Pashinyan in Italia: politica, commercio e non solo...

Dal 20 al 22 novembre si è svolta in Italia la visita del capo di stato della Repubblica d'Armenia Nikol Pashinyan. Una tappa di due giorni tra il nord e il centro Italia passata inosservata tra i media nostrani per via dello scarso interesse nei confronti delle sorti o dell'esistenza di questo paese nell'opinione pubblica nostrana. Il premier è arrivato nel Belpaese accompagnato dal ministro dell'economia, Tigran Khachatryan e dal vicepresidente della Banca centrale, Nerses Yeritsyan. La presenza di queste due cariche illustra la priorità data al miglioramento degli scambi commerciali tra Caucaso e Occidente, che il primo ministro va promuovendo in una frequente "shuttle diplomacy" fin dai primi mesi dell'ascesa al potere. Il momento cardine della visita di stato si è avuto a Roma in occasione dell'incontro bilaterale con il primo ministro italiano Giuseppe Conte, ma solo dopo una serie di incontri e meeting tra Venezia e Milano.

Nella Serenissima, piegata in questi giorni dall'infuriare del maltempo, il primo ministro ha visitato l'isola armena di San Lazzaro incontrando i membri della Congregazione Mekhitarista. Dal 1700 il piccolo isolotto ospita un monastero di un ordine religioso armeno giunto a Venezia per sfuggire alla devastazione Ottomana. Nella ricca biblioteca di San Lazzaro degli Armeni sono conservati circa 170.000 volumi e molti altri manufatti arabi, indiani ed egiziani. Il monastero, sopravvissuto all'occupazione napoleonica, è ancora oggi un patrimonio inestimabile, un faro di cultura teologica e laica, nonché l'ennesima dimostrazione della multiculturalità che per secoli ha arricchito la repubblica marinara. Pashinyan ha potuto verificare la conta dei danni in seguito alle recenti inondazioni, ha mostrato la vicinanza della madrepatria e in un successivo colloquio ha enfatizzato il contributo della comunità armena sparsa nel mondo e il legame indissolubile tra Yerevan e la diaspora.

Lasciata Venezia, Pashinyan ha raggiunto Milano per prendere parte al Business Forum italo-armeno organizzato da Mediobanca e alla conferenza patrocinata dal think thank meneghino ISPI (Istituto per gli studi di politica internazionale) in collaborazione con il comune lombardo. In occasione del primo appuntamento, Pashinyan ha vigorosamente sottolineato i risultati raggiunti dal paese in ambito economico e la potenzialità nell'accrescere ulteriormente gli scambi tra Armenia e Italia. Il Belpaese è attualmente il secondo partner commerciale di Yerevan in Europa e il recente aumento delle esportazioni del 30% circa sottolinea il consolidarsi di una convergenza. Dall'ascesa al potere di Pashinyan, nel 2018 dopo aver vinto a valanga un'elezione resasi obbligata dalle dimissioni del precedente primo ministro Serj Sargysian, questo si è fatto portavoce di un paradigma rivoluzionario con l'obiettivo di rilanciare l'immagine, il ruolo e l'economia della piccola repubblica. Sull'onda lunga dell'entusiasmo prodotto dalla "rivoluzione di velluto", il governo Pashinyan si è impegnato nel patrocinare ambiziose riforme per combattere la corruzione, il residuo potere politico delle élites dell'esautorato Partito Repubblicano, abbattere il gap infrastrutturale, migliorare il sistema educativo e arginare il reflusso emigratorio che è una delle principali cause del declino demografico della nazione. 

