Verso il completamento del Southern Gas Corridor

Il 20 febbraio 2019 si è tenuto a Baku il quinto incontro del Consiglio per il Southern Gas Corridor (SGC) a livello ministeriale. Il Southern Gas Corridor è un progetto che consta di una serie di opere in grado di convogliare il gas naturale estratto dal bacino di Shah Deniz II, in Azerbaigian, attraverso la regione del Caucaso e la Turchia fino in Europa.  L'opera, infatti, rappresenta un'importante tassello della politica di sicurezza energetica europea. Il percorso si snoda dal terminal di Sangachal alla Trans Anatolian Natural Gas Pipeline (TANAP) e infine alla Trans Adriatic Pipeline (TAP) toccando i territori di sette nazioni. La cerimonia inaugurale si è tenuta a Baku nel maggio del 2018 di poco seguita dall'apertura del TANAP nel giugno dello stesso anno. Dopo essere stato bersaglio di recenti critiche da parte del governo italiano, il termine dei lavori del TAP è prevista entro il 2020.

L'insieme del progetto del SGC costituisce una priorità non solamente per l'Unione Europea, sempre orientata alla diversificazione delle proprie fonti di approvvigionamento, soprattutto sul fronte orientale, ma anche per i numerosi Paesi che sono coinvolti nella realizzazione delle infrastrutture. Al meeting a Baku di febbraio erano presenti i rappresentanti di 17 governi. Per l'Italia era presente il sottosegretario del MiSE Andrea Cioffi, nonché il Commissario europeo al Budget Gunther Oettinger e vicesegretario del Dipartimento di Stato USA per l'energia Sandra Oudkirk.

La presenza di questi ultimi due, in particolare, testimonia l'interesse nel progetto da parte delle istituzioni europee e degli Stati Uniti, pronti a fare da sponsor e facilitare il dialogo nei consessi dedicati alle forniture energetiche che rappresentano un'alternativa al gas russo.

Il percorso del Southern Gas Corridor

L'importanza del Gas nella regione

In un contesto politico internazionale sempre più attento alle politiche climatiche lo sviluppo di infrastrutture più efficienti e moderne è uno dei punti focali. Nel mezzo della transizione energetica – quel fenomeno complesso fatto di politiche e sviluppi tecnologici che dovrebbe accompagnare verso la decarbonizzazione dell'economia e il contestuale sviluppo delle energie rinnovabili – il gas naturale si presenta come la fonte energetica ottimale. Le abbondanti riserve della regione del Caspio potranno garantire a tutti i Paesi coinvolti un approvvigionamento costante e sicuro, mentre verranno sviluppate ulteriori tecnologie efficienti e a minor impatto ambientale.

Inoltre, tenendo conto degli scenari di sviluppo economico e demografico dell'area, compresa quella dei Balcani, i Paesi necessiteranno di maggiori risorse per alimentare le proprie economie. Ecco dunque che il SGC fornisce una risposta alle richieste di energia a minor impatto ambientale, soddisfacendo al tempo stesso una domanda in costante crescita

Non da ultimo, nel considerare il ruolo e l'importanza del SGC, bisogna considerare le politiche di approvvigionamento dell'Unione Europea. Se la dipendenza dell'UE dal gas russo per molti anni non ha destato particolare problemi, la criticità della situazione si è presenta solamente negli anni recenti.

Nel 2006 e nel 2009 dispute tra Ucraina e Russia – e il conseguente blocco delle esportazioni da parte di quest'ultima - sul transito di gas hanno costretto molti Paesi europei ad adottare misure di emergenza per far fronte agli ammanchi di gas. L'Unione Europea è subito intervenuta finanziando e supportando la realizzazione di progetti alternativi che permettessero l'approvvigionamento di energia da aree e attraverso rotte alternative.

Un primo esempio, fallimentare, di questa politica è stato il South Stream. Il gasdotto avrebbe dovuto portare gas russo in Europa attraverso la Bulgaria, e non più l'Ucraina. Tuttavia, complicazioni dal punto di vista procedurale e burocratico, hanno bloccato la realizzazione del progetto nelle sue fasi iniziali, coinvolgendo anche l'italiana Saipem attraverso contratti di fornitura dal valore di circa 2,5 miliardi di euro.

Ora invece il SGC ha Saputo riunire gli interessi di più Paesi al fine di realizzare un'opera in grado di trasportare fino a 120 miliardi di metri cubi di gas naturale dalla regione del Caspio fino in Europa, sollevando altre due questioni collegate.

La forte presenza di Paesi balcanici al vertice - Albania, Bosnia Erzegovina, Bulgaria, Croazia, Montenegro e Romania – sottolinea l'importanza che il progetto riveste per l'intera area. Questi governi cercano un'intesa per la realizzazione di un'ulteriore costola del SGC attraverso i loro territori fino al centro di stoccaggio e di distribuzione austriaco di Baumgartner. Tale soluzione permetterebbe ai Paesi coinvolti un facile accesso a una fonte di energia con dei prezzi contenuti al fine di sostenere e rilanciare le proprie economie.

