Essere gay in Armenia

Manifestanti protestano contro l'attivista Lilit Martirosyan fuori dall'Assemblea Nazionale armena

Quello che è successo il 5 aprile scorso durante una seduta sul tema dei diritti umani in Armenia ha il potenziale per sconvolgere drasticamente le coscienze di quel frangente di Caucaso in costante evoluzione. Lilit Martirosyan, donna transgender, ha tenuto un discorso molto sentito, di fronte ai deputati, nel quale ha denunciato l'emergenza di omofobia tra i suoi connazionali. Da attivista dei diritti umani ha esortato il nuovo governo a portare avanti politiche di inclusione, riforme e severe restrizioni verso l'impunità, la violenza e l'assordante silenzio nei confronti di una tematica troppo spesso ignorata: "Io rappresento il popolo transgender torturato, stuprato, bruciato, accoltellato, bandito, discriminato, povero e disoccupato dell'Armenia".

Il solo fatto che un'esponente di questa minoranza marginalizzata sia stato in grado di testimoniare la precarietà della sua situazione è sicuramente causa del vento di rinnovamento che la rivoluzione (con annessa vittoria elettorale a valanga nel 2018), guidata dall'ex giornalista e attivista Nikol Pashinyan, sta portando in questa società. Il primo ministro, rispetto ai predecessori, ha sempre mostrato una certa apertura versa questi temi e l'ampio margine di vantaggio che nutre sugli avversari politici gli darebbe la forza per combattere una battaglia in primis ideologica che rischia, però, di compattare il fronte dell'opposizione.

Di fronte all'accorato appello di Martirosyan (che ha più volte subito aggressioni e minacce di morte) si è sviluppato un eterogeneo fronte tradizionalista e conservatore che attinge pienamente nella religiosità e nell'omofobia di sovietica memoria. Gagik Tsarukyan, il leader di "Armenia Prospera" (secondo partito per numero di deputati) ha dichiarato: "Come leader del Partito prospero dell'Armenia, capo di una famiglia intrisa di tradizioni e fede armene, mi opporrò al fatto che i diritti dei transgender vengano riconosciuti. Questo è un vizio e dobbiamo nasconderlo come abbiamo sempre fatto. Dovremmo lavorare insieme per bandire gli omosessuali, i settari e i loro simpatizzanti dalla nostra terra santa. Noi vogliamo che le femmine siano femmine e i maschi siano maschi, mescolarli è vergognoso." In un'intervista all'agenzia di stampa Sputnik Yesay Artenyan, sacerdote e portavoce della Chiesa Apostolica Armena ha detto che: "Il numero di omosessuali è aumentato in Armenia negli ultimi anni ed è una conseguenza della propaganda aggressiva e della diffusione dei valori europei e questo è motivo di preoccupazione per noi", mentre alcuni chierici hanno sottolineato la necessità di riconsacrare l'aula dopo la testimonianza dell'attivista.

Fuori dalle aule del parlamento si era radunato un folto gruppo di nazionalisti e religiosi che hanno minacciato il governo di reagire violentemente contro l'introduzione di un corpo estraneo e di favorire la propaganda omosessuale. Strumentali le dichiarazioni di Eduard Sharmazanov, portavoce del Partito repubblicano (già potente compagine scacciata dalla rivoluzione di velluto dello scorso anno): "Qualcosa è cambiato nel nostro Paese: durante il nostro governo una persona transgender non avrebbe pronunciato un discorso all'Assemblea nazionale". Un fronte unito contro le possibili aperture di Pashinyan, fortemente richieste dalla comunità internazionale e da associazioni per i diritti umani; ma da dove nasce questa ostilità?

 La situazione della comunità LGBT in Armenia

Attivisti dell'NGO "Pink Armenia" manifestano nel centro di Yerevan, capitale dell'Armenia

L'Armenia è un piccolo e scenografico Paese schiacciato tra le pendici del Caucaso e la vastità del piano iranico. Sostanzialmente, etnicamente e religiosamente omogeneo (il 98% della popolazione è di etnia armena e di fede apostolica), quella armena è una società conservatrice dove la religione gioca un ruolo molto importante tra un popolo esule e ferito tra le pieghe della storia. Il retaggio sovietico non ha scalfito il valore della religione nella vita sociale del Paese, ma semmai ha integrato un già tenace sentimento di sospetto e ostilità verso il mondo omosessuale.

