I padroni di casa e le speranze mondiali

I padroni di casa e le speranze mondiali

Russia 2018 è alle porte e da Kaliningrad a Vladivostok tutti gli occhi sono puntati sui padroni di casa. Tifo, passione e aspettative si mescolano nella speranza di tenere alto l'onore calcistico della Federazione.

Nell'ultimo sondaggio del Levada-Centr, il 57% dei tifosi russi preferisce ottenere il risultato al "bel gioco" (37%). Effettivamente, guardando al percorso di avvicinamento al Campionato del Mondo della Nazionale russa, di "bel gioco" se ne è visto ben poco, ma anche i risultati non sono stati così entusiasmanti.

2 vittorie, 1 pareggio, 5 sconfitte. Questo è il resoconto finale degli 8 incontri amichevoli della Nazionale di calcio russa, dall'eliminazione ai Campionati Europei di Francia 2016 agli imminenti Mondiali. Da sottolineare la portata degli unici successi, che sono arrivati contro la Nuova Zelanda (2-0) durante la consueta Confederations Cup 2017, "prove generali" per l'organizzazione del Paese ospitante la Coppa del Mondo, e contro la Dinamo Mosca (3-0) in un'amichevole pre-campionato. L'unica gara terminata in parità è stata l'ultima prima del grande evento, il 5 giugno contro la Turchia (1-1) che, come noi, guarderà i Mondiali dal divano di casa. 

Le sconfitte degli Orsi (Mедведи) sono arrivate contro avversari senza dubbio superiori, come Francia (1-3) e Brasile (0-3), ma anche contro compagini più abbordabili, come Portogallo (0-1), Messico (1-2) ed Austria (0-1). Anche la differenza reti finale è negativa: -3, frutto di 8 gol segnati e 11 subiti.

Un ruolino di marcia tutt'altro che esaltante, che spinge al ribasso le scommesse sulla squadra di casa, le cui realistiche aspettative si fermano al semplice passaggio della fase a gironi.

Sulla carta, il sorteggio è stato molto benevolo con la Russia ed il calendario può agevolare il suo percorso. Arabia Saudita (14 giugno a Mosca) ed Egitto (19 giugno a San Pietroburgo) sono avversari assolutamente alla portata dei russi, che dovranno a tutti i costi fare punteggio pieno contro i verdi sauditi e bloccare l'acciaccato ma temibile attaccante dei Faraoni Mohamed Salah. 6 punti nelle prime due partite sono un pass piuttosto sicuro per gli ottavi. L'Uruguay di Cavani e Suarez lotterà per il primo posto nel girone A e sembra il favorito.


Il Commissario Tecnico della Russia, Stanislav Čerčesov

​A guidare la spedizione russa ci sarà il C.T. Stanislav Čerčesov, baffuto ex-portierone degli anni '90 e bandiera di Spartak Mosca e Tirol Innsbruck. Dopo l'ottimo double campionato-coppa in Polonia con il Legia Varsavia, nel 2016 è stato chiamato a sostituire Leonid Sluckij dopo il fiasco totale nell'Europeo francese (3 sconfitte, 0 punti). La Federazione calcistica russa gli ha affidato il difficile compito di costruire basi solide per il futuro della Selezione nazionale, dopo che negli ultimi dieci anni sono stati dilapidati i traguardi raggiunti dai ragazzi di Euro2008 (semifinale). Tra le tante difficoltà, non si può dire che finora la squadra russa abbia convinto.

Igor Akinfeev e Sergej Ignaševič, colonne della Nazionale e del CSKA Mosca

Capitano e stella dell'undici russo è il portiere Igor Akinfeev. 106 presenze in Nazionale e bandiera del CSKA Mosca, in cui ha sempre militato fin dalle giovanili e con cui ha vinto 19 trofei, Akinfeev ha qualità ed esperienza da vendere, anche se spesso non garantisce continuità e sicurezza, alternando prestazioni eccellenti ad errori piuttosto clamorosi. Alle sue spalle il secondo Andrej Lunëv (Zenit San Pietroburgo) e Vladimir Gabulov (Club Brugge).

Il lavoro di Akinfeev sarà molto impegnativo, soprattutto perché la difesa rappresenta il punto debole della squadra. Dopo il ritiro del pilastro Berezutskij, toccherà al 38enne Sergej Ignaševič (recordman di presenze in Nazionale) dispensare ordini e gestire le nuove leve. Tra i nomi da sottolineare, Mario Fernandes (brasiliano del CSKA, naturalizzato russo nel 2016), Il'ja Kutepov (Spartak Mosca), Fëdor Kudrjašov (Rubin Kazan') e Igor Smolnikov (Zenit San Pietroburgo), che si contenderanno i posti rimanenti nella difesa a 3.


La divisa della Russia per i Mondiali 2018, che riprende la trama di quella della CSI a Euro'92

È infatti il 3-5-2 il modulo prediletto da mister Čerčesov, che impegna una massiccia dose di uomini a centrocampo e richiede particolare sforzo ai laterali. Sulle fasce spiccano i nomi del veterano Jurij Žirkov (Zenit San Pietroburgo) e di Aleksandr Samedov (Spartak Mosca), ma la punta di diamante è sempre Alan Dzagoev (CSKA Mosca). Eterna promessa del calcio russo ed erede designato di uno degli ultimi fenomeni russi Andrej Aršavin, spetterà ancora a lui il compito di costruire il gioco in mezzo al campo e velocizzare la manovra degli Orsi.