Il tasso di crescita del PIL in Armenia comparato con Azerbaijan, Georgia e macroaree Europa/Asia Centrale e Asia orientale/Pacifico

 Stando ai dati ufficiali del Governo e delle principali agenzie economiche internazionali, l'economia armena appare in fase di netta crescita: +6,5% il dato di aumento del PIL su base annua nel secondo trimestre 2019 secondo l'Ufficio Nazionale di Statistica. Il dato supera le previsioni di bilancio che indicavano una crescita del 4,9% a fronte di un tasso di inflazione del 2,7%. Non solo economia, in quanto l'Armenia ha recentemente raggiunto un accordo con la compagnia aerea irlandese Ryanair per dare il via alle prime tratte low cost tra diversi paesi europei e gli aeroporti di Yerevan e Gyumri, seconda città del paese. In ultimo, l'Armenia si sta rendendo protagonista di una rivoluzione nell'ambito tecnologico e dell'innovazione con l'aumentare della presenza in loco di aziende dell'high-tech interessate al ricco capitale umano prodotto dai centri educativi del paese e dal clima di fiducia che si respira nel paese. 

La presenza dell'Armenia nell'Unione Euroasiatica (insieme a Russia, Kazakhstan, Bielorussia e Kirghizistan) e gli accordi raggiunti con l'Europa tramite il Partenariato orientale fanno del paese un fondamentale snodo commerciale all'interno del blocco euroasiatico. Pashinyan nel corso del Forum ha invocato la sempre maggiore integrazione del paese con il mercato globale e la necessità che le imprese italiane investano nel cambiamento e nelle prospettive future del paese, dall'energia all'agroalimentare, fino al tessile. Per quanto riguarda il settore dell'energia, aperto da tempo al mercato internazionale, gli operatori italiani sono già presenti numerosi. L'italiana Renco, ad esempio, in joint venture con Siemens, ha avviato quest'anno la nuova centrale di cogenerazione a gas di Yerevan (240 Megawatt). Mentre la ContourGlobal sta completando la modernizzazione del sito di Vorotan, principale complesso idroelettrico del Paese.

La politica estera, invece, al centro della conferenza ISPI tenutasi a Milano. Di fronte a un pubblico di addetti ai lavori, diplomatici, studenti e autorità del comune di Milano, Pashinyan ha avuto l'occasione di discutere delle vicende che lo hanno portato al potere due anni fa, dell'entusiasmo che si respira nel paese, ma anche dell'impasse nei colloqui per la risoluzione del conflitto in Nagorno Karabakh (Artsakh). L'Armenia e il vicino Azerbaijan, infatti, si confrontano dal 1988 sulle sorti di questa regione de jure appartenente a Baku, ma abitata e amministrata dalla locale comunità armena in collaborazione con la madrepatria. Lo stallo diplomatico si inserisce nell'ambito di quei "frozen conflict" peculiarità dell'area post-sovietica e ha creato un alone di ostilità, scavando una cortina di ferro che ha isolato l'Armenia ad est con l'Azerbaijan e ad ovest con la Turchia. Una questione spinosa per la diplomazia internazionale, riunita nel Gruppo di Minsk, che non è riuscita a produrre quasi nessun risultato. Dal 1988 si sono susseguiti diversi scontri militari tra le autorità di Stepanakert (la capitale dell'Artsakh), coadiuvata dall'Armenia, e le forze armate azere. L'ultima offensiva in larga scala risale al 2016, ma non sono mai cessati gli scontri, gli incidenti e le provocazioni da un lato e dall'altro della trincea.

La cartina illustra la posizione geografica del conflitto in atto nel Nagorno Karabakh (Artsakh). Il territorio controllato dalle autorità separatiste è contrassegnato in arancione mentre i confini del Nagorno storico sono in marrone.

