Nella Russia delle sanzioni, è vietato rispettare la legge

Nella Russia delle sanzioni, è vietato rispettare la legge
Fino a 4 anni di carcere per chi rispetta la legge.

Da un punto di vista squisitamente giuridico, quanto appena affermato potrebbe apparire come un'antinomia bella e buona, per non dire un nonsenso logico; vanno pertanto allegati due elementi essenziali, che restituiscono al discorso un'aurea di coerenza, almeno parzialmente.
Il primo è che siamo in Russia, mentre il secondo è che la legge da (non) rispettare è quella made in USA, e più precisamente la legislazione del Congresso federale relativamente alle sanzioni contro Mosca e gli accoliti del Presidente Vladimir Vladimirovič Putin, cioè la crème de la crème dell'imprenditoria russa.

Un recente progetto di legge presentato alla Duma di Stato – che in Russia equivale alla camera bassa del parlamento – prevede difatti dure sanzioni nei confronti di qualsiasi persona fisica ed azienda che si rifiuti di fare affari con le imprese russe per rispetto delle sanzioni statunitensi (ed europee), bastando anche la sola probabilità che la motivazione sia la suddetta. Le sanzioni statunitensi, in particolare, includono l'ultimo pacchetto di misure di contrasto a Mosca ed ai suoi oligarchi, approvate dal Congresso il 6 aprile scorso per le presunte ingerenze del Cremlino nelle elezioni presidenziali del 2016 – quelle che hanno incoronato il magnate newyorkese Donald J. Trump – nonché per ulteriori "attività maligne", una vera e propria clausola residuale.

Putin e Medvedev alla cerimonia di deposizione della corona sulla tomba del milite ignoto (kremlin.ru)

Le aziende medio-grandi ora si trovano nella poco felice situazione di scegliere "da che parte stare", quasi a voler dare una sfumatura politica anche al business ed al danaro

Come insegna la storia, però, a Mosca non sono mai stati particolarmente propensi a darsi per vinti. Così, il Primo Ministro Dmitrij Medvedev, fresco di conferma come premier dopo la recente rielezione di Putin, non solo non ha deciso di lasciare, ma ha raddoppiato, proponendo un disegno di legge che colpisce in una duplice direzione: da una parte, si intende dare un segnale forte alla Casa Bianca ed a Capitol Hill che Mosca ha intenzione di vendere cara la pelle, e che può parlare da pari a pari con il supergigante americano; dall'altra, lancia un avvertimento ai suoi stessi concittadini, ed in particolar modo a quelle aziende medio-grandi, che ora si trovano nella poco felice situazione di scegliere "da che parte stare", quasi a voler dare una sfumatura politica anche al business ed al danaro, che dai colori politici solitamente preferiscono tenersi lontani.

Ben si può comprendere, allora, come una delle prime alzate di scudi sia provenuta dall'Unione russa degli industriali e degli imprenditori, che si è scagliata contro il provvedimento, per i "rischi di irragionevole perseguimento penale di cittadini russi e stranieri, restrizioni nella collaborazione con investitori stranieri, riduzione dell'interesse ad investire in Russia" nonché in un più generale "peggioramento del clima imprenditoriale".

A ben vedere, il perseguimento penale non è di poco conto, dato che le sanzioni sembrano volutamente draconiane: si va da una mera multa pecuniaria di 600.000 rubli (che, a cambio vigente, corrispondono a circa 8.300 euro) al pignoramento dei salari per 4 anni, per finire con 4 anni di carcere. Peraltro, la seconda parte della disposizione prevede pene fino a 3 anni di carcere ed una multa di massimo 500.000 rubli per chi fornisca a governi stranieri informazioni funzionali all'identificazione dei soggetti o delle attività da colpire tramite sanzioni (come fatto dagli oppositori russi Michail Kasyanov e Vladimir Kara-Murza, che chiesero al Congresso di includere nella lista nera colpita dalle sanzioni anche diversi giornalisti che avevano attaccato pubblicamente il deceduto oppositore Boris Nemtsov).

Facciata della Duma di Stato, a Mosca (L-BBE)

Considerato il consenso parlamentare multipartisan, e nonostante i non pochi malumori dei commercianti ed industriali eurasiatici, il disegno di legge, attualmente in itinere, sembra destinato ad essere approvato in breve tempo, forse con l'aggiunta in extremis di alcuni emendamenti direttamente dal Cremlino.

Alcuni esperti avvertono sulle conseguenze potenzialmente autolesionistiche delle misure di Mosca, che rischiano di peggiorare ancor di più una situazione economica interna che, sebbene sia in una certa misura stabilizzata, rimane per altri versi quella di un'economia che avverte eccome gli effetti negativi delle sanzioni occidentali, made in USA e sposate in maniera quasi pedissequa dall'Unione Europea. Infatti, sia per le aziende russe che per le aziende straniere, si pone il dilemma amletico sull'opportunità di scegliere di fare affari con imprese russe e/o in Russia – violando il diritto di Stati Uniti ed UE –, oppure di fare affari con imprese occidentali a scapito delle equivalenti russe, per timore delle sanzioni – violando però la legge russa. Uno stato d'incertezza che, se di certo non aiuta gli operatori legali, men che meno aiuta gli imprenditori ed i professionisti del business, da entrambi i versanti del Caucaso, danneggiando perdipiù le prospettive globali delle imprese russe e riducendo l'appetibilità del mercato russo per gli operatori esteri.

