Autocefalia in Ucraina: quando religione e politica danno vita ad intrecci pericolosi

La chiesa cristiana ortodossa sta vivendo un periodo di profondo mutamento di cui è difficile non accorgersi. Claudia Ditel nel suo ultimo articolo ha infatti posto l'accento sulle forze centrifughe presenti nel territorio dei Balcani e di come in questa regione le opinioni circa l'autocefalia della chiesa ortodossa ucraina siano contrastanti. In questa sede, invece, cercheremo di dare un quadro della situazione circa le reazioni interne in seguito alla sua autonomia e di come religione e politica si stiano intrecciando tra loro in maniera pericolosa.

La questione dell'autocefalia ucraina si trascina da diversi decenni e ha alla base un'idea più generale secondo la quale uno Stato può desiderare di avere una propria chiesa indipendente da ogni altra. Questo desiderio trova fondamento nell'ecclesiologia ortodossa, la quale vede le chiese necessariamente legate ai propri Stati e che considera la sede religiosa in stretta connessione all'importanza civile della città. Ed è qui tuttavia che si pongono dei problemi: fino a che punto religione e politica possono intrecciarsi? E ancora, che cosa sta succedendo all'interno del territorio ucraino?

Intanto, è giusto fare un accenno alla situazione dei legami tra la neo-autocefala chiesa ucraina e le altre chiese ortodosse: diverse infatti si sono professate fin da subito contrarie all'indipendenza ucraina. Innanzitutto, Mosca, la quale è assolutamente sfavorevole a questo cambiamento. La chiesa russa ha infatti rotto unilateralmente la comunione eucaristica con la chiesa di Kiev, proibendo quindi ai propri fedeli di partecipare alle celebrazioni eucaristiche presso le chiese di giurisdizione del Patriarcato ecumenico. 

Epifanij Dumenko, il primo primate della nuova Chiesa autocefala di Ucraina

Non è solo Mosca, tuttavia, ad aver assunto un atteggiamento contrario all'autonomia di Kiev. Anche il patriarca della chiesa serba, Ireneo, si è dichiarato timoroso al riguardo, così come anche il metropolita della chiesa bielorussa Pavel, entrambi preoccupati per il pericolo di nuovi conflitti e per la possibilità di una scissione definitiva all'interno del mondo ortodosso. Polonia, Cecoslovacchia e Serbia si sono pure schierate contro la chiesa ucraina, insieme alla chiesa di Antiochia, storicamente molto vicina a Mosca, dalla quale ha sempre ricevuto una protezione tanto politica quanto ecclesiale.  

Tuttavia, anche a livello interno si registrano recenti tensioni. Infatti, i vertici della chiesa ortodossa d'Ucraina si sono incontrati lo scorso 24 maggio nel primo Santo Sinodo per cercare di risolvere le recenti discordie tra Filaret Denisenko, storico patriarca della chiesa del Patriarcato di Kiev, ed Epifanij Dumenko, a capo della nuova chiesa autocefala. Dopo mesi di silenzio, infatti, Filaret si è espresso preoccupato circa l'influenza di Costantinopoli sulla nuova chiesa e dubbioso sul tomos dell'autocefalia. Questa posizione di Filaret scaturisce dalle scorse elezioni presidenziali del 31 marzo, quando è diventato chiaro che Petro Porošenko non sarebbe stato rieletto, mandando così in fumo gli accordi tra i due circa il potere ecclesiastico di Filaret sulla chiesa ucraina. La promessa di un suo ruolo cruciale nella nuova chiesa autocefala da parte dell'ex presidente ucraino non si è infatti potuta mantenere. Denisenko si dice molto deluso dal mancato mantenimento di questo accordo verbale, che lo avrebbe visto a curare gli affari interni della nuova chiesa, mantenendo la carica ufficiosa di Metropolita di tutte le chiese ucraine.

Se Petro Porošenko ha praticamente incentrato la sua campagna elettorale sull'indipendenza religiosa, al contrario Volodymyr Zelenskij non si è sbilanciato in materia. Il neoeletto presidente, infatti, con un profilo decisamente più laico del suo predecessore, non sembra volersi intromettere negli affari della chiesa. Ad ogni modo, i membri presenti al Sinodo hanno ribadito lo scioglimento del Patriarcato di Kiev e hanno augurato buona fortuna alla nuova chiesa.

Quel che è certo è che l'autocefalia della chiesa ucraina vuole essere un forte segnale di distacco da Mosca, sia in seguito all'annessione russa della Crimea, sia in contrapposizione all'idea di un Русский мир (mondo russo) e all'adesione invece all'idea di un "Paese unificato ed una chiesa unita". Infatti, in seguito alla firma del tomos, in Ucraina il gruppo militante di estrema destra Pravij Sektor ha sollecitato i cittadini ad abbandonare la chiesa russa e a recarsi nelle chiese ucraine per dare nuova vita all'identità nazionale. I sacerdoti della chiesa russa, presenti nel territorio ucraino, si trovano adesso in una situazione di pericolo, tacciati dal Pravij Sektor di essere "nemici dello Stato e della Nazione ucraina".