Altro punto di attenzione è il ruolo della Russia. Coinvolta in modo marginale nella vicenda SGC, il ministro dell'Energia russo ha fatto sapere che potrebbe prendere in considerazione l'opzione di far transitare parte del gas in arrivo per mezzo del Turkish Stream attraverso la parte finale del SGC, ossia il TAP. Questa alternativa è ancora in fase di valutazione e per il momento si inserisce in un disegno più ampio di Mosca di far arrivare in Europa il gas dalle rotte settentrionali e meridionali aggirando l'Ucraina.

Il SGC si presenta dunque come un'opera dall'elevata importanza strategica che, una volta completata, sarà in grado di incidere profondamente sullo scenario energetico del fronte meridionale europeo.

Quinto Summit del Consiglio interministeriale per il Southern Gas Corridor (SGC), Baku, 20 febbraio 2019
Noi chi? L’identità ucraina in vista delle preside...
Di nome, ma non di fatto: la tormentata unione di ...

Related Posts

 

Comments (0)

There are no comments posted here yet

Leave your comments

  1. Posting comment as a guest. Sign up or login to your account.
Attachments (0 / 3)
Share Your Location

Iscriviti alla nostra Newsletter

Tag Cloud

spese militari Venezuela Ucraina Guerra fredda imperialismo Zurabishvili Levada G7 Società Poroshenko Russiagate russofobia crisi Aleksej Naval'nyj Cremlino Giovani Vladimir Putin Turkmenistan Ricostruzione Mar Baltico Cronache di viaggio Golunov spie Medio Oriente Lettonia Ara Georgia Salman comunismo Ilham Aliyev Cherchesov Riforme Soft power Nigeria HIV RussiaToday Lavrov Israele opposizione politica nucleare Assad religione Brest-Litovsk Vedemosti spesa militare Cina Business Russia Stalin Naval'nyj Battaglie storiche boicottaggio Pensioni politiche energetiche Cittadinanza lingua influenza Cripto Valley #obor internet Finlandia El'cin eroina Putin URSS Passaporto Nagorno-Karabakh Asia #commercio K-19 Minchenko Group Consulting Pietro il Grande ingerenze russe antiterrorismo TANAP stalinismo Italia Sobčak elezioni presidenzali Siria PCUS ISIS PCFR Olocausto Dmitrij Medvedev reportage monarchia Russkij Mir Democrazia proteste in Russia Mare del Nord Sicurezza Vladimir Žirinovskij SCO Kim 1941 criptovalute Nato Mondiali Corea del Sud Caspio Unione Europea tradizioni export armi russkaja ulica Pavel Grudinin candidati Politica Kiev Astana Kazakistan Kortezh Rosneft Theresa May FSB energia Demografia Prigožin Federazione Russa SGC Anatolij Sobčak trattato di pace rivoluzione di velluto Skripal Saakashvili Iran Boris Titov Serbia Idlib San Pietroburgo rivoluzioni colorate FIFA Kerč’ Tagikistan Reagan Eltsin Franco Egitto Cernenko Mondiali 2018 Flame Towers Oriente Romanov Sorge Africa Peredača diritti Difesa Gorbačëv Partito del Progresso Azerbaigian Tajikistan Chiesa ortodossa Runet politica estera LGBT Vladimir Putini estremismo Russia troll #asiacentrale partiti geopolitica Arabia Saudita ISP #silkbeltroad zar Krasnodar sondaggi elettorali Libia WC2018 Krymskij most Asia centrale minoranza Usa anti-liberalismo WCIOM propaganda Maxim Surajkin Macron elezioni Partito Comunista Chiesa Ortodossa Russa nazionalismo Francia età dei torbidi Corea gas Paesi Baltici Poltava Spagna Islam Diplomazia bitcoin Grande Gioco rete #cina Cecenia Nikita Chruščëv Gas naturale Unione Trident Juncture 2018 Grigorij Javlinskij Donbass estrema destra opinione pubblica Proteste DNS Relazioni internazionali inchiesta Vostok18 Moldavia caso Skripal #sanzioni settore estrattivo elezioni presidenziali Occidente Protocollo di Minsk Baku corruzione Costituzione Russa Arkadij Babcenko Zelenskij governo russo Michele I Sondaggi Unione sovietica Turchia S-400 nazismo Power of Siberia liberalismo dazi americani nord stream Armi Calcio Sergej Baburin Eco Internazionale Armenia Economia PIL Patriarca Kirill OPK Austria Balcani Regime Change Ksenija Sobčak opposizioni Pubblicazioni Trump LDPR terrorismo scramble for Africa Sputnik gay Transnistria Sanzioni migranti tossicodipendenza Kyrgyzstan Kuznetsov Ungheria Stati Uniti UE #economia Mediterraneo INF Gennadij Zjuganov Pashinyan scenari politici Guerra Jabloko Germania Europa Russia Unita Asia Centrale gasdotto Svezia soft power Crimea Helsinki Merkel Gibilterra Azerbaijan Gazprom Rosatom Caucaso Macedonia Uzbekistan #russia Giornalismo TAP Afghanistan SergeJ Skripal esercito Montenegro Panslavismo green energy via della seta Kirghizistan Welfare Disarmo Storia Midterm ortodossia Akinfeev Bielorussia G8 società cultura Smolensk Diritti umani Mosca Casa Bianca