Il cambio al vertice in Armenia ha immediatamente suscitato le speranza di un cambio di paradigma molto atteso, ma tutt'oggi regna ancora lo stallo. Troppo forte è la sfiducia bilaterale e il radicato nazionalismo rende quasi impossibile la possibilità di concessioni da ambo i lati. Il conflitto del Nagorno Karabakh si è tramutato in un gioco a somma zero, con l'Armenia che ha fatto della regione la culla del popolo armeno e una propaggine vitale nel percorso storico di etnogenesi del popolo e dalla nazione armena e l'Azerbaijan, in contraltare, armato di un nazionalismo revanscista nutrito dall'autocrazia afferente al presidente İlham Əliyev. Allo stallo, alla corsa continua agli armamenti e ai discorsi infuocati si accompagnano un razzismo e un odio etnico che hanno trovato terreno fertile. Pashinyan, in occasione dell'incontro di Milano, oltre a ribadire la necessità di ripristinare il dialogo e il processo di pacificazione, ha insistito sulle discriminazioni che gli armeni hanno subito e continuano a subire nel paese (divieto di ingresso per chiunque possegga la cittadinanza o anche solo un cognome armeno, delegittimazione di Yerevan in ogni consesso internazionale, razzismo instillato nella popolazione tramite il sistema educativo) che hanno vanificato l'entusiasmo e le prospettiva del primo ministro. Per dovere di cronaca, bisogna citare l'importanza simbolica, storica e religiosa che l'Artsakh continua a godere tra l'opinione pubblica armena, che in diverse occasioni ha mostrato scarso o nullo entusiasmo verso la possibilità di concedere il territorio agli azeri.

La visita di stato si è conclusa il 22 novembre a Roma con l'incontro tra il primo ministro armeno e l'omologo italiano e successivamente con la presidente del Senato della Repubblica italiano Maria Elisabetta Casellati. Conte, di fronte al suo omologo, ha sottolineato la comunanza di valori e le radici storiche tra le due nazioni. Per l'Italia diventa una priorità il rafforzamento di legami e imbastire un dialogo aperto e costruttivo su visioni condivise. Il contributo delle forze di sicurezza armena al contingente UNIFIL in Libano ha incrementato la fiducia delle autorità italiane nelle attitudini del piccolo paese. L'Italia è presente in Armenia con diversi progetti e imprese e intende valorizzare l'immagine del Belpaese sponsorizzando centri culturali e potenziando l'investimento della lingua italiana nelle strutture educative. In merito alla vicenda Nagorno, il premier Conte ha assicurato l'impegno del paese nel condannare una possibile escalation armata, preferendo l'uso di mezzo pacifici e della diplomazia. Pashinyan ha espresso "[…] la fiducia che, con sforzi congiunti, sarà possibile tenere la seconda sessione della commissione a Yerevan in un breve periodo di tempo. Abbiamo fatto riferimento alle opportunità di sviluppo della cooperazione turistica". In ultimo, il premier armeno ha ringraziato l'Italia per il riconoscimento del genocidio armeno e il contributo nel preservare la memoria di quell'orrore. 

 
I Balcani tra Ue, Russia e Cina
I Nenets - i nomadi siberiani nell'inferno energet...

Related Posts

 

Comments (0)