Di fatto, la scissione della chiesa ucraina da quella russa non può far altro se non acuire i conflitti già presenti tra Kiev e Mosca, sfociati come è noto nella guerra nel Donbass. Non è che lo scopo di tutto questo sia proprio quello di portare ad una guerra sempre più aspra tra Russia e Ucraina, con conseguenze imprevedibili per l'Europa? 

“Business as usual”: perché tra Italia e Russia i ...
Russia, fede e Vicino Oriente: the orthodox man's ...

Related Posts

 

Comments (0)

There are no comments posted here yet

Leave your comments

  1. Posting comment as a guest. Sign up or login to your account.
Attachments (0 / 3)
Share Your Location

Iscriviti alla nostra Newsletter

Tag Cloud

religione Sergej Baburin Battaglie storiche Poroshenko Eco Internazionale Serbia dazi americani Kuznetsov caso Skripal Svezia Naval'nyj nord stream scramble for Africa minoranza crisi imperialismo Mediterraneo Riforme Armenia Golunov Unione sovietica Gibilterra Marina Krasnodar #cina Peredača Bielorussia politica estera terrorismo comunismo Macron Oriente Smolensk candidati Islam Sputnik Corea del Sud Roma stalinismo Romanov Trident Juncture 2018 Lavrov Dmitrij Medvedev Libia Asia Centrale Russkij Mir monarchia gas Aleksej Naval'nyj Caucaso Diritti umani Mare del Nord esercito Papa Francesco geopolitica Pavel Grudinin San Pietroburgo #commercio LDPR proteste in Russia Storia #obor Patriarca Kirill 1941 Maxim Surajkin Mar Baltico Pubblicazioni Olocausto Egitto Saakashvili TAP gay Russia Unita G7 età dei torbidi #sanzioni migranti inchiesta Vedemosti Diplomazia lingua energia estrema destra El'cin Rosneft Eltsin RussiaToday Ara propaganda Calcio Nigeria Soft power Helsinki Conte Cina Pashinyan Uzbekistan Gas naturale Lettonia G8 Reagan Sobčak autocefalia opinione pubblica Arkadij Babcenko Gorbačëv Venezuela Caspio Finlandia Pensioni Artico Paesi Baltici Cronache di viaggio Disarmo Zelenskij elezioni presidenzali Kiev Ricostruzione criptovalute Mondiali 2018 Vaticano elezioni #economia Africa Costituzione Russa Tagikistan trattato di pace SGC Passaporto Armi Panslavismo Casa Bianca Idlib nazismo sondaggi elettorali Demografia Balcani Spagna Vostok18 gasdotto Arabia Saudita Nato Unione Cernenko reportage Merkel eroina antiterrorismo export armi Nikita Chruščëv SergeJ Skripal Partito del Progresso Vladimir Putin Kim corruzione Power of Siberia TANAP Sicurezza PCFR Sondaggi Astana Rosatom Krymskij most spesa militare PCUS Donbass ISIS Chiesa ortodossa Europa Azerbaigian Giovani OPK bitcoin Italia Relazioni internazionali Montenegro Difesa Skripal Chiesa Ortodossa Russa Georgia K-19 Salman Stalin Afghanistan estremismo Franco Kirghizistan Francia elezioni presidenziali influenza INF Guerra fredda cultura Jabloko Siria Proteste Stati Uniti Democrazia Levada Cremlino troll Siberia rivoluzioni colorate Iran Zurabishvili via della seta #silkbeltroad Sorge Putin Politica Michele I opposizione politica Runet Ilham Aliyev tradizioni Akinfeev nazionalismo Minchenko Group Consulting LGBT ortodossia Ungheria Sanzioni WC2018 Medio Oriente Occidente Regime Change Kazakistan Turchia Israele scenari politici Russia SCO Ucraina #russia Trump Usa governo russo Kerč’ Assad Ksenija Sobčak Midterm Transnistria URSS Vladimir Putini Tajikistan Gennadij Zjuganov Kyrgyzstan russkaja ulica Anatolij Sobčak Grande Gioco spie Guerra Crimea Boris Titov società S-400 Giornalismo PIL Cherchesov Prigožin Germania Società settore estrattivo soft power Unione Europea green energy Macedonia ISP Asia centrale politiche energetiche partiti Azerbaijan UE lago Bajkal Welfare opposizioni anti-liberalismo Federazione Russa diritti zar Nagorno-Karabakh spese militari tossicodipendenza liberalismo #asiacentrale russofobia Theresa May HIV FSB rete boicottaggio internet Russiagate Mondiali ingerenze russe Asia rivoluzione di velluto Flame Towers DNS Protocollo di Minsk Grigorij Javlinskij Vladimir Žirinovskij FIFA Kortezh Poltava Gazprom Brest-Litovsk Baku Business Russia Partito Comunista Corea WCIOM Turkmenistan Cittadinanza Economia Mosca Pietro il Grande Cecenia Cripto Valley Moldavia Austria nucleare