Putin ha davvero snobbato l’invito di Trump al G7?

Putin ha davvero snobbato l’invito di Trump al G7?

"Attualmente siamo concentrati su altri format": la sufficienza e la freddezza con cui il portavoce del Cremlino Dimitrij Peskov ha reagito alle parole di venerdì di Trump (relative a un possibile ritorno della Russia nel consesso dei Grandi, ndr) forse avranno stupito qualcuno, ma non devono ingannare: rappresentano un bluff che non può durare a lungo. E infatti si è già manifestata nelle ultime ore la volontà del presidente russo di incontrare al più presto il suo omologo americano, probabilmente a Vienna, capitale neutrale peraltro appena visitata da Putin. Un'occasione per definire i dettagli strategici del piano di rientro della Russia, o quantomeno un tentativo per ristabilire una fiducia tra i due leader fino ad oggi altalenante.

Al Cremlino l'orgoglio e la prudenza la fanno da padroni, dati i precedenti ma anche la realtà odierna delle sanzioni; tuttavia se l'ipotesi della riammissione nel Club dovesse mai superare gli scogli europei (oltre a quelli interni all'amministrazione americana) e apparire realistica, la Russia non perderebbe di certo l'opportunità di sfruttarla.

L'occasione di un ritorno al G8 è infatti ghiotta per almeno due motivi.

Uno degli obiettivi principali della politica estera della Russia di Putin è il mantenimento (Consiglio di Sicurezza ONU, BRICS) o inserimento (si pensi al Medio Oriente: gruppo di Astana e mediazione nel conflitto israelo-palestinese) nei circoli diplomatici che contano di più, per dimostrare la validità del proprio status di potenza globale. Il G7/G8 è forse il più importante di tutti, oltre che una delle poche sponde dirette per un dialogo con l'Occidente. Se le sopra citate parole di Peskov fossero sincere, non si capirebbe bene a quali "altri format" di livello paragonabile la Russia sarebbe così affezionata. Forse il riferimento voluto è al G20, in ossequio al perseguimento di un multipolarismo adottato a Mosca ormai da anni, ma è chiaro a tutti come l'estensione di un Club di potenze sia inversamente proporzionale al suo prestigio.

Vi è anche un'altra ragione per cui la riammissione della Russia al G8 sarebbe una sirena irrinunciabile per Putin: il fatto costituirebbe un pesante passo indietro per l'Europa e al tempo stesso una vittoria diplomatica inequivocabile per Mosca. La Russia infatti otterrebbe sia il riconoscimento de facto dell'annessione della Crimea, in barba alle dichiarazioni di principio in cui finora si sono profusi i leader UE, sia un successo economico e politico nella resistenza alle sanzioni, che in uno scenario del genere verrebbero sicuramente meno.

Proprio per questi motivi, comunque, il percorso non sarà né breve né facile. L'opposizione europea, fomentata dal pregiudizio per le dichiarazioni politiche di Trump in seguito agli attriti sui dazi commerciali, potrebbe farsi più dura e intransigente del previsto, e costituire dunque un ostacolo insormontabile per una ripresa del dialogo ai massimi livelli con Mosca. L'Italia, benché forse più determinata che in passato nel rompere lo schema delle sanzioni, non sembra ancora nelle condizioni di poter imporre la propria voce in Europa. E dal canto suo lo stesso Trump deve fare i conti con la propria amministrazione, in grandissima parte ostile a una qualsiasi forma di riavvicinamento con la Russia, com'è noto.

La cautela di Putin è quindi più che giustificata.