Secondo un sondaggio svolto tra un campione rappresentativo dell'intera popolazione, l'omosessualità è quasi unanimemente considerata una malattia e secondo il quasi 10% potrebbe addirittura essere indotta dall'uso di internet. Il 72% dichiara che rifiuterebbe di interagire con un omosessuale o anche solo utilizzare una stoviglia usata da un gay (86%). il 93,8% ha affermato di non voler vedere coppie omosessuali che si tengono per mano in pubblico, il 97,5% ritiene sgradevoli eventuali baci. Risale a febbraio scorso il brutale omicidio di una donna trans in un appartamento della capitale. A maggio il popolare cantante britannico Elton John è stato soggetto ad insulti omofobici e bersagliato con uova suscitando condanna e sdegno nei social network di mezzo mondo. Ad agosto un gruppo di nove attivisti LGBT è stato pesantemente aggredito da un nutrito gruppo di abitanti in un villaggio in provincia mentre non si contano le intimidazioni e gli attacchi incendiari verso club, associazioni e ritrovi per omosessuali in tutto il Paese.

L'Armenia, di fronte alle pressioni dell'Europa, ha abolito solamente nel 2003 il crimine di omosessualità superando la legge sovietica che criminalizzava i rapporti tra uomini, condannando i recidivi ai lavori forzati; nel 2017 ha permesso la regolarizzazione dei matrimoni tra esponenti dello stesso sesso celebrati all'estero ma non è ancora possibile sposarsi o adottare per coppie omosessuali. Importanti passi sono stati compiuti mentre lentamente si radica un associazionismo LGBT canalizzato dagli sforzi degli attivisti europei di fronte all'apatia o all'ostilità dei governi in carica.

Piccoli passi certamente ma non ancora abbastanza per sdoganare un argomento che suscita profonda ostilità vista anche l'assenza di contatti tra la popolazione e la comunità omosessuali costretta a nascondersi o a dissimulare. Gravissima la situazione anche tra le forze armate dove ai candidati omosessuali, secondo un decreto del 2004 interno al ministero della difesa, viene proibito di svolgere il servizio di leva contrassegnandoli come "malati di mente" e indirizzandoli da uno psichiatra. In ultimo non si può non citare il terribile omicidio nel 2004 di Joshua Haglund, insegnante americano apertamente gay in un università di Yerevan accoltellato e ucciso per strada. 

La propaganda russa e il ruolo dell'Europa 

Il primo ministro armeno Nikol Pashinyan. Da lui grandi aspettative sul futuro della comunità LGBT

La realtà di piccola nazione in balia delle grandi potenze ha reso l'Armenia un facile bersaglio per la retorica e l'influenza ideologica russa. Nei confronti del rapporto bilaterale con Mosca esistono opinioni discordanti all'interno dell'opinione pubblica (da una parte necessario partner contro l'assertività del nemico azero ma anche pesante fardello di un passato immobile), ma efficacemente travalica oltre il Caucaso la retorica ostile verso il crescente ruolo degli omosessuali nelle società europee e la difesa della fede e dell'identità cristiana contro un attacco ai valori di un popolo unito patrocinato dalla leadership del Cremlino. Il soft power russo conservatore nutre proseliti all'interno dei settori nazionalisti o tra la fascia demografica più anziana in una nazione dove il ruolo dei giovani, tendenzialmente più occidentalizzati e aperti, è marginale e poco rappresentato in tutte le sfere politico sociali. Secondo questa visione l'Armenia religiosa, tradizionalista e autarchica si troverebbe in prima fila in una guerra ideologica contro i tentativi di sovversione dell'élite globalista impersonata dall'Europa, sostanzialmente avversa a una forte identità peculiarmente integrata ai fasti del passato come quella armena.

L'Unione Europea ha più volte chiesto in passato ai precedenti governi repubblicani di apportare modifiche legislative per migliorare normativamente la situazione della discriminata comunità ma senza particolari risultati. Grandi speranze sono rivolte verso la nuova legislatura, più emancipata dall'influenza russa, conscia delle potenzialità offerte da un allineamento con l'Europa e degli sforzi necessari per il progresso sociale ed economico del piccolo Paese. Una sfida profonda, trasversalmente culturale, che dovrà far breccia tra una mentalità conservatrice proiettando l'Armenia in un futuro più giusto e inclusivo. 

Il successo di Zelenskij, gli errori di Porošenko,...
Turchia, Russia e il sistema di difesa S-400. Un’i...