There are no comments posted here yet

Leave your comments

  1. Posting comment as a guest. Sign up or login to your account.
Attachments (0 / 3)
Share Your Location

Iscriviti alla nostra Newsletter

Tag Cloud

Chiesa Ortodossa Russa politica estera Stalin Rocchelli scramble for Africa Trump Disarmo Ilham Aliyev Società Sondaggi Eltsin #sanzioni G7 Siria Russkij Mir Grigorij Javlinskij Mondiali Armi soft power Estonia Kerč’ Naval'nyj Franco PCUS Ungheria incidente Trident Juncture 2018 Mondiali 2018 Cherchesov Mare comunismo #silkbeltroad G8 Skripal Vladimir Žirinovskij Siberia Zelenskij ISIS Baltico FIFA Beirut terrorismo estremismo inchiesta partiti Ambiente Sputnik imperialismo LIbano Caspio nomadismo Lituania Armenia ortodossia Baku Partito Comunista Politica estera FSB Levada Macron Azerbaijan Cronache di viaggio Ksenija Sobčak rivoluzione di velluto relazioni internazionali #commercio Power of Siberia Poroshenko 1989 summit #cina Conte TANAP Anatolij Sobčak Business Russia cooperazione società antiterrorismo El'cin Putin spie Georgia Sergej Baburin Pietro il Grande esercito scenari politici Olimpiadi WADA Aleksej Naval'nyj Prigožin Parigi Lavrov Università Assad Passaporto #russia Politica WC2018 Transnistria Riforme russofobia religione tradizioni tossicodipendenza elezioni presidenzali Olocausto Democrazia Kuznetsov Corea Nato SGC Kyrgyzstan Uzbekistan Kirghizistan Vedemosti liberalismo #economia elezioni presidenziali Curili Asia Centrale spesa militare gay Caucaso climate change Marina Runet Difesa Merkel Afghanistan Vladimir Putin elezioni nord stream Turchia Midterm Partito del Progresso Finlandia Azerbaigian Clima governo russo Golunov Economia Vaticano doping opposizioni età dei torbidi influenza green energy settore estrattivo crisi Pashinyan Mediterraneo #obor Saakashvili Patriarca Kirill popoli Nigeria Rosneft Welfare Pavel Grudinin Cecenia Mare del Nord #asiacentrale Bielorussia Corea del Sud Helsinki Tripoli zar Pensioni russkaja ulica LGBT Venezuela muro di Berlino San Pietroburgo Macedonia Pubblicazioni Jabloko Gazprom bitcoin proteste in Russia energia Abcasia Usa politiche energetiche UE Francia Spagna minoranza Opposizione Reagan Paesi Baltici Costituzione Russa Battaglie storiche Vostok18 Gas naturale corruzione Cittadinanza Cipro Austria PCFR Svezia Unione Europea Minchenko Group Consulting export armi DNS Poltava nucleare Iran URSS gas Krasnodar 1941 dazi americani Sicurezza Libia Eco Internazionale Europa cultura Federazione Russa Tagikistan Storia Turkmenistan geopolitica Islam Ecologia Chiesa ortodossa Cripto Valley Idlib Gibilterra candidati PIL Theresa May Smolensk Germania Moldavia Russiagate Diritti umani Mar Baltico Kim Kazakhstan Nagorno-Karabakh troll boicottaggio Cina rivoluzioni colorate gasdotto opposizione politica inquinamento Vladimir Putini Cernenko Guerra Markiv Michele I Krymskij most Italia stalinismo Donbass caso Skripal Unione Gorbačëv criptovalute Astana Nenets RussiaToday reportage Kazakistan migranti Arabia Saudita Lettonia ingerenze russe diritti sondaggi elettorali Boris Titov Diritti civili Zurabishvili Soft power Giovani Serbia Peredača Nikita Chruščëv Grande Gioco Haftar Sobčak Casa Bianca WCIOM Panslavismo TAP Papa Francesco INF Ara Relazioni internazionali Unione sovietica HIV Proteste internet Akinfeev Israele rete OPK nazismo Arkadij Babcenko Artico Asia centrale nazionalismo spese militari via della seta Crimea Egitto Montenegro propaganda migrazioni ISP Medio Oriente Ossezia del Sud LDPR Kortezh Dmitrij Medvedev trattato di pace Ucraina sport Tajikistan Maxim Surajkin Mosca Balcani Giappone anti-liberalismo Africa Oriente Romanov Cremlino Protocollo di Minsk Ricostruzione K-19 Roma Russia opinione pubblica Calcio Regime Change estrema destra lingua Sorge Kiev Diplomazia Sanzioni lago Bajkal Giornalismo Gennadij Zjuganov Stati Uniti SergeJ Skripal Demografia visita di Stato incendio SCO Brest-Litovsk Guerra fredda Salman Occidente autocefalia Rosatom monarchia Russia Unita S-400 Aral Asia Flame Towers eroina