12 Giugno, la “Giornata della Russia”
Visti dal Cremlino

Related Posts

 

Comments (0)

There are no comments posted here yet

Leave your comments

  1. Posting comment as a guest. Sign up or login to your account.
Attachments (0 / 3)
Share Your Location

Iscriviti alla nostra Newsletter

Tag Cloud

RussiaToday UE Helsinki Giornalismo estremismo Moldavia K-19 settore estrattivo nord stream imperialismo Lettonia ortodossia Rosneft Donbass Anatolij Sobčak diritti società Difesa Riforme Maxim Surajkin Russia Unita Asia Mondiali 2018 El'cin Boris Titov Cina Sobčak Dmitrij Medvedev Sorge Saakashvili Kirghizistan Relazioni internazionali Mosca crisi Peredača Corea Tagikistan Israele Mondiali Levada Islam Flame Towers zar Usa PCFR anti-liberalismo Passaporto Gibilterra lingua #sanzioni Asia Centrale Caucaso Aleksej Naval'nyj antiterrorismo Midterm Kiev Eltsin Lavrov 1941 Franco troll #russia gasdotto Brest-Litovsk Soft power ISP elezioni Asia centrale Business Russia Armi Chiesa ortodossa Gennadij Zjuganov caso Skripal Libia Power of Siberia Balcani Runet Pavel Grudinin Ungheria Battaglie storiche Ricostruzione WCIOM Eco Internazionale SCO Olocausto Russkij Mir Calcio Azerbaigian #commercio criptovalute religione Reagan Sanzioni rivoluzione di velluto Trump influenza DNS Nikita Chruščëv Kyrgyzstan opinione pubblica comunismo S-400 nazionalismo Minchenko Group Consulting monarchia SergeJ Skripal Uzbekistan Smolensk candidati TAP Zelenskij San Pietroburgo esercito Welfare Spagna #cina Prigožin Ucraina propaganda Jabloko liberalismo Europa green energy TANAP Golunov Grande Gioco Patriarca Kirill politiche energetiche cultura Partito Comunista Bielorussia Grigorij Javlinskij Macedonia Egitto Mare del Nord Russiagate corruzione rete Stalin Akinfeev Cherchesov Turchia Cronache di viaggio Merkel Theresa May Mar Baltico #asiacentrale reportage Tajikistan elezioni presidenzali Arkadij Babcenko Giovani rivoluzioni colorate partiti Cittadinanza boicottaggio proteste in Russia Svezia internet Cecenia Diplomazia Regime Change Sputnik Krasnodar scramble for Africa Serbia tradizioni Paesi Baltici Nagorno-Karabakh Kortezh russkaja ulica Oriente Putin Demografia trattato di pace inchiesta Trident Juncture 2018 Cernenko Poroshenko Vladimir Žirinovskij Naval'nyj PIL Germania Stati Uniti ISIS Italia Pensioni G7 Vladimir Putin politica estera Turkmenistan terrorismo Democrazia Afghanistan Arabia Saudita Protocollo di Minsk Pashinyan export armi #silkbeltroad Guerra Pietro il Grande LDPR Astana Unione sovietica Pubblicazioni Idlib estrema destra Austria Macron Unione Crimea Corea del Sud energia FIFA #obor Ilham Aliyev Poltava Finlandia gay LGBT Armenia bitcoin Panslavismo spesa militare Salman opposizione politica HIV Gorbačëv sondaggi elettorali via della seta geopolitica Kerč’ PCUS Zurabishvili Casa Bianca Diritti umani russofobia Kim spie soft power Cremlino scenari politici FSB nazismo Venezuela Kuznetsov #economia Africa Nigeria Assad Mediterraneo governo russo OPK tossicodipendenza opposizioni Guerra fredda Sergej Baburin elezioni presidenziali Partito del Progresso Vladimir Putini Baku Iran migranti Azerbaijan WC2018 G8 Politica Costituzione Russa Ara Vedemosti Siria Georgia INF Skripal Kazakistan Economia Medio Oriente Francia eroina Unione Europea Vostok18 SGC Cripto Valley Società gas Romanov nucleare minoranza età dei torbidi Storia stalinismo Rosatom ingerenze russe Sondaggi Krymskij most Sicurezza Gazprom Transnistria Gas naturale spese militari Occidente Michele I URSS dazi americani Caspio Ksenija Sobčak Nato Montenegro Proteste Russia Federazione Russa Chiesa Ortodossa Russa Disarmo