide fra chi (i più anziani) memore dei fasti sovietici, considera la ricorrenza l'inutile celebrazione di un evento sciagurato e chi (i più giovani) approfittano della giornata per manifestare il proprio patriottismo e celebrare l'inizio di un processo di ritrovata unità e orgoglio nazionale; anche se non mancano casi in cui l'opinione pubblica riserva delle sorprese. Sull'argomento si è espresso lo stesso Vladimir Putin, il 12 giugno 2001, in un discorso tenuto al Cremlino: "con questo documento si segna l'inizio della nostra storia moderna, la storia di uno Stato democratico basato sulle libertà civili e dello Stato di Diritto. Il suo principale obiettivo è la prosperità ed il benessere dei cittadini". 

"con questo documento si segna l'inizio della nostra storia moderna, la storia di uno Stato democratico basato sulle libertà civili e dello Stato di Diritto. Il suo principale obiettivo è la prosperità ed il benessere dei cittadini".

Vladimir Putin

​Prendendo in esame i sondaggi emergono varie opinioni in merito al significato di questo anniversario per la cittadinanza, VTsIOM (una delle principali società di ricerca sociologica e di mercato della Russia) ha comunicato che nel 2006 il 32% degli intervistati definiva il 12 giugno "Festa della Russia" e il 31% "Festa dell'indipendenza della Russia"; ma un altro 31% riteneva che la Dichiarazione di sovranità non solo non aveva dato alla Russia alcuna sovranità, ma le aveva tolto anche quella che le aveva dato a suo tempo l'Unione Sovietica indebolendo ulteriormente il tessuto sociale e economico del paese. Prendendo in esame il Levada Center: il 13% dei russi ritiene che tale "indipendenza" sia andata "sicuramente a vantaggio della Russia" e il 43% "probabilmente a vantaggio", mentre il 14% pensa che abbia "piuttosto svantaggiato" e il 7% "sicuramente svantaggiato" la Russia. La transizione dal sistema socialista ad un economia globalizzata ha lasciato tracce dolorose nel tessuto sociale russo costringendo il paese a anni di difficile riconversione e eclissi forzata dal panorama internazionale ma la nuova postura geopolitica nonché le spregiudicate mosse trasversali dell'abile leadership politica regalano qualche flebile speranza ai cittadini nonostante gli atavici problemi strutturali del colosso russo siano parecchio lontani dall'essere risolti.

I padroni di casa e le speranze mondiali
Putin ha davvero snobbato l’invito di Trump al G7?

Related Posts

 

Comments (0)

There are no comments posted here yet

Leave your comments

  1. Posting comment as a guest. Sign up or login to your account.
Attachments (0 / 3)
Share Your Location

Iscriviti alla nostra Newsletter

Tag Cloud

Siberia Spagna Zelenskij Uzbekistan Austria export armi Proteste Partito del Progresso Panslavismo rivoluzioni colorate Flame Towers Economia nazismo Regime Change PIL Islam Europa K-19 Corea del Sud ingerenze russe PCUS Akinfeev Minchenko Group Consulting spesa militare autocefalia gas Ecologia gay incidente Ucraina Asia lago Bajkal Mediterraneo Putin Merkel lingua ortodossia Michele I Maxim Surajkin Grande Gioco Protocollo di Minsk estrema destra Russia Unita Arabia Saudita HIV Golunov Politica Unione OPK proteste in Russia Pavel Grudinin Abcasia Grigorij Javlinskij SCO Kyrgyzstan cultura Salman Sorge Siria Cernenko Sanzioni Vaticano Egitto Jabloko Usa Gazprom Baltico Cripto Valley Transnistria Pubblicazioni Mar Baltico Pashinyan crisi Beirut inchiesta Sondaggi Diritti umani opinione pubblica 1941 Ossezia del Sud Gibilterra Russia Welfare Georgia anti-liberalismo Turchia bitcoin liberalismo Costituzione Russa zar Ricostruzione rivoluzione di velluto Macedonia Giovani boicottaggio SGC antiterrorismo Pensioni Oriente comunismo Gorbačëv Azerbaigian Lituania propaganda Occidente WCIOM FSB SergeJ Skripal Estonia tradizioni Casa Bianca Difesa Trident Juncture 2018 Patriarca Kirill Levada Runet Società trattato di pace Tagikistan opposizione politica spese militari #economia climate change TANAP via della seta Papa Francesco Battaglie storiche Nato Smolensk dazi americani Brest-Litovsk Marina nazionalismo cooperazione Zurabishvili LGBT esercito Libia Ungheria Ara Unione Europea Riforme politica estera Artico nucleare eroina Azerbaijan caso Skripal Finlandia #russia Passaporto Donbass #sanzioni Midterm Clima età dei torbidi #cina russofobia RussiaToday Montenegro migranti Stalin Guerra Francia Pietro il Grande Sobčak Aleksej Naval'nyj #obor candidati Chiesa ortodossa influenza diritti Vladimir Putin migrazioni Storia geopolitica incendio Krasnodar terrorismo Mare Anatolij Sobčak Serbia Kazakistan Lettonia Italia Mare del Nord Kortezh Unione sovietica Skripal Mondiali 2018 Africa Partito Comunista LIbano Cittadinanza troll Kerč’ Nigeria reportage Giornalismo Rosatom religione Federazione Russa Gas naturale Lavrov Caspio Trump Vladimir Žirinovskij Caucaso gasdotto URSS #asiacentrale imperialismo Astana G8 Kim Idlib monarchia ISIS Arkadij Babcenko Eltsin Stati Uniti Poroshenko Kuznetsov Armi Krymskij most Afghanistan Poltava FIFA Helsinki Power of Siberia Gennadij Zjuganov Democrazia ISP Venezuela Franco Germania minoranza Reagan Eco Internazionale Armenia Ambiente inquinamento Russiagate Macron opposizioni Theresa May Guerra fredda Parigi partiti Turkmenistan Vostok18 El'cin Sputnik Business Russia elezioni presidenziali Demografia Chiesa Ortodossa Russa estremismo Asia centrale Corea Rosneft Mondiali TAP Asia Centrale UE WC2018 Bielorussia energia Balcani settore estrattivo spie Crimea Ilham Aliyev nord stream DNS Cina G7 tossicodipendenza Saakashvili Rocchelli S-400 sondaggi elettorali Dmitrij Medvedev Vladimir Putini green energy Kiev Olocausto San Pietroburgo Markiv stalinismo Nikita Chruščëv Soft power Prigožin elezioni presidenzali Assad Tajikistan criptovalute Svezia Nagorno-Karabakh corruzione #commercio Cipro politiche energetiche Paesi Baltici Sergej Baburin Sicurezza Cecenia Moldavia scenari politici Romanov Cronache di viaggio scramble for Africa Curili rete Baku Medio Oriente Giappone LDPR Russkij Mir Disarmo PCFR elezioni Cherchesov Boris Titov Peredača Ksenija Sobčak Iran Roma Israele INF Conte Kirghizistan #silkbeltroad Calcio Diplomazia Cremlino Vedemosti Aral russkaja ulica governo russo Naval'nyj Università internet Relazioni internazionali società soft power Mosca