Nel segno della continuità

Nel segno della continuità

La settimana scorsa è stata ufficializzata da Medvedev la nuova squadra di governo che guiderà la Russia per i prossimi anni.

Già da una prima occhiata alla lista, appare subito evidente la volontà di preservare gli assetti di potere: la maggior parte dei più importanti ministri è stata mantenuta. Tra di essi, Lavrov (Esteri), Šojgu (Difesa), Kolokol'cev (Interni), Manturov (Economia e Commercio), Oreškin (Sviluppo economico), Topilin (Lavoro), Novak (Politiche energetiche), Konovalov (Giustizia); il ministro delle Finanze Siluanov è stato promosso vicepremier. Le sole novità riguardano Ziničev e Patrušev, nominati rispettivamente ministro per gli Stati d'Emergenza e ministro per le Politiche Agricole.

Le possibilità di attuare le riforme strutturali tanto attese (innovazione economica, welfare, sanità, istruzione) non è automaticamente disattesa dalla riconferma di questa configurazione, però certamente si allontana. Nemmeno nella strategia internazionale della Russia dovrebbero esserci sorprese: il duo Lavrov-Šojgu continuerà a lavorare nonostante il primo dei due abbia già manifestato qualche segnale di stanchezza.

Si può pensare che queste scelte rappresentino un premio per il buongoverno degli anni precedenti. Ciò tuttavia è solo parzialmente vero: basti pensare al caso dello stesso Medvedev .

La possibilità di attuare le riforme strutturali tanto attese non è automaticamente disattesa dalla riconferma di questa configurazione, però certamente si allontana.

Parafulmine istituzionale del malcontento popolare, Medvedev ha avuto un rapporto conflittuale con i deputati della Duma di tutti i partiti, compreso il proprio, e in alcune fasi (in particolare all'inizio del suo mandato del 2012) ha dovuto pure subire i fendenti di Putin, ai quali peraltro non ha mai risposto. L'isolamento a cui è andato sempre più incontro, coinciso con l'allontanamento o l'arresto dei suoi più stretti sostenitori (primo fra tutti Anton Ivanov, Presidente della Corte Suprema di Arbitrato fino al 2013, anno della sua soppressione) ha sicuramente ridotto, anche se non annullato, le possibilità di un suo avanzamento di carriera.

Conosciuto nel mondo per il suo spirito moderatamente innovatore, almeno per quel che ha potuto mostrare durante la sua breve presidenza (2008-2012), Medvedev continua ad essere incastrato in un ruolo difficile, privo di popolarità così come dell'autonomia necessaria per imprimere il proprio carattere. Soggetto ai veti presidenziali così come a quelli delle grandi compagnie di stato, che ne hanno spesso influenzato l'azione politica e legislativa, il premierato non è tra i posti più ambiti in Russia. Il CEO della Rostec Sergej Čemezov, di fronte alla prospettiva di prendere il posto di Medvedev, alla fine del 2017 avrebbe esclamato "Dio non voglia!".

Secondo un'analisi del Carnegie Center di Mosca, l'insistenza di Putin nel mantenerlo in questa posizione non deriverebbe tanto dalla stima nei suoi confronti, bensì dal timore che al di fuori della sua cerchia Medvedev possa rappresentare un pericolo. Una possibilità oggi remota anche per via della generale ritirata dei liberali in Russia, ma la previdenza del presidente è proverbiale: il suo quarto ed ultimo mandato è troppo delicato per poter produrre esperimenti. Un governo rodato, guidato dal morbido (finché leale) Medvedev, è la migliore tattica per disinnescare sorprese interne


Ai confini d'Europa: l'Ucraina a cavallo tra due s...
Putin – Merkel: energia, commercio e molto altro.....