Related Posts

 

Comments (0)

There are no comments posted here yet

Leave your comments

  1. Posting comment as a guest. Sign up or login to your account.
Attachments (0 / 3)
Share Your Location

Iscriviti alla nostra Newsletter

Tag Cloud

Storia Vostok18 Occidente rivoluzioni colorate terrorismo Medio Oriente Francia caso Skripal FSB Idlib Vladimir Putin Unione soft power nord stream spese militari età dei torbidi Paesi Baltici Partito Comunista Georgia Kuznetsov internet #economia Democrazia Baku Guerra fredda Flame Towers Chiesa Ortodossa Russa Russkij Mir RussiaToday russofobia Diplomazia Caspio S-400 Conte El'cin crisi 1941 spesa militare Gennadij Zjuganov Franco #cina Cripto Valley Partito del Progresso Unione sovietica Cina Bielorussia opinione pubblica Michele I PCUS Midterm Politica Calcio Kirghizistan ISIS geopolitica Vaticano Islam Aleksej Naval'nyj Stalin Boris Titov Tagikistan Jabloko Battaglie storiche Società Zelenskij politica estera Federazione Russa Corea del Sud Chiesa ortodossa Arabia Saudita Unione Europea Svezia Disarmo propaganda Vedemosti Sobčak Poltava Arkadij Babcenko Salman influenza Asia LDPR Vladimir Žirinovskij elezioni Smolensk reportage società Olocausto Papa Francesco Nikita Chruščëv Kazakistan Reagan Regime Change SCO Cronache di viaggio zar criptovalute Macron Sicurezza Armi Riforme #commercio PIL Golunov Putin Maxim Surajkin bitcoin #obor opposizione politica Sergej Baburin partiti Poroshenko opposizioni Transnistria Tajikistan minoranza comunismo Nigeria Peredača Casa Bianca Trident Juncture 2018 Krasnodar #russia eroina Guerra Trump Iran Oriente imperialismo Egitto gay Ricostruzione Giovani Gibilterra San Pietroburgo Patriarca Kirill energia Russia Unita ISP Pavel Grudinin scenari politici Costituzione Russa autocefalia Ksenija Sobčak russkaja ulica Pashinyan TAP estrema destra Kim troll Cecenia nazismo Cremlino Kyrgyzstan Ilham Aliyev Prigožin Roma Sanzioni Azerbaijan settore estrattivo stalinismo trattato di pace Pietro il Grande #silkbeltroad Business Russia Protocollo di Minsk Donbass Astana Moldavia K-19 TANAP tradizioni Serbia Ucraina Marina Welfare Libia Helsinki Sorge candidati Sputnik via della seta lago Bajkal nazionalismo Eltsin Merkel Panslavismo monarchia UE Mare del Nord ingerenze russe Stati Uniti Soft power Romanov Kortezh Levada Mondiali spie URSS green energy elezioni presidenziali gas Finlandia Russia rete Diritti umani Siria DNS estremismo Cittadinanza Rosatom G8 sondaggi elettorali Lavrov scramble for Africa Balcani Giornalismo diritti elezioni presidenzali Grigorij Javlinskij Nagorno-Karabakh PCFR cultura Gas naturale Cernenko Dmitrij Medvedev Lettonia Cherchesov Macedonia Artico Difesa Asia centrale Turchia G7 Brest-Litovsk HIV Proteste Runet #sanzioni Theresa May Germania FIFA Mediterraneo Kiev Anatolij Sobčak export armi Usa Krymskij most inchiesta Uzbekistan anti-liberalismo Venezuela Demografia OPK Nato LGBT Skripal Ara migranti SergeJ Skripal boicottaggio Corea Mosca Armenia Assad Spagna Russiagate lingua WC2018 Akinfeev Israele WCIOM Eco Internazionale Siberia Gazprom Afghanistan ortodossia Minchenko Group Consulting esercito Pubblicazioni Europa antiterrorismo Crimea Gorbačëv Turkmenistan Montenegro Rosneft Africa Saakashvili religione Economia Kerč’ Power of Siberia nucleare Ungheria Sondaggi Passaporto rivoluzione di velluto proteste in Russia #asiacentrale Azerbaigian liberalismo Pensioni Austria gasdotto governo russo Asia Centrale tossicodipendenza corruzione Caucaso Mar Baltico dazi americani Naval'nyj Vladimir Putini INF Mondiali 2018 Relazioni internazionali SGC politiche energetiche Italia Grande Gioco Zurabishvili