Infine l'attacco, che ha come unica certezza il numero 10 Fëdor Smolov (Krasnodar). Di veri e propri attaccanti di ruolo tra i convocati figura solamente Artëm Dzjuba (Arsenal Tula), per cui il reparto offensivo si modellerà di volta in volta attorno al 10, accostandogli Dzjuba o, come già fatto spesso, qualche centrocampista offensivo, come Aleksandr Golovin (CSKA Mosca) o i gemelli Mirančuk, Aleksej e Anton (entrambi alla Lokomotiv Mosca).

Una rosa non giovanissima (età media 28 anni), che però necessita di rafforzare la sua struttura e la sua ossatura. La carenza di "bel gioco" o di risultati si può spiegare con il periodo di transizione vissuta dalla Selezione nazionale; rimasti pochissimi elementi della "vecchia guardia", Čerčesov dovrà gestire al meglio l'inserimento di nuovi elementi al fianco di giocatori di una certa caratura ed esperienza. Se guardiamo la lista dei convocati, ben 15 atleti su 23 hanno meno di 20 presenze con la maglia della Nazionale e i più giovani hanno potuto formarsi solamente nelle poco esaltanti amichevoli preparatorie.

Consapevoli dei problemi e dei limiti del calcio espresso dalla squadra russa, non resta che augurare ad Akinfeev e compagni buona fortuna per questo evento, carico di aspettative, tensione e responsabilità. 

Удачи!
Guida al Girone A – “La Russia in Medio Oriente”
12 Giugno, la “Giornata della Russia”
 

Comments (0)

There are no comments posted here yet

Leave your comments

  1. Posting comment as a guest. Sign up or login to your account.
Attachments (0 / 3)
Share Your Location

Iscriviti alla nostra Newsletter

Tag Cloud

Vedemosti Russia Tajikistan Unione sovietica Grigorij Javlinskij Spagna Pensioni nazismo politiche energetiche Kerč’ Sicurezza Crimea eroina Gennadij Zjuganov Ilham Aliyev Gorbačëv Stati Uniti Minchenko Group Consulting Passaporto Turchia Pubblicazioni troll Theresa May Idlib età dei torbidi Gas naturale WCIOM stalinismo Turkmenistan Trident Juncture 2018 spesa militare Regime Change Italia corruzione estremismo Stalin bitcoin Naval'nyj Diplomazia Moldavia nucleare Sondaggi PCUS Gibilterra partiti Zurabishvili Libia Prigožin DNS Cremlino FSB Krasnodar caso Skripal Baku Panslavismo religione Power of Siberia Vostok18 opposizioni internet Azerbaijan G8 Difesa Pavel Grudinin Federazione Russa Politica Società ISP elezioni presidenzali Diritti umani rete 1941 scenari politici Romanov Nigeria Bielorussia Olocausto Corea del Sud Asia russkaja ulica Mare del Nord Peredača Anatolij Sobčak Armenia via della seta Israele Francia Mar Baltico Zelenskij Azerbaigian Pietro il Grande boicottaggio Caspio settore estrattivo Reagan Rosneft comunismo trattato di pace Astana Runet Kortezh Nato Proteste Finlandia Russia Unita Partito del Progresso Chiesa ortodossa Sergej Baburin rivoluzioni colorate Arabia Saudita liberalismo Relazioni internazionali Georgia Cherchesov Eco Internazionale antiterrorismo Helsinki Mondiali Siria K-19 Sorge Poroshenko Partito Comunista Trump Economia Nagorno-Karabakh rivoluzione di velluto Merkel spese militari UE Ucraina Battaglie storiche Business Russia Soft power El'cin Balcani Costituzione Russa spie scramble for Africa G7 propaganda Akinfeev Aleksej Naval'nyj Tagikistan opinione pubblica inchiesta Islam dazi americani Cecenia Protocollo di Minsk Eltsin Poltava Sanzioni elezioni Vladimir Žirinovskij tossicodipendenza Medio Oriente Mosca Gazprom Unione Mondiali 2018 Africa Lettonia Salman Welfare Occidente Armi WC2018 Maxim Surajkin Corea SGC Lavrov RussiaToday Calcio Krymskij most Kuznetsov terrorismo energia Franco Usa Flame Towers Cronache di viaggio minoranza gasdotto proteste in Russia monarchia export armi HIV imperialismo Venezuela Cina soft power INF Midterm estrema destra ISIS LDPR Jabloko San Pietroburgo Kazakistan LGBT Mediterraneo Riforme OPK Uzbekistan URSS Democrazia Germania Iran ingerenze russe geopolitica Afghanistan Levada Putin SergeJ Skripal opposizione politica green energy Svezia nazionalismo zar influenza Sobčak lingua gay Vladimir Putini Caucaso Transnistria Russkij Mir Pashinyan Grande Gioco gas Macron russofobia nord stream Arkadij Babcenko PIL Giovani reportage Donbass Unione Europea Chiesa Ortodossa Russa anti-liberalismo politica estera Vladimir Putin SCO Smolensk Austria Guerra fredda Europa Brest-Litovsk Asia Centrale TAP Michele I esercito Cernenko Skripal S-400 sondaggi elettorali Paesi Baltici Russiagate Egitto Disarmo Dmitrij Medvedev Oriente Kiev PCFR governo russo Nikita Chruščëv criptovalute Saakashvili Kim Ungheria diritti Demografia Sputnik Boris Titov TANAP Patriarca Kirill Casa Bianca Storia FIFA Kirghizistan elezioni presidenziali candidati migranti Ksenija Sobčak Assad Cripto Valley Cittadinanza ortodossia