Related Posts

 

Comments (0)

There are no comments posted here yet

Leave your comments

  1. Posting comment as a guest. Sign up or login to your account.
Attachments (0 / 3)
Share Your Location

Iscriviti alla nostra Newsletter

Tag Cloud

Brest-Litovsk Mar Baltico ortodossia imperialismo tossicodipendenza Stalin Sondaggi G7 via della seta TAP Kiev soft power Usa Nagorno-Karabakh Arabia Saudita Economia Kazakistan Zelenskij Cherchesov Kyrgyzstan Storia Passaporto Nigeria Moldavia Soft power società WCIOM Relazioni internazionali PCUS eroina Asia centrale Gennadij Zjuganov influenza Russkij Mir spesa militare geopolitica Gorbačëv K-19 Caucaso politiche energetiche Germania SGC Vladimir Žirinovskij Saakashvili Europa Africa Trump Helsinki Calcio Partito Comunista religione #economia liberalismo Costituzione Russa Minchenko Group Consulting Unione sovietica Regime Change Grande Gioco proteste in Russia PIL Pietro il Grande Protocollo di Minsk Pubblicazioni Giornalismo Stati Uniti nucleare elezioni presidenzali bitcoin Russia Unita Vostok18 Business Russia Corea Battaglie storiche Montenegro #obor energia 1941 Unione Europea Lavrov Assad Ungheria Islam zar Golunov SergeJ Skripal elezioni Ucraina Pashinyan candidati scramble for Africa politica estera Transnistria spie Cripto Valley Mondiali 2018 Gibilterra Pavel Grudinin russkaja ulica Sanzioni ingerenze russe Casa Bianca Prigožin Olocausto #russia opposizione politica inchiesta Serbia internet FSB scenari politici Crimea Riforme Unione Società nazismo Armi corruzione Ricostruzione Partito del Progresso Francia opposizioni boicottaggio Guerra trattato di pace San Pietroburgo troll Proteste Salman settore estrattivo migranti Russiagate Italia Diritti umani Putin Sputnik dazi americani Cronache di viaggio Tagikistan Grigorij Javlinskij Idlib caso Skripal Runet esercito Nato Macron gas Donbass Panslavismo S-400 età dei torbidi Turkmenistan lingua spese militari TANAP Gazprom Spagna Tajikistan Cremlino INF URSS DNS Bielorussia Kerč’ RussiaToday stalinismo gasdotto Kim Caspio Poroshenko propaganda gay Disarmo Aleksej Naval'nyj rete Cina Zurabishvili diritti Demografia Vedemosti Flame Towers Mosca Russia Cecenia #silkbeltroad Uzbekistan Venezuela governo russo Rosneft Mondiali Giovani Naval'nyj WC2018 Franco Siria Patriarca Kirill Lettonia SCO Occidente Chiesa Ortodossa Russa Michele I cultura Sorge Akinfeev Ilham Aliyev El'cin Difesa PCFR HIV Georgia Dmitrij Medvedev Merkel Azerbaijan estremismo criptovalute Poltava G8 Cernenko Baku Ksenija Sobčak rivoluzioni colorate Balcani elezioni presidenziali Armenia Federazione Russa Finlandia terrorismo Egitto Medio Oriente Kirghizistan Iran Astana monarchia Libia Vladimir Putin antiterrorismo rivoluzione di velluto Paesi Baltici UE FIFA sondaggi elettorali Rosatom opinione pubblica Azerbaigian comunismo Democrazia Politica nazionalismo Anatolij Sobčak Boris Titov Romanov Guerra fredda partiti Oriente Kortezh Eltsin anti-liberalismo Kuznetsov Theresa May Midterm Israele Eco Internazionale Sergej Baburin LGBT Mare del Nord Gas naturale Diplomazia reportage Asia Macedonia Turchia ISP Austria Ara russofobia #cina Chiesa ortodossa Krymskij most green energy Pensioni #asiacentrale Smolensk Nikita Chruščëv tradizioni minoranza Krasnodar Maxim Surajkin Asia Centrale #commercio #sanzioni Reagan Afghanistan Sobčak LDPR export armi Jabloko Power of Siberia Svezia Sicurezza Arkadij Babcenko Cittadinanza Trident Juncture 2018 ISIS Vladimir Putini Welfare Mediterraneo Peredača estrema destra nord stream crisi OPK Skripal Corea del Sud Levada