Assume una significanza pregnante, poi, che il disegno di legge sia uno dei primi proposti dalla neo-nata presidenza Putin IV. In Russia, come è noto, l'amor patrio è una componente ineliminabile delle dinamiche politiche; rimane però da vedere se, ed in quale misura, a Mosca siano disposti a sacrificare un'ulteriore colpo ad un'economia già indebolita, sull'altare del nazionalismo. Se tale scommessa pagherà, però, non è dato saperlo.


* Foto in copertina: "Moscow International Business Center" (Rakoon)


Putin – Merkel: energia, commercio e molto altro.....
Krymskij most, un ponte che divide

Related Posts

 

Comments (0)

There are no comments posted here yet

Leave your comments

  1. Posting comment as a guest. Sign up or login to your account.
Attachments (0 / 3)
Share Your Location

Iscriviti alla nostra Newsletter

Tag Cloud

estrema destra K-19 Kerč’ Trident Juncture 2018 migranti Crimea scenari politici Theresa May candidati governo russo Caucaso Gazprom Libia Prigožin Balcani Disarmo Economia Cecenia Idlib Asia centrale RussiaToday Poroshenko Kuznetsov Romanov Macedonia Partito del Progresso Pensioni Protocollo di Minsk Afghanistan Trump G8 Panslavismo Riforme Georgia spese militari gasdotto Minchenko Group Consulting Akinfeev Pubblicazioni Società Stati Uniti Dmitrij Medvedev religione Unione Partito Comunista Battaglie storiche Gibilterra Turchia Oriente Calcio green energy Ricostruzione OPK estremismo opposizione politica Sanzioni Israele Transnistria Ara Assad Pietro il Grande Salman Grande Gioco dazi americani PIL Vladimir Putin via della seta LGBT Nikita Chruščëv URSS rivoluzioni colorate politiche energetiche società Guerra fredda settore estrattivo Azerbaijan proteste in Russia INF Asia Pavel Grudinin Cremlino Zurabishvili soft power Patriarca Kirill Europa Krymskij most TANAP #commercio elezioni Arkadij Babcenko reportage ISIS propaganda Regime Change WCIOM Casa Bianca Africa Italia trattato di pace ortodossia SCO opinione pubblica Zelenskij Germania Serbia criptovalute Reagan tradizioni Aleksej Naval'nyj Baku antiterrorismo Iran Diplomazia Poltava influenza Michele I #asiacentrale nord stream Vedemosti Cherchesov Skripal Gennadij Zjuganov Kim Mosca FIFA DNS Sobčak Corea elezioni presidenziali Russia Unita Sondaggi stalinismo #cina WC2018 Venezuela Democrazia Gas naturale Mar Baltico San Pietroburgo Kiev scramble for Africa #silkbeltroad Armi spie Armenia monarchia Welfare Occidente Chiesa Ortodossa Russa Sorge Sputnik tossicodipendenza Pashinyan Arabia Saudita comunismo Giovani nucleare #sanzioni esercito PCUS ingerenze russe Ucraina SergeJ Skripal gas Peredača G7 Caspio Sicurezza Corea del Sud El'cin Soft power cultura geopolitica Cripto Valley eroina Levada Azerbaigian HIV Demografia Saakashvili Stalin Diritti umani Ilham Aliyev inchiesta zar Russkij Mir Donbass Unione sovietica energia Eltsin Tajikistan Politica Boris Titov corruzione SGC Costituzione Russa Midterm russofobia elezioni presidenzali Helsinki internet Mare del Nord Nagorno-Karabakh caso Skripal età dei torbidi Business Russia spesa militare Franco Vostok18 PCFR Rosatom Austria Moldavia Flame Towers LDPR Kazakistan Francia crisi rete Vladimir Putini UE Astana Asia Centrale TAP Gorbačëv Brest-Litovsk Mediterraneo Siria Mondiali export armi Smolensk Sergej Baburin Maxim Surajkin boicottaggio minoranza Usa Cittadinanza Unione Europea lingua nazionalismo Giornalismo Russia Federazione Russa Naval'nyj Relazioni internazionali #obor politica estera Merkel terrorismo Kyrgyzstan Macron Krasnodar partiti Egitto #economia Spagna Nato Paesi Baltici 1941 bitcoin Mondiali 2018 opposizioni rivoluzione di velluto imperialismo Turkmenistan Finlandia Power of Siberia S-400 Bielorussia Runet Uzbekistan Lettonia Svezia Chiesa ortodossa Guerra Rosneft Russiagate ISP Difesa Lavrov Medio Oriente diritti Montenegro Cernenko Cronache di viaggio Vladimir Žirinovskij Olocausto gay troll Cina anti-liberalismo Nigeria Storia Kirghizistan Golunov nazismo Eco Internazionale Kortezh Tagikistan #russia liberalismo Anatolij Sobčak Jabloko Passaporto russkaja ulica Ksenija Sobčak Putin FSB Islam Ungheria sondaggi elettorali Grigorij Javlinskij Proteste